[ { "id":"1271714", "category":"", "title":"CON I COLDPLAY LA MUSICA SI FA (SEMPRE PIÙ) GREEN: IL NUOVO ALBUM È FATTO CON PLASTICA 100% RICICLATA", "description":"<p>Un disco in vinile realizzato con plastica riciclata: i <strong>Coldplay </strong>sono pronti a tornare con un progetto musicale sostenibile. <em><strong>Moon Music</strong></em>, il disco di inediti che uscirà a ottobre, sarà il <strong>primo album al mondo pubblicato in LP EcoRecord rPET da 140 grammi:</strong> <strong>ogni copia contiene nove bottiglie di plastica PET riciclata recuperate dai rifiuti post-consumo.</strong></p> <p>&nbsp;</p> <h2>COLDPLAY, NUOVO ALBUM IN PLASTICA 100% RICICLATA</h2> <p>Per realizzare l'edizione speciale della band britannica, si ridurranno le emissioni di carbonio dell'85% rispetto alla normale produzione di vinile, <strong>evitando la produzione di oltre 25 tonnellate metriche di plastica vergine</strong>. Ci sarà anche un ulteriore formato dell'album, la Notebook Edition EcoRecord rPET LP, realizzata in collaborazione con <strong>Ocean Cleanup</strong>, prodotta utilizzando il 70% di plastica fluviale intercettata dall'organizzazione nel Rio Las Vacas in Guatemala.&nbsp;</p> <h2><br /> CON I COLDPLAY LA MUSICA SI FA (SEMPRE PIÙ) GREEN</h2> <p>Anche le <strong>edizioni in cd&nbsp;</strong>di Moon Music ridurranno l'impatto sull'ambiente: saranno le prime al mondo a essere pubblicate su EcoCD, <strong>utilizzando il 90% di policarbonato riciclato</strong> proveniente da rifiuti post-consumo, evitando l'utilizzo di cinque tonnellate di plastica vergine, con una riduzione del 78% delle emissioni rispetto alla tradizionale produzione di cd. L'iniziativa prosegue l'impegno dei Coldplay che negli ultimi anni hanno realizzato <a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/notizie/content/read/coldplay-tour-tra-musica-e-sostenibilita-citta-in-gara-per-il-riciclo-dei-braccialetti-luminosi\"><strong>concerti sempre più sostenibili:</strong></a> un altro bell'esempio, che piace a noi di <a href=\"https://www.certifiedrecycledplastic.com/\"><strong>Certified Recycled Plastic&reg;</strong></a>, che&nbsp;mette al centro riciclo ed economia circolare.&nbsp;</p>", "permalink":"con-i-coldplay-la-musica-si-fa-sempre-piu-green-il-nuovo-album-e-fatto-con-plastica-100-riciclata", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1271696/coldplay-moon-music-plastica-riciclata-sostenibilit%C3%A0-certified-recycled-plastic.jpg/c26293b2-fa28-4bd4-925f-fc458256b67b?t=1718775696133", "date":"2024-06-19T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Market data","Business / e-commerce","Environment","Job posting"] } , { "id":"1271532", "category":"", "title":"CROCCO E VERSALIS INNOVANO L'IMBALLAGGIO ALIMENTARE: INSIEME PER IL RICICLO DI PLASTICHE POST-CONSUMO", "description":"<p>Negli ultimi anni il settore dell'industria plastica ha fatto importanti passi in avanti per innovare e ricercare soluzioni sempre più sostenibili e circolari. Un nuovo tassello in tale senso vede come protagonista il comparto del packaging alimentare: è dalla sinergia tra <strong>Crocco e Versalis</strong> che nasce, infatti, il <strong>film per imballaggio alimentare realizzato con materia prima in parte proveniente dal riciclo di plastiche post-consumo.&nbsp;</strong></p> <p>&nbsp;</p> <h2>CROCCO E VERSALIS INNOVANO L'IMBALLAGGIO ALIMENTARE</h2> <p>Il progetto utilizza <strong>Balance&reg;</strong>, un prodotto fornito da <a href=\"https://versalis.eni.com/it-IT/news/comunicati-stampa/2024/crocco-e-versalis-insieme.html\">Versalis</a>, per <strong>realizzare film plastici da riciclo chimico che garantiscono le performance tecniche e le proprietà di salubrità necessarie per l'imballaggio alimentare</strong>. Questa tecnologia consente di rigenerare la plastica a uno stato vergine, mantenendo elevati gli standard di purezza e sicurezza conformi alla normativa vigente per i materiali a contatto con gli alimenti. «La<strong> circolarità </strong>- dichiara <strong>Adriano Alfani</strong>, amministratore delegato Versalis - è uno dei pilastri della nostra strategia. Siamo impegnati nello sviluppo di tecnologie complementari per il riciclo meccanico e chimico dei polimeri».