13 mag 2023

BUSINESS CIRCOLARE CON AMB, B. FOR PET E PLASTICFINDER, ARRIVA TRAYREVIVE: T2T R-PET TRACCIATO SU BLOCKCHAIN

Alla fiera Interpack di Düsseldorf AMB, B. For Pet e PlacticFinder hanno presentato il progetto TrayRevive. L'impiego di PET riciclato da vaschetta a vaschetta (in inglese "tray-to-tray") nel settore alimentare è da oggi tracciato tramite blockchain. È un nuovo passo in avanti nel ciclo chiuso per i materiali da imballaggio: la storia della plastica riciclata sarà scritta sul registro condiviso e immutabile grazie alla tecnologia Certified Recycled Plastic®, messa a punto da PlasticFinder.

È la notizia della settimana, accompagnata da ricerca sulla sostenibilità fatta dalla Dynamo Academy e dallo Sda Bocconi Sustainability Lab. Novità, infine, da Coca-Coca in tema di riciclo e dal calcio con lo scudetto della sostenibilità all'Udinese. Scopriamo tutto assieme a PlasticFinder.

 

PRIMA VASCHETTA ALIMENTARE RICICLATA DA CICLO CHIUSO "PARLA" CON IL QR CODE: AMB E B. FOR PET SCELGONO CERTIFIED RECYCLED PLASTIC®

Con il progetto TrayRevive di closed loop dei vassoi in PET messo a punto da AMB e B. For Pet, la filiera italiana del riciclo della plastica ha compiuto un nuovo, importante passo verso la sostenibilità e la riciclabilità dei contenitori in PET per uso alimentare. 
Oggi, la prova di questo impegno la fornisce Certified Recycled Plastic®, il sistema targato dell'impresa innovatica milanese PlasticFinder® per la tracciabilità su blockchain della plastica riciclata. Una partnership strategica che sostiene la nuova filiera a ciclo chiuso, offre vantaggi ai suoi attori e prova che la sostenibilità nel mercato della plastica può esistere davvero. Grazie a B. For Pet e AMB inizia dunque una nuova storia per le vaschette in PET da post-consumo. L'intuizione che ha fatto nascere l'accordo risponde ad un'esigenza precisa del mercato: oggi, le vaschette in plastica per uso alimentare sono prodotte per lo più con materiale vergine o con riciclato da bottiglia, mentre le vaschette post consumo sono destinate allo smaltimento. Una situazione che, con la normativa UE che obbligherà all'utilizzo del 25% di rPET nella produzione di bottiglie a partire dal 2025, dovrà presto cambiare, spingendo le aziende a trovare nuove fonti alternative alle bottiglie per l'rPET delle vaschette. B. For Pet, azienda italiana benefit che opera nel settore del riciclo, si è trovata dunque davanti a due alternative: acquistare rifiuti dall'estero, con tutti i rischi e i costi che ne derivano, oppure trovare il modo per riciclare il PET delle vaschette che oggi finiscono negli inceneritori dopo l'utilizzo. È così che B. For Pet ha chiuso un accordo con Corepla per il recupero delle vaschette da post-consumo, collaborando con AMB, leader europeo nella produzione di film per uso alimentare. È proprio l'attenzione per la sostenibilità che ha portato le due realtà a scegliere Certified Recycled Plastic®, il programma tecnologico ideato da PlasticFinder per tracciare in maniera immutabile e verificabile il materiale lungo l'intera filiera del riciclo. Ad aiutare nell'impresa sono le tecnologie di Ledger Database, che permettono di raccogliere le informazioni relative ai lotti di materiali plastici a seconda del livello della catena del valore. Il tutto, in maniera conforme alle disposizioni normative di riferimento. Le informazioni registrate su blockchain vengono poi rese pubbliche tramite QR code univoci che, posti sui lotti o sui prodotti finiti, consentono agli stakeholder di verificare caratteristiche e provenienza del materiale. Certified Recycled Plastic® aiuterà dunque a tracciare ogni mese oltre 30 milioni di vaschette riciclate da B. For Pet, con l'ipotesi condivisa di arrivare a 100 milioni al mese entro fine anno. I vantaggi di questo sistema di tracciabilità vanno dalla trasparenza dei rapporti lungo la filiera, alla conformità delle dichiarazioni ambientali alle normative italiane e europee. Senza dimenticare che il QR code sui prodotti finiti destinati alla grande distribuzione offre ai brand un touch point diretto con i consumatori, sempre più attenti alla sostenibilità certificata. Tutto questo rappresenterà uno strumento chiave per redigere le dichiarazioni ambientali verificabili. La prima vaschetta in materiale riciclato con percentuale di tray-to-tray tracciata su blockchain è stata presentata da AMB alla fiera Interpack di Düsseldorf. PlasticFinder® e B. For Pet sono stati presenti con i loro stand a Plastic Recycling Show Europe (PRSE) di Amsterdam per presentare ai buyer e visitatori la loro offerta. "Con il progetto TrayRevive riusciamo a garantire la riciclabilità delle vaschette in PET e, dopo la loro raccolta e il riciclo, anche il riutilizzo per la produzione di altre vaschette per alimenti, mantenendo la qualità e l'aspetto estetico del film. Ora, con l'aggiunta del programma Certified Recycled Plastic®, assicuriamo ai nostri clienti la possibilità di promuovere il loro impegno per la sostenibilità", spiega Paolo Cescutti, Chief Procurement Officer di AMB: "Con AMB abbiamo iniziato un percorso importante, che Certified Recycled Plastic® ci aiuta a documentare, certificare e, soprattutto, rendere visibile a tutti. Ora lavoriamo per migliorare ancora la qualità del riciclato da vaschetta e per incrementare la resa, andando verso un ciclo chiuso tray-to-tray efficiente, sostenibile e trasparente", precisa Emmanuele Bianchini, Plant General Manager di B. For Pet:  "La collaborazione con AMB e B. For Pet – conclude Riccardo Parrini, CEO di PlasticFinder® – dimostra che buona parte della filiera è attenta alla sostenibilità e conosce il valore della trasparenza. Il nostro obiettivo ora è sensibilizzare i consumatori e dare loro modo di fare scelte più consapevoli sui materiali, chiedendo così anche ai brand di essere trasparenti sulle loro dichiarazioni di sostenibilità".

