[ { "id":"1247196", "category":"", "title":"OCSE, TRENITALIA E CONSIGLIO UE SU GREENWASHING: NOTIZIE SOSTENIBILI", "description":"<strong>Ocse, Trenitalia e Consiglio Ue su greenwashing</strong>: leggiamo le <strong>notizie sostenibili</strong> della settimana selezionate da PlasticFinder. <p>&nbsp;</p> <h2>OCSE: IL PROBLEMA NON È LA PLASTICA, MA IL CICLO DI VITA DEI PRODOTTI</h2> <p>L'Ocse ha sgombrato il campo nel rapporto&nbsp;<strong>\"Global Plastics Outlook 202</strong>2\":&nbsp;<strong>il vero problema non è tanto la plastica in sé, ma la gestione critica dei prodotti durante il loro ciclo di vita</strong>, in particolare nella fase del post consumo. Lo dice Vito de Ceglia sul supplemento&nbsp;<em>A&amp;F&nbsp;</em>di&nbsp;<em>Repubblica</em>: «Il mondo sta producendo il doppio dei rifiuti di plastica rispetto a due decenni fa, ma solo il 9% di questi rifiuti è stato riciclato, il 19% è stato incenerito, il 50% è finito in discariche controllate, il restante 22% è stato abbandonato, bruciato a cielo aperto o gettato nell'ambiente» Continuando così, la quantità di rifiuti di plastica prodotti nel mondo triplicherà, passando da 460 milioni di tonnellate del 2019 a 1,3 miliardi nel 2060. Secondo&nbsp;<strong>Plastics Europe</strong>, l'associazione europea dei produttori di materie plastiche,<strong>&nbsp;serve un piano d'azione con la sostituzione della plastica di origine fossile con quella circolare</strong>, puntando a target ambiziosi per passare dal 12% al 25% del consumo europeo di plastica circolare entro il 2030, per arrivare al 65% entro il 2050. «Per prima cosa è necessario sbloccare gli investimenti attraverso norme che ne rendano la realizzazione economicamente sostenibile per l'industria – spiega&nbsp;<a href=\"https://www.repubblica.it/dossier/economia/top-story/2024/02/20/news/plastica_circolare_sfida_da_235_miliardi-422170477/\"><strong>Lorenzo Bottinelli</strong></a>, presidente di Federchimica-Plastics Europe Italia, a de Ceglia –, poi occorre potenziare le infrastrutture e infine istituire un sistema europeo armonizzato di gestione dei rifiuti». Secondo&nbsp;<strong>Federchimica-Plastics Europe Italia</strong>, «<strong>dobbiamo migliorare il riciclo meccanico e investire su quello chimico per incrementare la circolarità della plastica</strong>, passando dall'attuale 12% al 25% di utilizzo di plastica circolare e incentivare l'utilizzo di bioplastiche e biopolimeri». Inoltre, bisogna puntare sul riciclo chimico: «Al momento, la soluzione migliore sembra essere il processo termochimico chiamato pirolisi, che trasforma i rifiuti di plastica in olio di pirolisi utilizzabile come materia prima per sintetizzare nuovi prodotti chimici o materiali con caratteristiche identiche a quelli prodotti con materie prime fossili\", sottolinea Bottinelli.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>TRENITALIA AMICA DELL'AMBIENTE: MENO EMISSIONI DI CO2 GRAZIE ALLE BOTTIGLIE IN R-PET SUI TRENI</h2> <p>Le&nbsp;<strong>bottiglie in R-PET</strong>&nbsp;<strong>fanno risparmiare a Trenitalia&nbsp;<a href=\"https://www.fsnews.it/it/focus-on/sostenibilita/trenitalia-bottiglie-r-pet-risparmio-emissioni-.html\">460 tonnellate di anidride carbonica in un anno</a></strong>, rispetto ai precedenti brick utilizzati. Facendo un paragone, tali emissioni si trasformerebbero a quelle pari alla CO2 assorbita da&nbsp;<strong>oltre 60mila alberi&nbsp;</strong>nell'arco di un anno. Oppure al risparmio idrico di circa 111mila metri cubi, vale a dire il volume di acqua necessario per riempire&nbsp;<strong>44 piscine olimpioniche. </strong>Sono dati che fanno riflettere quelli del case study frutto della collaborazione tra la&nbsp;<strong>Scuola Superiore Sant'Anna&nbsp;</strong>e la compagnia di trasporti e presentati in occasione del convegno \"<em>LCA e impronta ambientale come supporto all'ecodesign e al decision-making aziendale\"</em>. Valutare e misurare l'impronta ambientale dei prodotti lungo tutto il ciclo di vita, dunque, significa individuare tutta una serie di parametri che «devono&nbsp;<strong>accompagnare il prodotto come una carta d'identità</strong>&nbsp;in modo che i consumatori, sulla base di queste informazioni, siano guidati in una scelta consapevole» osserva&nbsp;<strong>Fabio Iraldo</strong>, professore ordinario di management alla Sant'Anna. «La sostenibilità - commenta&nbsp;<strong>Alessandro Zoratti</strong>, Direttore Strategie e Sostenibilità Trenitalia - rappresenta oggi la&nbsp;<strong>sfida più importante a livello globale</strong>. Il cammino della sostenibilità dobbiamo e vogliamo farlo insieme, facendo nostra la cultura della sostenibilità, affinché diventi parte del nostro quotidiano, riguardi i nostri modelli di consumo e i nostri stili di vita». Ben detto, avanti così.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>GREENWASHING, STRETTA DELL'UE SULLE FALSE DICHIARAZIONI GREEN: LA TUTELA DEI CONSUMATORI AL CENTRO</h2> A poco più di un mese dall'approvazione del Parlamento europeo, arriva anche l'ok del Consiglio Ue alla&nbsp;<strong>direttiva per fermare il greenwashing</strong>. Le nuove regole danno una&nbsp;<strong>stretta alle pratiche commerciali sleali o troppo vaghe</strong>, tutelando i diritti dei consumatori e proteggendoli da affermazioni \"green\" fuorvianti. Il tutto migliorando le informazioni in etichetta per aiutare&nbsp;a fare scelte circolari ed ecologiche. Il consumatore, dunque, deve essere messo nelle condizioni di poter valutare oggettivamente e consapevolmente le proprie scelte di acquisto. Ciò comporterà un&nbsp;<strong>nuovo approccio anche da parte di brand e aziende</strong>, che dovranno ideare e promuovere i loro prodotti sulla base di caratteristiche reali e comprovate. Una vera sfida, per la quale bisogna essere preparati. Noi di&nbsp;<strong><a href=\"https://www.certifiedrecycledplastic.com/\">Certified Recycled Plastic&reg;</a></strong>&nbsp;lo siamo. Ogni giorno ci impegniamo per fermare il greenwashing offrendo una&nbsp;<a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/notizie/content/read/il-futuro-degli-acquisti-e-sempre-piu-sostenibile-cresce-l-attenzione-per-tracciabilita-e-trasparenza\">soluzione innovativa dedicata alle aziende del settore alimentare</a>. Il nostro&nbsp;<a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/notizie/content/read/certified-recycled-plastic-ai-microfoni-di-rds-acquisti-green-e-consapevoli-grazie-a-tracciabilita-e-trasparenza\"><strong>sistema di tracciabilità basato sulla blockchain</strong></a>&nbsp;è in grado di digitalizzare la catena di custodia dei prodotti, fornendo ai consumatori un'informazione corretta, trasparente e verificabile in qualsiasi momento sul materiale plastico riciclato utilizzato.", "permalink":"ocse-trenitalia-e-consiglio-ue-su-greenwashing-notizie-sostenibili", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1247242/NEWSLETTER+%283%29.jpg/47951d0a-af6c-430a-b0c6-7cfca84dd8c6?t=1709328033000", "date":"2024-03-02T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce"] } , { "id":"1247169", "category":"", "title":"OCSE: IL PROBLEMA NON È LA PLASTICA, MA IL CICLO DI VITA DEI PRODOTTI", "description":"<p>L'Ocse ha sgombrato il campo nel rapporto <strong>\"Global Plastics Outlook 202</strong>2\": <strong>il vero problema non è tanto la plastica in sé, ma la gestione critica dei prodotti durante il loro ciclo di vita</strong>, in particolare nella fase del post consumo. Lo dice Vito de Ceglia sul supplemento <em>A&amp;F </em>di <em>Repubblica</em>: «Il mondo sta producendo il doppio dei rifiuti di plastica rispetto a due decenni fa, ma solo il 9% di questi rifiuti è stato riciclato, il 19% è stato incenerito, il 50% è finito in discariche controllate, il restante 22% è stato abbandonato, bruciato a cielo aperto o gettato nell'ambiente» Continuando così, la quantità di rifiuti di plastica prodotti nel mondo triplicherà, passando da 460 milioni di tonnellate del 2019 a 1,3 miliardi nel 2060.