&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>CROCCO E VERSALIS, FILM PLASTICI DA RICICLO CHIMICO</h2> <p>«Questa nuova tecnologia per la produzione di imballaggi riciclati sicuri ed efficienti - spiega <strong>Renato Zelcher</strong>, ceo Crocco - apre <strong>nuove frontiere per l'economia circolare nel settore alimentare</strong>». Un nuovo percorso di filiera Made in Italy che mette al centro sostenibilità, riciclo, innovazione tecnologica e rispetto dell'ambiente. Avanti così.</p>", "permalink":"crocco-e-versalis-innovano-l-imballaggio-alimentare-insieme-per-il-riciclo-di-plastiche-post-consumo", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1271514/packaging-alimentare-imballaggio-crocco-versalis-plasticfinder-riciclo-plastiche-post-consumo.jpg/e5246afa-aa5f-4c4c-8cf1-205d5107ccb6?t=1718720737954", "date":"2024-06-18T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Market data","Business / e-commerce","Environment","Job posting"] } , { "id":"1270717", "category":"", "title":"UNA BUSSOLA PER LA FINANZA SOSTENIBILE: ISPRA AL FIANCO DELLE IMPRESE PER FERMARE IL GREENWASHING", "description":"<p>Una sorta di bussola che spiega cosa fare per redigere un <strong>bilancio Esg corretto, credibile e verificabile</strong>, alla luce delle sfide che il nuovo quadro legislativo europeo porta con sé: è il <strong>documento di Ispra per la finanza sostenibile</strong>.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>FINANZA SOSTENIBILE, ISPRA AL FIANCO DELLE IMPRESE&nbsp;</h2> <p>Fermare il greenwashing fornendo a imprese, operatori economico-finanziari e autorità di vigilanza uno strumento ad hoc che aiuti a produrre una rendicontazione di sostenibilità adeguata alla normativa vigente: è questo uno degli obiettivi del testo elaborato dall'Istituto pubblico per la protezione ambientale. «Non vogliamo prescrivere alcunché - spiega <strong>Maria Siclari</strong>, direttore generale Ispra - vogliamo piuttosto mettere a disposizione delle imprese uno <strong>strumento di autovalutazione che assicuri uniformità metodologica e dati scientificamente validati</strong>».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>TRASPARENZA CONTRO IL GREENWASHING</h2> <p>Un altro passo in avanti nei confronti di un fenomeno, il greenwashing, che anche noi di <strong><a href=\"https://www.certifiedrecycledplastic.com/\">Certified Recycled Plastic&reg;</a></strong> cerchiamo di contrastare, fornendo alle aziende un sistema di tracciabilità in grado di digitalizzare la catena di custodia dei prodotti<strong>. Sono già oltre 23.700 le tonnellate di plastica riciclata tracciata grazie al nostro sistema tecnologico basato sulla blockchain</strong>. È grazia all'impegno di tutti che possiamo mettere un freno alle false dichiarazioni ambientali, promuovendo la trasparenza nell'ottica di un'economia circolare davvero certificata.