29 gen 2022

PLASTICA NEWS: MASCHERINE, MONCLER, AMUT, NUPI INDUSTRIE ITALIANE, 3D PRINTING

Plastica news della settimana, dal 24 al 28 gennaio 2022. Scopriamole insieme per tenerci aggiornati sul mercato della plastica.

 

LE MASCHERINE MONOUSO INQUINANO? NO SE VENGONO UTILIZZATE PER REALIZZARE ASFALTO RINFORZATO

Le mascherine si stanno rivelando un presidio fondamentale per contrastare il coronavirus. Si tratta però di prodotti usa-e-getta e diventa quindi decisivo riuscire a ragionare in termini di economia circolare. È proprio quello che hanno fatto ricercatori e professori del Dipartimento di Economia, Ingegneria, Società e Impresa dell'Università della Tuscia, coordinati da Marco Marconi, assieme a Daniele Landi e Christian Spreafico del gruppo di ricerca Virtualization and Knowledge del Dipartimento di Ingegneria Gestionale dell'Informazione dell'Università degli Studi di Bergamo. La collaborazione di questi cervelli ha permesso di mettere a punto un progetto che prevede il riuso di rifiuti plastici derivanti da dispositivi di protezione individuale a fine vita (come appunto mascherine e camici) per la preparazione di «asfalti rinforzati». Asfalti, dunque, con performance migliori in termini di resistenza alla frattura e vita utile rispetto ai tradizionali. E di pari o migliore livello se confrontati con altri tipi di materiali comunemente impiegati nel campo degli asfalti rinforzati, quali ad esempio fibra di vetro o cellulosa. «Riuscire a trasformare un rifiuto in una risorsa non solo porta a vantaggi economici – spiegano Daniele Landi e Christian Spreafico in un articolo dell'AdnKronos –, ma permette di ottenere notevoli vantaggi sull'ambiente e sulle persone». La ricerca e la creatività ci regalano opportunità ogni giorno.

 

«SERVE UN CAMBIO DI MARCIA, SPAZIO ALLE AZIONI»: DICE BENE MONCLER

«Non c'è più tempo per le parole, c'è solo spazio per le azioni». Quanta verità nelle parole di Remo Ruffini, presidente Moncler, che lancia Born To Protect, collezione interamente sostenibile, con capi a basso impatto ambientale, in materiali biologici o riciclati e porta abiti realizzati con bottiglie di plastica riciclata. «Se mi guardo indietro - commenta Ruffini su Corriere.it - credo che in questi anni abbiamo fatto molto per integrare la sostenibilità nel nostro modello di business, ma se guardo davanti a noi, alle urgenti sfide sociali e ambientali, mi rendo conto che serve un netto cambio di marcia». Un netto cambio di marcia, ben detto. Noi di PlasticFinder lo abbiamo messo in atto fin dall'inizio promuovendo l'economia circolare certificata grazie all'approccio Certified Circular Plastic®. Ogni materiale plastico scambiato sulla nostra piattaforma riceve un codice identificativo unico, che garantisce trasparenza e tracciabilità a ogni livello della filiera, dal riciclatore al produttore di compound in plastica rigenerata.

 

LA TECNOLOGIA PER IL RICICLO DI PET DELLA NOVARESE AMUT VOLA IN AUSTRALIA

Da Novara all'Australia: la tecnologia per il recupero e il riciclo delle materie plastiche del gruppo Amut vola in Australia. L'azienda novarese progetterà, attraverso la divisione Ecotech, un impianto per la selezione e il riciclo di bottiglie in PET nello stato di Victoria: sarà in grado di trattare fino a 24mila tonnellate annue di polietilene post consumo proveniente da raccolta differenziata, ottenendo un materiale rigenerato che verrà commercializzato come Circular Plastic Australia. L'entrata in funzione dello stabilimento è prevista per la fine del 2022.  Per Amut si tratta di un ritorno nel continente australiano: già nel 2000 il gruppo aveva progettato per Coca Cola Amatil il primo impianto al mondo per il riciclo di bottiglie in PET post consumo, finalizzato alla produzione di rPET a suo alimentare. «La nostra tecnologia di riciclo - spiega Giovanni Cattaneo, direttore commerciale - svolge un ruolo chiave nel convertire la plastica post consumo in una risorsa preziosa. Siamo entusiasti di contribuire di nuovo a un nuovo progetto di economia circolare della plastica in Australia». Buon lavoro dal team di PlasticFinder 

 