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>THE PLASTICS TRANSITION: SOSTITUIRE PLASTICA FOSSILE CON CIRCOLARE</h2> <p>Secondo <strong>Plastics Europe</strong>, l'associazione europea dei produttori di materie plastiche,<strong> serve un piano d'azione con la sostituzione della plastica di origine fossile con quella circolare</strong>, puntando a target ambiziosi per passare dal 12% al 25% del consumo europeo di plastica circolare entro il 2030, per arrivare al 65% entro il 2050. «Per prima cosa è necessario sbloccare gli investimenti attraverso norme che ne rendano la realizzazione economicamente sostenibile per l'industria – spiega <a href=\"https://www.repubblica.it/dossier/economia/top-story/2024/02/20/news/plastica_circolare_sfida_da_235_miliardi-422170477/\"><strong>Lorenzo Bottinelli</strong></a>, presidente di Federchimica-Plastics Europe Italia, a de Ceglia –, poi occorre potenziare le infrastrutture e infine istituire un sistema europeo armonizzato di gestione dei rifiuti».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>RICICLO MECCANICO E CHIMICO: PRO E CONTRO</h2> <p>Secondo <strong>Federchimica-Plastics Europe Italia</strong>, «<strong>dobbiamo migliorare il riciclo meccanico e investire su quello chimico per incrementare la circolarità della plastica</strong>, passando dall'attuale 12% al 25% di utilizzo di plastica circolare e incentivare l'utilizzo di bioplastiche e biopolimeri». Inoltre, bisogna puntare sul riciclo chimico: «Al momento, la soluzione migliore sembra essere il processo termochimico chiamato pirolisi, che trasforma i rifiuti di plastica in olio di pirolisi utilizzabile come materia prima per sintetizzare nuovi prodotti chimici o materiali con caratteristiche identiche a quelli prodotti con materie prime fossili\", sottolinea Bottinelli.</p>", "permalink":"ocse-il-problema-non-e-la-plastica-ma-il-ciclo-di-vita-dei-prodotti", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1247121/A%26F.jpg/fa3ff15b-d589-46aa-96cd-43143813bb4a?t=1709324400288", "date":"2024-03-01T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Environment"] } , { "id":"1245756", "category":"", "title":"GREENWASHING, STRETTA DELL'UE SULLE FALSE DICHIARAZIONI GREEN: LA TUTELA DEI CONSUMATORI AL CENTRO", "description":"<p>A poco più di un mese dall'approvazione del Parlamento europeo, arriva anche l'ok del Consiglio Ue alla <strong>direttiva per fermare il greenwashing</strong>. Le nuove regole danno una <strong>stretta alle pratiche commerciali sleali o troppo vaghe</strong>, tutelando i diritti dei consumatori e proteggendoli da affermazioni \"green\" fuorvianti. Il tutto migliorando le informazioni in etichetta per aiutare&nbsp;a fare scelte circolari ed ecologiche.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>GREENWASHING, STRETTA DELL'UE&nbsp;</h2> <p>Il consumatore, dunque, deve essere messo nelle condizioni di poter valutare oggettivamente e consapevolmente le proprie scelte di acquisto. Ciò comporterà un <strong>nuovo approccio anche da parte di brand e aziende</strong>, che dovranno ideare e promuovere i loro prodotti sulla base di caratteristiche reali e comprovate.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>LA TUTELA DEI CONSUMATORI AL CENTRO</h2> <p>Una vera sfida, per la quale bisogna essere preparati. Noi di <strong><a href=\"https://www.certifiedrecycledplastic.com/\">Certified Recycled Plastic&reg;</a></strong> lo siamo. Ogni giorno ci impegniamo per fermare il greenwashing offrendo una <a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/notizie/content/read/il-futuro-degli-acquisti-e-sempre-piu-sostenibile-cresce-l-attenzione-per-tracciabilita-e-trasparenza\">soluzione innovativa dedicata alle aziende del settore alimentare</a>. Il nostro <a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/notizie/content/read/certified-recycled-plastic-ai-microfoni-di-rds-acquisti-green-e-consapevoli-grazie-a-tracciabilita-e-trasparenza\"><strong>sistema di tracciabilità basato sulla blockchain</strong></a> è in grado di digitalizzare la catena di custodia dei prodotti, fornendo ai consumatori un'informazione corretta, trasparente e verificabile in qualsiasi momento sul materiale plastico riciclato utilizzato.&nbsp;</p>", "permalink":"greenwashing-stretta-dell-ue-sulle-false-dichiarazioni-green-la-tutela-dei-consumatori-al-centro", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1245738/stop-greenwashing-ue-certified-recycled-plastic.jpg/5fd3db1d-76c2-4a47-ac8e-b6ad1c49f991?t=1709032763614", "date":"2024-02-28T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Market data","Business / e-commerce","Environment","Job posting"] } , { "id":"1245533", "category":"", "title":"TRENITALIA AMICA DELL'AMBIENTE: MENO EMISSIONI DI CO2 GRAZIE ALLE BOTTIGLIE IN R-PET SUI TRENI", "description":"<p>Le <strong>bottiglie in R-PET</strong> <strong>fanno risparmiare a Trenitalia <a href=\"https://www.fsnews.it/it/focus-on/sostenibilita/trenitalia-bottiglie-r-pet-risparmio-emissioni-.html\">460 tonnellate di anidride carbonica in un anno</a></strong>, rispetto ai precedenti brick utilizzati. Facendo un paragone, tali emissioni si trasformerebbero a quelle pari alla CO2 assorbita da <strong>oltre 60mila alberi </strong>nell'arco di un anno. Oppure al risparmio idrico di circa 111mila metri cubi, vale a dire il volume di acqua necessario per riempire <strong>44 piscine olimpioniche.</strong></p> <p>&nbsp;</p> <h2>TRENITALIA AMICA DELL'AMBIENTE</h2> <p>Sono dati che fanno riflettere quelli del case study frutto della collaborazione tra la <strong>Scuola Superiore Sant'Anna </strong>e la compagnia di trasporti e presentati in occasione del convegno \"<em>LCA e impronta ambientale come supporto all'ecodesign e al decision-making aziendale\"</em>. Valutare e misurare l'impronta ambientale dei prodotti lungo tutto il ciclo di vita, dunque, significa individuare tutta una serie di parametri che «devono <strong>accompagnare il prodotto come una carta d'identità</strong> in modo che i consumatori, sulla base di queste informazioni, siano guidati in una scelta consapevole» osserva <strong>Fabio Iraldo</strong>, professore ordinario di management alla Sant'Anna</p> <p>&nbsp;</p> <h2>MENO EMISSIONI DI CO2 GRAZIE ALLE BOTTIGLIE IN R-PET</h2> <p>«La sostenibilità - commenta <strong>Alessandro Zoratti</strong>, Direttore Strategie e Sostenibilità Trenitalia - rappresenta oggi la <strong>sfida più importante a livello globale</strong>. Il cammino della sostenibilità dobbiamo e vogliamo farlo insieme, facendo nostra la cultura della sostenibilità, affinché diventi parte del nostro quotidiano, riguardi i nostri modelli di consumo e i nostri stili di vita». Ben detto, avanti così.