 

SOSTENIBILITÀ, IMPRESE ITALIANE SEMPRE PIÙ ATTENTE: 6 SU 10 HANNO UN COMITATO ESG

A che punto sono le imprese italiane in tema sostenibilitàSei su dieci (il 59%) hanno istituito un comitato Esg. Più della metà. Un dato che conferma come la sfida green sia all'ordine del giorno nelle strategie di business aziendali. A dirlo è la ricerca "Corporate Social Investment e Esg - Global Impact at scale" elaborata da Dynamo Academy e Sda Bocconi Sustainability Lab. La crescita economica, dunque, va di pari passo con un adeguato sviluppo sostenibile. Sono ancora i numeri a evidenziarlo. Il 37% delle aziende ha aderito allo United Nations Global Compact (UNGC), il programma delle Nazioni Unite con l'obiettivo di incoraggiare le aziende all'adozione di pratiche virtuose e sostenibili, misurando e analizzando i risultati delle azioni intraprese. E ancora. Il 44% delle aziende ha un piano di business strategico incentrato sui temi della sostenibilità.  Sostenibilità, transizione ecologica, economia circolare. Sono questi i tre pilastri su cui investire nel lungo termine. Le imprese che non saranno in grado di misurare e rendicontare l'impatto del proprio business sull'ambiente e sulla società saranno penalizzate rispetto ai competitor.