IL SEGRETO PER NON SPRECARE PLASTICA? CONTROLLI "MANIACALI" NELLE FASI PRODUTTIVE


La Nupi Industrie Italiane, azienda specializzata nella produzione di tubature e raccordi in materiale plastico per il trasporto di fluidi in pressione, ha appena ricevuto un finanziamento di tre milioni di euro erogato da Intesa Sanpaolo.  Si tratta di soldi che saranno investiti per migliorare il grado di sostenibilità dei processi. «L'obiettivo del progetto – spiega infatti il ceo Marco Genoni in una dichiarazione riportata da Polimerica – è ridurre la quantità di materiale per unità di prodotto, sia esso un tubo o un raccordo, e l'azzeramento degli scarti di produzione non riutilizzabili e per questo oggi alienati in discarica».  Scelta senz'altro meritoria, ma da sottolinare in particolare sono però le parole utilizzate dal manager per spiegare come potrà essere raggiunto questo obiettivo. Dice, testualmente, «unicamente attraverso un controllo maniacale delle fasi produttive reso possibile dalle nuove tecnologie IoT». Bravo. La parola "maniacale" è un po' forte ma dà esattamente l'idea. L'impegno con cui devono essere oggi seguite le diverse fasi della lavorazione per limitare al minimo sprechi e scarti di produzione quando c'è di mezzo la plastica deve diventare una sorta di ossessione. I materiali di valore non si devono sprecare mai.

 

HOW USEFUL ARE 3D PRINTING TECHNOLOGIES IN SAVING LIVES

3D printing technologies in hospitals are a key tool for easing time and financial pressures on hospitals. This is the subject of the study undertaken by Dr Atanu Chaudhuri, associate professor in technology and operations management at Durham University Business School, alongside colleagues at ORT Braude College of Engineering in Israel, and the University of Southern Denmark. It is all reported on the medicalplasticsnews website. Dr Chaudhuri's study reveals that introducing such technology into hospitals could help alleviate many of the strains the UK healthcare system and healthcare systems worldwide face in the following four key ways. "The research reveals that 3D printing makes it possible for surgical teams to print 3D models based on an individual patient's surgical needs, providing more detailed and exact information for the surgeon to plan and practice the surgery, minimising the risk of error or unexpected complications. Dr Chaudhuri's study also uncovered evidence to show that the use of 3D printed anatomical models was also useful when communicating the details of the surgery to the patient, helping to increase their confidence in the procedure," reports the website. The research showed that hospitals which provided surgical teams with the ability to produce 3D printed anatomical models, surgical tools and implants saw a significant reduction in post surgery complications, patient recovery times and the need for subsequent hospital appointments or treatments. This, according to Dr Chaudhuri, is because 3D printed implants can be designed to be a perfect fit for each patient, helping the body to accept them quicker and without complications. As a result, costs are reduced for both the hospital and patient. 3D printing technology could also provide surgeons with custom-built tools for each procedure. Research shows that surgeries with durations of four to eight hours were reduced by 1.5–2.5 hours when patient specific instruments were used, meaning hospitals could potentially schedule a greater number of surgeries each day, cutting hospital waiting lists. An additional benefit is that such customisation could also make surgeries less invasive and result in less associated risks for the patient. Last but not least, the technology enables trainee surgeons to familiarise themselves with the steps to take in complex surgeries by practicing their skills on models that accurately replicate real patient problems, and with greater variety.


Numero visualizzazioni:231

 

Articoli che potrebbero interessarti

02 mar 2024

OCSE, TRENITALIA E CONSIGLIO UE SU GREENWASHING: NOTIZIE SOSTENIBILI

Ocse, Trenitalia e Consiglio Ue su greenwashing: leggiamo le notizie sostenibili della settimana selezionate da PlasticFinder. OCSE: IL PROBLEMA NON È LA PLASTICA, MA IL CICLO DI VITA DEI PRODOTTI L'Ocse ha sgombrato il campo nel rapporto "Global Plastics Outlook 2022": il vero problema non è tanto la plastica in sé, ma la gestione critica dei prodotti durante il loro ciclo di vita, in particolare nella fase del post consumo. Lo dice Vito de Ceglia sul supplemento A&F di Repubblica: «Il mondo...
Continua >

In primo piano

POM - POM MFI 9 NATURAL

Naturale / Neutro

1,69 €/Kg

PS - Styrolution PS 124N

Trasparente

1,15 €/Kg

PA66 - DURETHAN AKV35LTH3

Nero

2,25 €/Kg

PA66-GF30 - Durethan AKV 30 H3.0

Ambra

1,65 €/Kg

PA6-GF30 - Durethan BKV 30 H2.0

Nero

2,20 €/Kg

ABS - ABSXP

Grigio scuro

0,95 €/Kg

VENDI ANCHE TU ONLINE

Con PlasticFinder l'inserzione è anonima, gratuita e vieni pagato in anticipo per i prodotti venduti.

INZIA SUBITO!