&nbsp;</p>", "permalink":"trenitalia-amica-dell-ambiente-meno-emissioni-di-co2-grazie-alle-bottiglie-in-r-pet-sui-treni", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1245515/trenitalia-rpet-co2-lca-ambiente-plastica-riciclata-plasticfinder.jpg/edf28475-a3c5-4295-947e-256537d101e2?t=1709017550792", "date":"2024-02-27T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Market data","Business / e-commerce","Environment","Job posting"] } , { "id":"1245345", "category":"", "title":"IL FUTURO DEGLI ACQUISTI È SEMPRE PIÙ SOSTENIBILE: CRESCE L'ATTENZIONE PER TRACCIABILITÀ E TRASPARENZA", "description":"<p>Sostenibilità ed economia circolare stanno modificando le regole del gioco tra brand e consumatori. Fino a che punto? «C'è uno sforzo sempre maggiore - spiega <a href=\"https://stream24.ilsole24ore.com/video/economia/sostenibilita-giordano-imprese-attente-scelte-consumatori/AFZITRjC\"><strong>Filippo Giordano</strong></a>, membro del Comitato scientifico de Il Salone della CSR e dell'innovazione sociale e professore ordinario di Economia Aziendale dell'università Lumsa - nel coinvolgere il consumatore nei processi di produzione in senso ampio. C'è <strong>sempre più attenzione verso la trasparenza, per esempio rispetto al tema della tracciabilità</strong>. Se il consumatore \"sceglie\" esercita una pressione sulle imprese. In realtà l'ha sempre esercitata, ma oggi può farlo maggiormente per <strong>spingere le imprese a modificare i propri modelli di business e i propri prodotti</strong>, aumentando la loro qualità e il beneficio per chi li compra».&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>IL FUTURO DEGLI ACQUISTI? PIÙ SOSTENIBILE</h2> <p>Tracciabilità da un lato, trasparenza dall'altro: è questo il mix vincente che ci ha spinto a ideare il programma tecnologico<a href=\"https://www.certifiedrecycledplastic.com/\"> <strong>Certified Recycled Plastic&reg;</strong></a>, che si rivolge a tutte quelle aziende che operano nella catena del riciclo, con l'obiettivo di tracciare il materiale plastico su tutti i livelli della filiera.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>CRESCE ATTENZIONE PER TRACCIABILITÀ E TRASPARENZA</h2> <p>Essere un'impresa tracciabile vuole dire diventare portavoce di un i<strong>mpegno di sostenibilità riconosciuto e verificabile</strong>. Con un vantaggio competitivo nei confronti dei consumatori, che possono fare acquisti più consapevoli grazie a un semplice <a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/notizie/content/read/italiani-pronti-al-qr-code-per-una-spesa-piu-consapevole-certified-recycled-plastic-la-soluzione-per-il-settore-alimentare\">QR code posto sui prodotti:</a> è da lì che si conosce tutta la storia delle risorse plastiche, in ogni fase del processo.</p>", "permalink":"il-futuro-degli-acquisti-e-sempre-piu-sostenibile-cresce-l-attenzione-per-tracciabilita-e-trasparenza", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1245327/certified-recycled-plastic-spesa-green-sostenibilit%C3%A0.jpg/e68750ed-9408-4f2a-bf7c-053452c405f1?t=1708937336864", "date":"2024-02-26T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Market data","Business / e-commerce","Environment","Job posting"] } , { "id":"1245015", "category":"", "title":"DOMANDA PLASTICA RICICLATA, PLASTICFINDER FA 8 ANNI, FLACONE MISTERIOSO: LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA", "description":"<p><strong>Cresce la richiesta di plastica riciclata</strong>, primi <strong>8 anni di PlasticFinder</strong> e il <strong>flacone misterioso</strong>: scopriamo le notizie della settimana.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>PLASTICFINDER, GENNAIO 2024: +23 PER CENTO RICHIESTE DI PLASTICA RICICLATA</h2> <p>È il paradosso del riciclo:<strong>&nbsp;la domanda di plastica riciclata per imballaggi corre a una velocità tale che entro il 2030 a livello globale la domanda supererà l'offerta</strong>. Il mese di gennaio 2024 si è chiuso registrando – rispetto al mese di gennaio 2023 – una&nbsp;<strong>forte richiesta di materie plastiche riciclate pari a un incremento del 23 per cento</strong>. A raccontarlo è<em><strong>&nbsp;Italiaeconomy</strong></em>&nbsp;presentando i dati positivi di&nbsp;<strong>PlasticFinder</strong>,&nbsp;piattaforma&nbsp;nata&nbsp;in Italia 8 anni fa. «Di fronte alla domanda crescente serve sempre maggiore trasparenza – spiega Stefano Chiaramondia, presidente esecutivo di PlasticFinder al periodico delle tendenze dell'economia in Italia –. Oltre a facilitare la compravendita di materie plastiche vergini e riciclate con una tecnologia che garantisce affidabilità, qualità, compliance alle norme europee (End of Waste, REACH, tracciabilità), il portale offre strumenti per la garanzia di autenticità e qualità dei materiali plastici riciclati. Partecipando al programma tecnologico Certified Recycled Plastic&reg; e utilizzando la tecnologia blockchain, assicuriamo che le informazioni sui prodotti siano trascritte in modo immutabile e sempre verificabili. I venditori possono dimostrare che i loro prodotti rispettano gli elevati standard dell'UE, mentre gli acquirenti possono fidarsi della qualità e dell'origine del materiale acquistato. Inoltre, il codice QR fornito ad ogni acquisto permette un facile accesso a tutte le informazioni del prodotto, aumentando la trasparenza e aiutando nella lotta contro il greenwashing». Che il greenwashing sia \"il problema\" che tocca l'intera filiera della plastica (dal riciclatore al converter, dal consumatore al brand owner, fino all'autorità pubblica) è confermato dalla recentissima approvazione (lo scorso gennaio) a larghissima maggioranza da parte del Parlamento Europeo della Direttiva EU contro il greenwashing e le informazioni ingannevoli. «Nonostante la crescente attenzione alla sostenibilità – continua Stefano Chiaramondia – esiste una carenza, a livello mondiale, di materie plastiche di qualità e riciclate secondo le normative. Sono prevedibili un consistente aumento dei prezzi e una complessità legata alla distribuzione, che finora non ha operato in modo significativo nel mercato dei riciclati proprio per la disomogeneità dei prodotti e la frammentazione dei produttori. A livello normativo si sono fatti (e si stanno facendo) passi in avanti verso un futuro più sostenibile e questo è sicuramente un aspetto positivo, ma la strada che conduce a un mondo green è ancora molto lunga. La legge è molto chiara e le pene sono, giustamente, molto severe. PlasticFinder risponde a questo bisogno, essendosi dotata delle autorizzazioni REACH necessarie per immettere sul mercato europeo i principali polimeri (specificamente PET e PE), su cui si concentrerà la domanda nei prossimi anni. L'obiettivo è ridurre la richiesta di materiale vergine, dare nuova vita ai materiali plastici e garantire sicurezza e legalità. Su questi aspetti c'è molto da fare. Sulla piattaforma sono state scambiate oltre 5.500 tonnella nel 2023, di cui il 70% di prodotti riciclati conformi alle normative. Il modello di business innovativo di PlasticFinder&reg; mira a creare un ecosistema perfetto per una gestione della plastica sempre più conforme alle leggi e sostenibile».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>PLASTICA RICICLATA NEL 60% DEGLI SCAMBI: I PRIMI OTTO ANNI DI PLASTICFINDER SONO DEDICATI ALL'AMBIENTE</h2> <p>Oggi&nbsp;<strong>PlasticFinder compie 8 anni</strong>! E da quel \"lontano\" 20 febbraio 2016 di strada ne è stata fatta davvero tanta. Forse, addirittura più di quella che era nei desideri dei soci fondatori e del presidente&nbsp;<strong>Stefano Chiaramondia</strong>. E siccome i numeri aiutano sempre a farsi un'idea più precisa della realtà, ci piace sottolineare che oggi gli&nbsp;<strong>utenti aziendali registrati</strong>&nbsp;sulla piattaforma di questo marketplace della plastica&nbsp;<strong>sono oltre 3.300</strong>. Un numero che sta crescendo con sempre maggiore forza. Le transazioni concluse&nbsp;<strong>sono già più di 2400</strong>&nbsp;e supera ormai i&nbsp;<strong>27 milioni di euro&nbsp;</strong>il valore di materia plastica scambiata sulla piattaforma. E proprio a proposito di quest'ultimo dato, va ricordato che<strong>&nbsp;il 60%&nbsp;di questo valore è rappresentato da prodotto riciclato</strong>. Ben più della metà, dunque.