 

COCA COLA SI TINGE DI GREEN: BOTTIGLIE IN PLASTICA RICICLATA AL 100% (E CON CORIPET E IED PUNTA SUI GIOVANI DESIGNER)

Coca Cola si tinge di green: le bottigliette delle bibite utilizzate per tutti i marchi dell'azienda saranno realizzate con il 100% di plastica riciclata (rPET). Si tratta di oltre 150 milioni di confezioni realizzate interamente con plastica riciclata. Un traguardo importante, reso possibile anche grazie alla rinascita del polo della sostenibilità in provincia di Biella. La riapertura della fabbrica di Gaglianico, infatti, ha creato un impianto all'avanguardia per la lavorazione del PET riciclato, capace di trasformare fino a 30mila tonnellate di PET all'anno in nuove bottiglie in 100% PET riciclato. All'impegno della multinazionale verso l'economia circolare e il riciclo si aggiunge anche un altro tassello: la collaborazione con Coripet e IED attraverso un contest per la realizzazione di una Recycling Machine dal design innovativo, sia dal punto di vista estetico che da quello esperienziale. Bella iniziativa: stimolare e sensibilizzare le nuove generazioni è la strada da seguire per un futuro sempre più sostenibile.

 

SCUDETTO DELLA SOSTENIBILITÀ? LO VINCE L'UDINESE (È IL QUARTO CLUB DI CALCIO PIÙ GREEN IN EUROPA)

Il Napoli di Luciano Spalletti ha conquistato il suo terzo scudetto, grazie al pareggio acciuffato a Udine con il goal di Osimhen, dopo 33 anni dall'ultimo trionfo del 1990. Lo scudetto della sostenibilità? In Italia lo vince proprio l'Udinese. La squadra friulana è la più sostenibile tra i club di calcio in Italia e si posiziona sul quarto gradino del podio in Europa, davanti a Liverpool, Real Madrid e Real Betis. È il risultato del report Brand Finance Football Sustainability Perceptions Index 2023. Tante le iniziative green messe in campo dal club bianconero allenato da Andrea Sottil. L'Udinese è stata una delle prime squadre italiane ad aderire al programma delle Nazioni Unite "Sports for Climate Action". Lo stadio di casa, la Dacia Arena, è alimentato con energia rinnovabile, grazie alla partnership con Club Energy, ed è uno dei pochi stadi carbon neutral in Europa. Le divise, firmate Macron, sono realizzate con un tessuto ecosostenibile al 100% (per ogni maglia si riciclano 13 bottiglie di plastica).  «Dobbiamo essere consapevoli - racconta su La Repubblica Magda Pozzo, Strategic Marketing Coordinator dell'Udinese - che il calcio non è solo un gioco, è una passione ed un'industria con un incredibile potere comunicativo e sociale, che deve trasmettere dei messaggi positivi». Ben detto. Al di là dei colori in campo, il calcio è uno sport universale in grado di sensibilizzare il grande pubblico su pratiche virtuose e sostenibili.


Numero visualizzazioni:171

 

Articoli che potrebbero interessarti

21 mag 2024

PLASTICA GREEN DAGLI SCARTI DEL TETRAPACK: È L’ECOALLENE, L’INNOVAZIONE TUTTA ITALIANA DI ECOPLASTEAM

È un'innovazione tutta italiana che mette al centro riciclo ed economia circolare: da una confezione in tetrapak si ricava un nuovo materiale con cui realizzare vasi, dispenser, mensole, penne, pennarello e tanto altro. Una trasformazione che vede la firma di Ecoplasteam, pmi innovativa di Spinetta Marengo, in provincia di Alessandria, che ha dato vita a un nuovo polimero, l'EcoAllene, riciclabile e destinato a una diversa serie di applicazioni. L'ECOALLENE, L'INNOVAZIONE TUTTA ITALIANA DI EC...
Continua >

In primo piano

ASA - ASA LG LI965

Naturale / Neutro

1,69 €/Kg

ABS - ABS LG AF342F

Naturale / Neutro

2,15 €/Kg

HDPE - LITEN BB 85

Naturale / Neutro

1,15 €/Kg

PP Copolymer - PP COPO ACHIEVE ADVANCED PP712...

Naturale / Neutro

1,23 €/Kg

HDPE - LITEN FB 52-010

Naturale / Neutro

1,15 €/Kg

PA66 - PA 66 AQUAMID R 66G30FL

Nero

2,08 €/Kg

VENDI ANCHE TU ONLINE

Con PlasticFinder l'inserzione è anonima, gratuita e vieni pagato in anticipo per i prodotti venduti.

INZIA SUBITO!