&nbsp; Un'ulteriore dimostrazione del fatto che PlasticFinder rappresenta anche un'occasione straordinaria per promuovere un&nbsp;<strong>utilizzo più consapevole della plastica</strong>, evitandone al massimo dispersione e sprechi, e creando le premesse migliori alla possibilità di riutilizzo e riciclo. Vogliamo continuare su questa strada, lavorando ogni giorno con entusiasmo per offrire il nostro&nbsp;<strong>contributo concreto all'ambiente</strong>&nbsp;e al settore della plastica.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>IL FLACONE \"MISTERIOSO\": QUANTA PLASTICA RICICLATA CONTIENE?</h2> <p>Se leggete \"<strong>flacone con plastica riciclata</strong>\", come quello qui sotto nella foto, cosa pensate?</p> Stavolta, niente percentuali. Niente 40, 70 o 95% di plastica riciclata. Soltanto un generico: \"Flacone con plastica riciclata\".&nbsp;<strong>Ambiguità totale</strong>. E dunque, paradossalmente,&nbsp;<strong>totale correttezza</strong>: sì, perché messaggi simili risulterebbero confermati nei fatti anche se la percentuale di plastica riciclata utilizzata fosse pari allo 0,1%. Tanto, mica è stato specificato.&nbsp; Però, scrivendo \"flacone con plastica riciclata\", un consumatore distratto&nbsp;<strong>potrebbe essere&nbsp;indotto a pensare&nbsp;</strong>che l'intero packaging sia riciclato al 100%. E allora? Qual è la percentuale corretta? Qual è la realtà? Giocare con le parole è fantastico se devi comporre una poesia, non quando c'è di mezzo il rapporto coi consumatori.&nbsp;<strong>Certified Recycled Plastic&reg;</strong>&nbsp;consente agli esperti di marketing di continuare a fare il loro lavoro come preferiscono, però dà modo alle aziende di far avere ai propri consumatori un'informazione sempre&nbsp;<strong>trasparente, corretta e verificabile</strong>&nbsp;sulla plastica riciclata che viene utilizzata attraverso la blockchain. Basta giocare con le parole.", "permalink":"domanda-plastica-riciclata-plasticfinder-fa-8-anni-flacone-misterioso-le-notizie-della-settimana", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1245274/NEWSLETTER+%282%29.jpg/cb8c0e82-7f4d-4d66-8bf4-06f017d0a606?t=1708722108000", "date":"2024-02-25T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce"] } , { "id":"1244975", "category":"", "title":"PLASTICFINDER, GENNAIO 2024: +23 PER CENTO RICHIESTE DI PLASTICA RICICLATA", "description":"<p>È il paradosso del riciclo:<strong> la domanda di plastica riciclata per imballaggi corre a una velocità tale che entro il 2030 a livello globale la domanda supererà l'offerta</strong>. Il mese di gennaio 2024 si è chiuso registrando – rispetto al mese di gennaio 2023 – una <strong>forte richiesta di materie plastiche riciclate pari a un incremento del 23 per cento</strong>. A raccontarlo è<strong><em> Italiaeconomy</em></strong> presentando i dati positivi di <strong>PlasticFinder</strong>,&nbsp;piattaforma&nbsp;nata&nbsp;in Italia 8 anni fa.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>CHIARAMONDIA: CRESCE DOMANDA PLASTICA RICICLATA, SERVE TRASPARENZA</h2> <p>«Di fronte alla domanda crescente serve sempre maggiore trasparenza – spiega Stefano Chiaramondia, presidente esecutivo di PlasticFinder al periodico delle tendenze dell'economia in Italia –. Oltre a facilitare la compravendita di materie plastiche vergini e riciclate con una tecnologia che garantisce affidabilità, qualità, compliance alle norme europee (End of Waste, REACH, tracciabilità), il portale offre strumenti per la garanzia di autenticità e qualità dei materiali plastici riciclati. Partecipando al programma tecnologico Certified Recycled Plastic&reg; e utilizzando la tecnologia blockchain, assicuriamo che le informazioni sui prodotti siano trascritte in modo immutabile e sempre verificabili. I venditori possono dimostrare che i loro prodotti rispettano gli elevati standard dell'UE, mentre gli acquirenti possono fidarsi della qualità e dell'origine del materiale acquistato. Inoltre, il codice QR fornito ad ogni acquisto permette un facile accesso a tutte le informazioni del prodotto, aumentando la trasparenza e aiutando nella lotta contro il greenwashing».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>PLASTICFINDER: STRADA CHE CONDUCE A MONDO GREEN MOLTO LUNGA</h2> <p>Che il greenwashing sia \"il problema\" che tocca l'intera filiera della plastica (dal riciclatore al converter, dal consumatore al brand owner, fino all'autorità pubblica) è confermato dalla recentissima approvazione (lo scorso gennaio) a larghissima maggioranza da parte del Parlamento Europeo della Direttiva EU contro il greenwashing e le informazioni ingannevoli. «Nonostante la crescente attenzione alla sostenibilità – continua Stefano Chiaramondia – esiste una carenza, a livello mondiale, di materie plastiche di qualità e riciclate secondo le normative. Sono prevedibili un consistente aumento dei prezzi e una complessità legata alla distribuzione, che finora non ha operato in modo significativo nel mercato dei riciclati proprio per la disomogeneità dei prodotti e la frammentazione dei produttori. A livello normativo si sono fatti (e si stanno facendo) passi in avanti verso un futuro più sostenibile e questo è sicuramente un aspetto positivo, ma la strada che conduce a un mondo green è ancora molto lunga. La legge è molto chiara e le pene sono, giustamente, molto severe. PlasticFinder risponde a questo bisogno, essendosi dotata delle autorizzazioni REACH necessarie per immettere sul mercato europeo i principali polimeri (specificamente PET e PE), su cui si concentrerà la domanda nei prossimi anni. L'obiettivo è ridurre la richiesta di materiale vergine, dare nuova vita ai materiali plastici e garantire sicurezza e legalità. Su questi aspetti c'è molto da fare. Sulla piattaforma sono state scambiate oltre 5.500 tonnella nel 2023, di cui il 70% di prodotti riciclati conformi alle normative. Il modello di business innovativo di PlasticFinder&reg; mira a creare un ecosistema perfetto per una gestione della plastica sempre più conforme alle leggi e sostenibile».</p>", "permalink":"plasticfinder-gennaio-2024-23-per-cento-richieste-di-plastica-riciclata", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1244957/Stefano-Chiaramondia_Presidente-PlastiFinder-850x560.jpeg.jpg/75896f6c-7bb2-4bd2-b6e6-ed62daf19ef7?t=1708720291885", "date":"2024-02-23T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce"] } , { "id":"1243425", "category":"", "title":"B4PET: IL CONSUMATORE HA BISOGNO DI GARANZIE SUL RICICLO, LA SOLUZIONE BLOCKCHAIN", "description":"<p><a href=\"https://b4pet.com/\">B4Pet</a>, è un'azienda impegnata dal 2011 nel riciclo di materie plastiche provenienti dalla raccolta differenziata e dagli scarti di lavorazione. È stata <strong>una delle prime realtà </strong>a credere nel valore della tecnologia <a href=\"https://www.certifiedrecycledplastic.com/\">Certified Recycled Plastic&reg;</a>.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>BASTA UN QR CODE</h2> <p><strong>Emmanuele Bianchini</strong> è il consigliere delegato di questa bella attività imprenditoriale e, intervistato da <em>Askanews</em> qualche tempo fa, ha dato, con poche parole, un'idea chiara del valore del nostro servizio.</p> <p>«Il consumatore – spiega nel servizio rilanciato sul sito del <em>Sole 24 Ore</em> – ha bisogno di avere delle garanzie che ci sia un <strong>processo virtuoso di riciclo</strong>. Noi non abbiamo fatto altro che applicare la tecnologia <strong>blockchain</strong>: sulla vaschetta che arriva a scaffale c'è un <strong>Qr Code</strong>. Inquadrandolo, il consumatore conosce la vita del prodotto. Può sapere quindi che quella vaschetta è stata prodotta nello stabilimento \"X\" dell'azienda di Udine, con il materiale riciclato dalla B4Pet di Benevento, con vaschette raccolte nella provincia di Bari dall'azienda \"tal dei tali\". Tutto garantito e certificato».&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>TRASPARENZA OBIETTIVO CHIAVE</h2> <p>Collaborazioni come questa ci rafforzano nella convinzione che siamo sulla strada giusta e che la <strong>trasparenza</strong>, quando si parla di riciclo, è uno degli obiettivi più importanti per ogni consumatore.</p> <p><a href=\"https://stream24.ilsole24ore.com/video/economia/ecomondo-b4pet-qrcode-seguire-filiera-riciclo/AFhF9IcB\">GUARDA IL VIDEO DI ASKANEWS</a></p>", "permalink":"b4pet-il-consumatore-ha-bisogno-di-garanzie-sul-riciclo-la-soluzione-blockchain", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1243407/b4pet-crp.JPEG/61f2978e-329a-4772-a81c-cfd2d83ebb2a?t=1708512741000", "date":"2024-02-21T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce","Environment"] } , { "id":"1242523", "category":"", "title":"PLASTICA RICICLATA NEL 60% DEGLI SCAMBI: I PRIMI OTTO ANNI DI PLASTICFINDER SONO DEDICATI ALL'AMBIENTE", "description":"<p>Oggi <strong>PlasticFinder compie 8 anni</strong>! E da quel \"lontano\" 20 febbraio 2016 di strada ne è stata fatta davvero tanta. Forse, addirittura più di quella che era nei desideri dei soci fondatori e del presidente <strong>Stefano Chiaramondia</strong>.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>GLI UTENTI REGISTRATI SONO 3.300</h2> <p>E siccome i numeri aiutano sempre a farsi un'idea più precisa della realtà, ci piace sottolineare che oggi gli <strong>utenti aziendali registrati</strong> sulla piattaforma di questo marketplace della plastica <strong>sono oltre 3.300</strong>. Un numero che sta crescendo con sempre maggiore forza.</p> <p>Le transazioni concluse&nbsp;<strong>sono già più di 2400</strong>&nbsp;e supera ormai i&nbsp;<strong>27 milioni di euro&nbsp;</strong>il valore di materia plastica scambiata sulla piattaforma. E proprio a proposito di quest'ultimo dato, va ricordato che<strong>&nbsp;il 60%&nbsp;di questo valore è rappresentato da prodotto riciclato</strong>. Ben più della metà, dunque.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>MENO SPRECHI, MAGGIORE RICICLO</h2> <p>Un'ulteriore dimostrazione del fatto che PlasticFinder rappresenta anche un'occasione straordinaria per promuovere un <strong>utilizzo più consapevole della plastica</strong>, evitandone al massimo dispersione e sprechi, e creando le premesse migliori alla possibilità di riutilizzo e riciclo.</p> <p>Vogliamo continuare su questa strada, lavorando ogni giorno con entusiasmo per offrire il nostro <strong>contributo concreto all'ambiente</strong> e al settore della plastica.</p>", "permalink":"plastica-riciclata-nel-60-degli-scambi-i-primi-otto-anni-di-plasticfinder-sono-dedicati-all-ambiente", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1242505/compleanno-PlasticFinder-8-anni.jpg/7f223693-e790-403d-98f6-c635d4608f95?t=1708353486239", "date":"2024-02-20T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce","Environment"] } , { "id":"1242220", "category":"", "title":"IL FLACONE \"MISTERIOSO\": QUANTA PLASTICA RICICLATA CONTIENE?", "description":"<p>Se leggete \"<strong>flacone con plastica riciclata</strong>\", come quello qui sotto nella foto, cosa pensate?</p> <p>Stavolta, niente percentuali. Niente 40, 70 o 95% di plastica riciclata. Soltanto un generico: \"Flacone con plastica riciclata\". <strong>Ambiguità totale</strong>. E dunque, paradossalmente, <strong>totale correttezza</strong>: sì, perché messaggi simili risulterebbero confermati nei fatti anche se la percentuale di plastica riciclata utilizzata fosse pari allo 0,1%. Tanto, mica è stato specificato.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>LA DISTRAZIONE È FATALE</h2> <p>Però, scrivendo \"flacone con plastica riciclata\", un consumatore distratto <strong>potrebbe essere&nbsp;indotto a pensare </strong>che l'intero packaging sia riciclato al 100%. E allora? Qual è la percentuale corretta? Qual è la realtà?</p> <p>&nbsp;</p> <h2>NON GIOCARE CON LE PAROLE</h2> <p>Giocare con le parole è fantastico se devi comporre una poesia, non quando c'è di mezzo il rapporto coi consumatori. <strong>Certified Recycled Plastic&reg;</strong> consente agli esperti di marketing di continuare a fare il loro lavoro come preferiscono, però dà modo alle aziende di far avere ai propri consumatori un'informazione sempre <strong>trasparente, corretta e verificabile</strong> sulla plastica riciclata che viene utilizzata attraverso la blockchain.</p> <p>Basta giocare con le parole.</p>", "permalink":"il-flacone-misterioso-quanta-plastica-riciclata-contiene-", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1242202/Flacone-plastica-riciclata-crp.JPEG/e2eccf9a-8760-4b19-b494-ab5c348bddca", "date":"2024-02-19T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce","Environment"] } , { "id":"1241567", "category":"", "title":"RICICLO IN EUROPA, PLASTICA-SETA, QR CODE VS CODICE A BARRE: 3 NOTIZIE DELLA SETTIMANA", "description":"<p><strong>Quadro normativo UE per il riciclo</strong>, la <strong>ricerca della plastica che diventa seta</strong> e<strong> QR code più note del codice a barre</strong>: scopriamo le notizie della settimana.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>PLASTICA, CRESCE IL RICICLO IN UE MA SERVE UN QUADRO LEGISLATIVO PER GARANTIRE CIRCOLARITÀ DEL SETTORE</h2> <p>Nel 2022 la&nbsp;<strong>capacità industriale di riciclo della plastica installata in Europa&nbsp;</strong>tocca quota&nbsp;<strong>12,5 milioni di tonnellate</strong>&nbsp;anche se, a causa delle forti insofferenze del mercato, il tasso di crescita si attesta al 10% rispetto al 17% dell'anno precedente. La stima arriva dalla federazione europa dei riciclatori di materie plastiche,&nbsp;<strong><a href=\"https://www.macplas.it/index.php/it/ambiente/il-riciclo-europeo-cresce-ma-risente-della-contrazione-del-mercato\">Plastics Recyclers Europe (PRE)</a></strong>. Per raggiungere gli&nbsp;<a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/notizie/content/read/plastica-riciclata-coripet-in-prima-linea-per-il-raggiungimento-degli-obiettivi-sup\">obiettivi di riciclo complessivi che l'Europa</a>&nbsp;chiede ai suoi Stati entro il 2025,&nbsp;<strong>occorre fare ancora di più e meglio</strong>. «È indispensabile progredire - commenta&nbsp;<strong>Ton Emans</strong>, presidente PRE - per<strong>&nbsp;garantire la vitalità e la sostenibilità dell'industria del riciclo delle plastiche.&nbsp;</strong>Nel 2023&nbsp;il settore è stato colpito da una&nbsp;<strong>preoccupante riduzione della domanda di riciclati</strong>, dovuta ai bassi prezzi delle plastiche vergini a causa della riduzione della produzione industriale nell'Ue e alle<strong>&nbsp;importazioni a basso costo di plastica riciclata da paesi extra-Ue</strong>. In futuro, l'applicazione delle misure legislative sarà essenziale per&nbsp;<a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/notizie/content/read/plastica-s-p-global-2024-anno-cruciale-per-la-sostenibilita-plasticfinder-partner-ideale\">garantire e assicurare che i progressi possano continuare</a>». Più controlli, dunque, della qualità e dei requisiti del riciclato di importazione per creare condizioni di parità nei mercati a supporto&nbsp; dell'industria della plastica europea. I prossimi procedimenti legislativi, tra cui anche il Regolamento su imballaggi e rifiuti da imballaggio PPWR, saranno passaggi fondamentali per&nbsp;<strong>accelerare verso una maggiore circolarità del settore</strong>.</p> <h2>&nbsp;</h2> <h2>DALLA PLASTICA ALL SETA GRAZIE ALL'EDITING GENETICO (DEL RENSSELAER POLYTECHNIC INSTITUTE)</h2> <p><strong>E se la plastica diventasse seta biodegradabile?</strong>&nbsp;È la sfida del&nbsp;<strong>Rensselaer Polytechnic Institute&nbsp;</strong>(RPI) negli Stati Uniti d'America. Vediamo nel dettaglio, assieme a<em>&nbsp;Ohga!</em>, di che cosa si tratta. Grazie all'utilizzo di batteri, i ricercatori hanno trovato un modo veloce per&nbsp;<strong>trasformare la plastica in un materiale molto simile alla seta del ragno</strong>, ma molto più resistente: «Questa trasformazione è stata fatta grazie all'editing genetico: i microorganismi sono stati modificati per produrre un materiale simile alla seta, inserendo una sequenza di aminoacidi simili a una proteina trovata nella seta», spiega&nbsp;<strong>Francesca Castagna&nbsp;</strong>sulla testata giornalistica. La conclusione di&nbsp;<em>Ohga!</em>&nbsp;non può non trovare tutti d'accordo: «<strong>Se si riuscisse ad arrivare a una soluzione per risolvere il problema dell'inquinamento della plastica, ne gioverebbe sia l'essere umano che l'ambiente</strong>». Esperimento, dunque, da seguire con grande attenzione.</p> <h2>&nbsp;</h2> <h2>ITALIANI PRONTI AL QR CODE PER UNA SPESA PIÙ CONSAPEVOLE: CERTIFIED RECYCLED PLASTIC&reg; LA SOLUZIONE PER IL SETTORE ALIMENTARE</h2> Le etichette dei prodotti hanno un ruolo sempre più determinante nelle decisioni di acquisto degli italiani per una spesa più consapevole. Con la tecnologia che, già da tempo, offre un'opportunità per semplificare e, allo stesso tempo, arricchire le informazioni riportate.&nbsp; «Il&nbsp;<strong>QR code</strong>&nbsp;è più conosciuto del classico barcode: il primo vince 89% a 82» spiega&nbsp;<strong>Marco Cuppini</strong>, research and communication director di&nbsp;<strong>GS1 Italy</strong>, che ha commissionato a<strong>&nbsp;Ipsos&nbsp;</strong>un'indagine per esplorare&nbsp;<a href=\"https://www.repubblica.it/economia/rapporti/osserva-italia/trend/2024/01/22/news/sostenibilita_e_interazione_tra_consumatore_ed_etichetta_ecco_la_fotografia_della_spesa_degli_italiani-421949481/\">l'interazione tra consumatore ed etichetta</a>. «Le persone - continua Cuppini - sono alla ricerca di punti di riferimento, di informazioni complete e trasparenti: informare bene è oggi, e lo sarà sempre di più su una serie crescente di tematiche, una delle mission costitutive per le imprese, sia produttive che distributive».<br /> Negli ultimi mesi noi di&nbsp;<strong><a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/notizie/content/read/certified-recycled-plastic-ai-microfoni-di-rds-acquisti-green-e-consapevoli-grazie-a-tracciabilita-e-trasparenza\">Certified Recycled Plastic&reg;</a></strong>&nbsp;ci siamo impegnati a sviluppare una&nbsp;<a href=\"https://www.certifiedrecycledplastic.com/vantaggi-per-le-aziende\">soluzione innovativa dedicata alle aziende del settore alimentare</a>&nbsp;che, nei prossimi anni, saranno obbligate a inserire un quantitativo minimo di plastica riciclata all'interno del packaging.&nbsp;<strong>Un codice QR posto sui prodotti che finiscono sugli scaffali del supermercato incorpora un vero e proprio \"passaporto digitale\".&nbsp; </strong>Scansionando quel codice, il consumatore può conoscere le caratteristiche tecniche di ogni singolo prodotto, in modo trasparente e sempre verificabile in qualsiasi momento, risalendo alla storia dei materiali utilizzati per produrlo.&nbsp;<strong>Trasparenza e tracciabilità</strong>&nbsp;grazie alla tecnologia blockchain per digitalizzare la catena di custodia dei prodotti, promuovendo consumi intelligenti.", "permalink":"riciclo-in-europa-plastica-seta-qr-code-vs-codice-a-barre-3-notizie-della-settimana", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1242158/NEWSLETTER+%283%29.jpg/fba1757d-650c-4d51-955c-90246c533b94?t=1707995534000", "date":"2024-02-17T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce"] } , { "id":"1241543", "category":"", "title":"TASSO DI CIRCOLARITÀ GLOBALE, A CHE PUNTO SIAMO? SERVE IMPEGNO DI TUTTI PER AFFRONTARE NUOVE SFIDE DELLA SOSTENIBILITÀ", "description":"<p>Economia circolare, se ne parla ogni giorno, se ne parla sempre di più. Ma a che punto siamo a livello globale? Secondo il <a href=\"https://www.circularity-gap.world/2024\"><strong>Circularity Gap Report 2024</strong></a> elaborato del think tank Circle Economy Foundation, il tasso di circolarità, ovvero la capacità di rimessa in circolo delle materie prime seconde, si è fermato al 7,2%, più o meno invariato rispetto all'anno precedente.&nbsp;Facendo un passo indietro, nel 2018 (anno in cui è stato calcolato per la prima volta il dato) era del 9,1%.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>CIRCOLARITÀ GLOBALE, A CHE PUNTO SIAMO?</h2> <p>È un dato che fa riflettere e che fa scattare una considerazione necessaria: sull'economia circolare, sulla sostenibilità e sul riciclo si vince solo se diventano davvero un obiettivo condiviso.&nbsp; Verso cui tutti, insieme, dobbiamo lavorare, nella stessa direzione. «Accelerare il progresso verso un'economia circolare - spiegano gli esperti - <strong>significa affrontare le cause profonde degli impatti lineari e cambiare le regole del gioco per favorire le pratiche circolari.</strong> Il Circularity Gap Report 2024 delinea come le riforme politiche, finanziarie e occupazionali possono rimodellare i sistemi globali per promuovere la circolarità».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>L'IMPEGNO DI CERTIFIED RECYCLED PLASTIC&reg;</h2> <p>È vero, servono politiche audaci e, allo stesso tempo, appropriate, che favoriscano e incoraggino sempre più l'economia circolare. <strong>Ma servono soprattutto azioni concrete</strong>. Noi di <strong><a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/notizie/content/read/certified-recycled-plastic-ai-microfoni-di-rds-acquisti-green-e-consapevoli-grazie-a-tracciabilita-e-trasparenza\">Certified Recycled Plastic&reg;</a></strong> siamo a lavoro per <strong>sostenere l'economia circolare certificata</strong> lungo tutta la filiera del riciclo delle risorse plastiche. Grazie alla tecnologia blockchain, garantiamo trasparenza e tracciabilità, promuovendo <strong><a href=\"http://code\">consumi più sostenibili e intelligenti</a></strong>.</p>", "permalink":"tasso-di-circolarita-globale-a-che-punto-siamo-serve-impegno-di-tutti-per-affrontare-nuove-sfide-della-sostenibilita", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1241525/luce-futuristica-del-cerchio-al-neon-giallo-nella-foresta.jpg_s%3D1024x1024%26w%3Dis%26k%3D20%26c%3D1E0rJlhCrIIkjhYA8MpZlwPvoqjGOIOS6QE7Oyju3ug%3D.jpg/11bef39d-38a6-4191-b086-b6a5b848d15b?t=1707995468608", "date":"2024-02-16T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Market data","Business / e-commerce","Environment","Job posting"] } , { "id":"1241498", "category":"", "title":"DALLA PLASTICA ALL SETA GRAZIE ALL'EDITING GENETICO (DEL RENSSELAER POLYTECHNIC INSTITUTE)", "description":"<p><strong>E se la plastica diventasse seta biodegradabile?</strong> È la sfida del <strong>Rensselaer Polytechnic Institute </strong>(RPI) negli Stati Uniti d'America. Vediamo nel dettaglio, assieme a<em> Ohga!</em>, di che cosa si tratta.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>EDITING GENETICO PER MICROORGANISMI</h2> <p>Grazie all'utilizzo di batteri, i ricercatori hanno trovato un modo veloce per <strong>trasformare la plastica in un materiale molto simile alla seta del ragno</strong>, ma molto più resistente: «Questa trasformazione è stata fatta grazie all'editing genetico: i microorganismi sono stati modificati per produrre un materiale simile alla seta, inserendo una sequenza di aminoacidi simili a una proteina trovata nella seta», spiega <strong>Francesca Castagna </strong>sulla testata giornalistica.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>ESPERIMENTO RENSSELAER POLYTECHNIC INSTITUTE DA SEGUIRE</h2> <p>La conclusione di <em>Ohga!</em> non può non trovare tutti d'accordo: «<strong>Se si riuscisse ad arrivare a una soluzione per risolvere il problema dell'inquinamento della plastica, ne gioverebbe sia l'essere umano che l'ambiente</strong>». Esperimento, dunque, da seguire con grande attenzione.</p>", "permalink":"dalla-plastica-all-seta-grazie-all-editing-genetico-del-rensselaer-polytechnic-institute-", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1241480/iStock-1629513979+%281%29.jpg/bb94b2cb-9376-446a-9ba8-b04d9c6bfad5?t=1707994459251", "date":"2024-02-15T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Environment"] } , { "id":"1240038", "category":"", "title":"PLASTICA, CRESCE IL RICICLO IN UE MA SERVE UN QUADRO LEGISLATIVO PER GARANTIRE CIRCOLARITÀ DEL SETTORE", "description":"<p>Nel 2022 la <strong>capacità industriale di riciclo della plastica installata in Europa </strong>tocca quota <strong>12,5 milioni di tonnellate</strong> anche se, a causa delle forti insofferenze del mercato, il tasso di crescita si attesta al 10% rispetto al 17% dell'anno precedente. La stima arriva dalla federazione europa dei riciclatori di materie plastiche, <strong><a href=\"https://www.macplas.it/index.php/it/ambiente/il-riciclo-europeo-cresce-ma-risente-della-contrazione-del-mercato\">Plastics Recyclers Europe (PRE)</a></strong>. Per raggiungere gli <a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/notizie/content/read/plastica-riciclata-coripet-in-prima-linea-per-il-raggiungimento-degli-obiettivi-sup\">obiettivi di riciclo complessivi che l'Europa</a> chiede ai suoi Stati entro il 2025, <strong>occorre fare ancora di più e meglio</strong>.</p> <h2>&nbsp;</h2> <h2>PLASTICA, CRESCE IL RICICLO IN UE&nbsp;</h2> <p>«È indispensabile progredire - commenta&nbsp;<strong>Ton Emans</strong>, presidente PRE - per<strong> garantire la vitalità e la sostenibilità dell'industria del riciclo delle plastiche.&nbsp;</strong>Nel 2023&nbsp;il settore è stato colpito da una <strong>preoccupante riduzione della domanda di riciclati</strong>, dovuta ai bassi prezzi delle plastiche vergini a causa della riduzione della produzione industriale nell'Ue e alle<strong> importazioni a basso costo di plastica riciclata da paesi extra-Ue</strong>. In futuro, l'applicazione delle misure legislative sarà essenziale per <a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/notizie/content/read/plastica-s-p-global-2024-anno-cruciale-per-la-sostenibilita-plasticfinder-partner-ideale\">garantire e assicurare che i progressi possano continuare</a>».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>OCCORRE GARANTIRE LA CIRCOLARITÀ DEL SETTORE</h2> <p>Più controlli, dunque, della qualità e dei requisiti del riciclato di importazione per creare condizioni di parità nei mercati a supporto&nbsp; dell'industria della plastica europea. I prossimi procedimenti legislativi, tra cui anche il Regolamento su imballaggi e rifiuti da imballaggio PPWR, saranno passaggi fondamentali per <strong>accelerare verso una maggiore circolarità del settore</strong>.</p>", "permalink":"plastica-cresce-il-riciclo-in-ue-ma-serve-un-quadro-legislativo-per-garantire-circolarita-del-settore", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1240020/plasticfinder-riciclo-plastica-ue.jpg/cfb4c033-efb0-4307-a7b9-40a6c107b087?t=1707652571133", "date":"2024-02-13T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Market data","Business / e-commerce","Environment","Job posting"] } , { "id":"1240066", "category":"", "title":"ITALIANI PRONTI AL QR CODE PER UNA SPESA PIÙ CONSAPEVOLE: CERTIFIED RECYCLED PLASTIC® LA SOLUZIONE PER IL SETTORE ALIMENTARE", "description":"<p>Le etichette dei prodotti hanno un ruolo sempre più determinante nelle decisioni di acquisto degli italiani per una spesa più consapevole. Con la tecnologia che, già da tempo, offre un'opportunità per semplificare e, allo stesso tempo, arricchire le informazioni riportate.&nbsp;</p> <h2><br /> ITALIANI PRONTI AL QR CODE PER UNA SPESA PIÙ CONSAPEVOLE</h2> <p>«Il <strong>QR code</strong> è più conosciuto del classico barcode: il primo vince 89% a 82» spiega <strong>Marco Cuppini</strong>, research and communication director di <strong>GS1 Italy</strong>, che ha commissionato a<strong> Ipsos </strong>un'indagine per esplorare <a href=\"https://www.repubblica.it/economia/rapporti/osserva-italia/trend/2024/01/22/news/sostenibilita_e_interazione_tra_consumatore_ed_etichetta_ecco_la_fotografia_della_spesa_degli_italiani-421949481/\">l'interazione tra consumatore ed etichetta</a>. «Le persone - continua Cuppini - sono alla ricerca di punti di riferimento, di informazioni complete e trasparenti: informare bene è oggi, e lo sarà sempre di più su una serie crescente di tematiche, una delle mission costitutive per le imprese, sia produttive che distributive».<br /> Negli ultimi mesi noi di <strong><a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/notizie/content/read/certified-recycled-plastic-ai-microfoni-di-rds-acquisti-green-e-consapevoli-grazie-a-tracciabilita-e-trasparenza\">Certified Recycled Plastic&reg;</a></strong> ci siamo impegnati a sviluppare una <a href=\"https://www.certifiedrecycledplastic.com/vantaggi-per-le-aziende\">soluzione innovativa dedicata alle aziende del settore alimentare</a> che, nei prossimi anni, saranno obbligate a inserire un quantitativo minimo di plastica riciclata all'interno del packaging. <strong>Un codice QR posto sui prodotti che finiscono sugli scaffali del supermercato incorpora un vero e proprio \"passaporto digitale\".&nbsp;</strong></p> <p>&nbsp;</p> <h2>CERTIFIED RECYCLED PLASTIC&reg; LA SOLUZIONE PER IL SETTORE ALIMENTARE</h2> <p>Scansionando quel codice, il consumatore può conoscere le caratteristiche tecniche di ogni singolo prodotto, in modo trasparente e sempre verificabile in qualsiasi momento, risalendo alla storia dei materiali utilizzati per produrlo.&nbsp;<strong>Trasparenza e tracciabilità</strong> grazie alla tecnologia blockchain per digitalizzare la catena di custodia dei prodotti, promuovendo consumi intelligenti.&nbsp;</p>", "permalink":"italiani-pronti-al-qr-code-per-una-spesa-piu-consapevole-certified-recycled-plastic-la-soluzione-per-il-settore-alimentare", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1240048/certified-recycled-plastic-qr-code-etichetta-consumatori-ga1italy-ipsos.jpg/16cc3f71-cbe3-4152-b25f-4c1b27e95970?t=1707656100758", "date":"2024-02-12T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Market data","Business / e-commerce","Environment","Job posting"] } , { "id":"1239865", "category":"", "title":"SANREMO GREEN E CON BLOCKCHAIN: NEWS SOSTENIBILI DELLA SETTIMANA", "description":"Ripercorriamo le notizie della settimana con <strong>PlasticFinder</strong>: <strong>canzoni green e blockchain a Sanremo</strong>, <strong>nessun rinvio all'orizzonte per la plastic tax</strong>. <p>&nbsp;</p> <h2>GHALI E DARGEN D'AMICO, ANCHE SANREMO È GREEN</h2> <p><strong>Anche Sanremo canta l'ambiente</strong>. Lo fa<strong>&nbsp;Ghali&nbsp;</strong>con \"Casa mia\" e&nbsp;<strong>Dargen D'Amico</strong>&nbsp;con \"Onda alta\". Ancora una volta&nbsp;<strong>la musica ispira tutti noi</strong>. «Il prato è verde, più verde, più verde / Sempre più verde (sempre più verde). Il cielo è blu, blu, blu / Molto più blu (ancora più blu). Ma qual è casa tua / Ma qual è casa mia / Dal cielo è uguale, giuro», racconta Ghali della Terra a un alieno. «E non l'hai visto il meteo? / Non l'hai visto il cielo?», canta Dargen D'Amico. <strong>È l'anima, appunto, green della musica leggera</strong>. Non è la prima volta. Pensiamo a&nbsp;<strong>Adriano Celentano</strong>&nbsp;che nel 1966, a Sanremo, metteva in guarda dalle conseguenze dell'urbanizzazione ne \"Il Ragazzo della via Gluck\". Oppure a<strong>&nbsp;Franco Battiato&nbsp;</strong>con il suo celebre album \"Pollution\" del 1973 o, per venire ai nostri giorni, a<strong>&nbsp;Piero Pelù&nbsp;</strong>che in \"Picnic all'Inferno\" del 2018 ha duettato con la voce di Greta Thunberg, tramite campionamenti del discorso che l'attivista svedese tenne a Katowice n occasione della COP24.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>LA BLOCKCHAIN SBARCA ALL'ARISTON: VOTO GARANTITO DALLA TECNOLOGIA DI BCODE</h2> <p>Quando parliamo di&nbsp;<strong>blockchain</strong>&nbsp;c'è ancora gente che ci guarda a metà tra lo stralunato e il dubbioso, ma per farsi un'idea di quanto stia correndo questa tecnologia basta guardare cosa sta succedendo a&nbsp;<strong>Sanremo per il Festival</strong>. La&nbsp; società di sviluppo software<strong>&nbsp;Bcode</strong>, spin off del&nbsp;<strong>Polimi</strong>, valorizzando proprio la blockchain ha dato vita a un Token innovativo collegato al pass di ingresso a&nbsp;<strong>Casa Sanremo</strong>&nbsp;che trasformerà l'esperienza di tutti gli ospiti. «Le caratteristiche del Token – spiegano da Bcode – includono la&nbsp;<strong>votazione certificata su blockchain</strong>, comunicazioni in tempo reale, accesso privilegiato a Casa Sanremo \"Invest\" e un videogioco interattivo».&nbsp; Capito? Ora anche a Sanremo si può votare via blockchain… Noi continuiamo a credere che sia perfetta anche come<strong>&nbsp;strumento di tracciabilità</strong>&nbsp;per fare in modo che il percorso della plastica riciclata sia trasparente e sempre verificabile da chiunque in qualsiasi momento attraverso un&nbsp;<strong>Qr Code</strong>&nbsp;e il servizio&nbsp;<strong><a href=\"https://www.certifiedrecycledplastic.com/\">Certified Recycled Plastic&reg;</a></strong>. Complimenti ai \"colleghi di blockchain\" di Bcode!</p> <p>&nbsp;</p> <h2>PLASTIC TAX, NESSUN NUOVO RINVIO ALL'ORIZZONTE. IL PRIMO LUGLIO SI PARTE: L'ALLARME DI UNIONPLAST</h2> Nessuna ulteriore proroga in vista. Di&nbsp;<strong>Plastic tax&nbsp;</strong>nel decreto Milleproroghe non si fa alcun riferimento: dal&nbsp;<strong>primo giorno di luglio</strong>, a meno di futuri colpi di scena, sarà pienamente operativa. A lanciare l'allarme è&nbsp;<strong>Marco Bergaglio</strong>, presidente di&nbsp;<strong>Unionplast</strong>&nbsp;e vicepresidente di&nbsp;<strong>Federazione Gomma Plastica</strong>, che paventa i rischi di un effetto domino che coinvolgerebbe anche filiere industriali esterne a quella della plastica «come quella agricola, alimentare o cosmetica». Si intervenga, sottolinea il presidente, una volta per tutte «<strong>abrogando una tassa inutile</strong>, consentendo al comparto una programmazione adeguata e sgombrando le nubi che si addensano sul settore». La tassa che colpirebbe con un prelievo di<strong>&nbsp;450 euro a tonnellata</strong>&nbsp;(0,45 euro al kg) i manufatti con singolo impiego è già stata rinviata per sei volte finora. Rimangono tanti dubbi sulla sua reale utilità in ottica green, tanto più che non è previsto che il gettito ottenuto&nbsp;<strong>venga utilizzato per finalità ambientali</strong>.&nbsp; Non è ora di attivare una riflessione reale sul tema?", "permalink":"sanremo-green-e-con-blockchain-news-sostenibili-della-settimana", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1240012/NEWSLETTER+%281%29.jpg/708bd2ca-8620-4257-8083-39c274efa792?t=1707516343000", "date":"2024-02-11T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce"] } , { "id":"1239813", "category":"", "title":"GHALI E DARGEN D'AMICO, ANCHE SANREMO È GREEN", "description":"<p><strong>Anche Sanremo canta l'ambiente</strong>. Lo fa<strong> Ghali </strong>con \"Casa mia\" e <strong>Dargen D'Amico</strong> con \"Onda alta\". Ancora una volta <strong>la musica ispira tutti noi</strong>. «Il prato è verde, più verde, più verde / Sempre più verde (sempre più verde). Il cielo è blu, blu, blu / Molto più blu (ancora più blu). Ma qual è casa tua / Ma qual è casa mia / Dal cielo è uguale, giuro», racconta Ghali della Terra a un alieno. «E non l'hai visto il meteo? / Non l'hai visto il cielo?», canta Dargen D'Amico.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>DA CELENTANO A BATTIATO E PELÙ</h2> <p><strong>È l'anima, appunto, green della musica leggera</strong>. Non è la prima volta. Pensiamo a <strong>Adriano Celentano</strong> che nel 1966, a Sanremo, metteva in guarda dalle conseguenze dell'urbanizzazione ne \"Il Ragazzo della via Gluck\". Oppure a<strong> Franco Battiato </strong>con il suo celebre album \"Pollution\" del 1973 o, per venire ai nostri giorni, a<strong> Piero Pelù </strong>che in \"Picnic all'Inferno\" del 2018 ha duettato con la voce di Greta Thunberg, tramite campionamenti del discorso che l'attivista svedese tenne a Katowice n occasione della COP24.</p>", "permalink":"ghali-e-dargen-d-amico-anche-sanremo-e-green", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1239795/Festival_di_Sanremo_2024_logo.png+%281%29.jpg/fcac0a99-389f-4d98-a6e2-46cc019e929c?t=1707514976920", "date":"2024-02-09T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Environment"] } , { "id":"1238637", "category":"", "title":"LA BLOCKCHAIN SBARCA A SANREMO: VOTO GARANTITO DALLA TECNOLOGIA DI BCODE", "description":"<p>Quando parliamo di <strong>blockchain</strong> c'è ancora gente che ci guarda a metà tra lo stralunato e il dubbioso, ma per farsi un'idea di quanto stia correndo questa tecnologia basta guardare cosa sta succedendo a <strong>Sanremo per il Festival</strong>.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>TOKEN COLLEGATO AL PASS D'INGRESSO</h2> <p>La&nbsp; società di sviluppo software<strong> Bcode</strong>, spin off del <strong>Polimi</strong>, valorizzando proprio la blockchain ha dato vita a un Token innovativo collegato al pass di ingresso a <strong>Casa Sanremo</strong> che trasformerà l'esperienza di tutti gli ospiti.</p> <p>«Le caratteristiche del Token – spiegano da Bcode – includono la <strong>votazione certificata su blockchain</strong>, comunicazioni in tempo reale, accesso privilegiato a Casa Sanremo \"Invest\" e un videogioco interattivo».&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>UNA TECNOLOGIA, MILLE UTILIZZI DIVERSI</h2> <p>Capito? Ora anche a Sanremo si può votare via blockchain…</p> <p>Noi continuiamo a credere che sia perfetta anche come<strong> strumento di tracciabilità</strong> per fare in modo che il percorso della plastica riciclata sia trasparente e sempre verificabile da chiunque in qualsiasi momento attraverso un <strong>Qr Code</strong> e il servizio <strong><a href=\"https://www.certifiedrecycledplastic.com/\">Certified Recycled Plastic&reg;</a></strong>. Complimenti ai \"colleghi di blockchain\" di Bcode!</p> <p><a href=\"https://forbes.it/2024/02/02/casa-sanremo-invest-torna-l-appuntamento-su-innovazione-e-blockchain/\">LEGGI L'ARTICOLO DI FORBES</a></p>", "permalink":"la-blockchain-sbarca-a-sanremo-voto-garantito-dalla-tecnologia-di-bcode", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1238619/Sanremo.jpg/f1376740-417f-4d6c-9770-3dd73fc924d6?t=1707292717518", "date":"2024-02-07T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce","Environment"] } ]