&nbsp;</p>", "permalink":"una-bussola-per-la-finanza-sostenibile-ispra-al-fianco-delle-imprese-per-fermare-il-greenwashing", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1270699/ispra-finanza-sostenibile-greenwashing-certified-recycled-plastic.jpg/8e8fe9cc-e35a-40ab-b9e1-b60154b0db09?t=1718273318421", "date":"2024-06-17T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Market data","Business / e-commerce","Environment","Job posting"] } , { "id":"1271292", "category":"", "title":"LEZIONE DI REPLANET MAGAZINE, ESEMPI DA RELIFE PLASTIC PACKAGING E YVES ROCHER: NEWS DELLA SETTIMANA", "description":"<strong>La lezione di Replanet Magazine sull'insostituibilità della plastica </strong>e <strong>gli esempi di Relife Plastic Packaging e Yves Rocher</strong>: rileggiamo le notizie degli ultimi giorni. <p>&nbsp;</p> <h2>REPLANET MAGAZINE: DEMONIZZATE, INSISTETE COL PLASTIC FREE MA LA PLASTICA RIMANE INSOSTITUIBILE</h2> <p>«Nonostante la continua demonizzazione, nonostante la corsa al&nbsp;<em>plastic free</em>, noi siamo convinti che&nbsp;<strong>la plastica sia invece insostituibile</strong>, oltre che onnipresente».&nbsp; Insostituibile. Usa una parola forte, ma corretta,&nbsp;<strong>Annalisa De Maddalena</strong>, capo redattore di&nbsp;<strong><em>Replanet Magazine</em></strong>, il magazine dedicato al riciclo della plastica, intervistata dall'<em>Ansa</em>&nbsp;nel corso della seconda edizione di Solids, la fiera dedicata&nbsp; alle tecnologie dei granuli, delle polveri e dei solidi sfusi che si è appena conclusa a Parma. Perché è insostituibile?&nbsp; Perché, prosegue in sintesi la riflessione De Maddalena, la plastica ha, tra le altre, alcune caratteristiche straordinarie come la<strong>&nbsp;leggerezza</strong>,&nbsp;<strong>l'adattabilità</strong>&nbsp;in numerosi campi d'applicazione e la capacità di entrare nel&nbsp;<strong>percorso del riciclo</strong>, oggi più che mai fondamentale.&nbsp; Anche noi di PlasticFinder siamo d'accordo. E proprio perché lo&nbsp;riteniamo al momento insostituibile, lavoriamo ogni giorno per facilitare gli scambi tra aziende di questo materiale prezioso, evitando dispersioni e promuovendo sistematicamente il riciclo. Bisogna avere cura di tutte le cose che utilizziamo; soprattutto di quelle insostituibili.&nbsp;&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>DA RIFIUTO A NUOVA RISORSA, LA PLASTICA TORNA A VIVERE COL RICICLO. L'ESEMPIO DI RELIFE PLASTIC PACKAGING</h2> <p>«<strong>Il rifiuto diventa risorsa</strong>». Rifiuto, risorsa: sembra di trovarsi di fronte a un ossimoro vedendo&nbsp;queste due parole all'interno della stessa frase. E invece non esiste contraddizione, grazie al lavoro di tante aziende. <strong>ReLife Plastic Packaging</strong>, ad esempio, è una realtà piemontese attiva nel campo della plastica e protagonista dell'economia circolare, come raccontato in un servizio&nbsp;<em>Rai</em>&nbsp;in cui si sottolinea proprio la possibilità di&nbsp;<strong>trasformare i rifiuti plastici</strong>&nbsp;in nuove risorse. <strong>Simona Malaspina</strong>&nbsp;è l'amministratore delegato di ReLife Plastic Packaging e al giornalista spiega che la sua azienda ha due siti produttivi. Così, dopo il recupero della plastica flessibile da post consumo, che viene trasformata in granulo – materia prima seconda –, si passa a Tagliolo Monferrato (sede del secondo stabilimento), «<strong>dove viene trasformata in prodotto finito</strong>. Nello specifico, un sacco per la raccolta differenziata». Un lavoro che permette di raggiungere, tra le altre cose, gli obiettivi dettati dai&nbsp;<strong>Cam, i criteri ambientali minimi,</strong>&nbsp;che impongono per i nuovi sacchetti l'uso di precise percentuali di materiale riciclato: almeno il 70% per quelli trasparenti e il 90% per quelli neri.&nbsp; Per chi come&nbsp;<a href=\"https://www.certifiedrecycledplastic.com/\">Certified Recycled Plastic&reg;</a>&nbsp;fa della tracciabilità della plastica riciclata il suo&nbsp;obiettivo principale, si tratta di un'altra bella esperienza imprenditoriale che merita di essere valorizzata.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>ECORICARICHE DI BAGNO DOCCIA, YVES ROCHER LANCIA LA \"REFILL REVOLUTION\"</h2> <strong>E se prendesse piede la \"Refill Revolution\", ossia la rivoluzione delle ricariche?</strong>&nbsp;A contribuire è&nbsp;<strong>Yves Rocher</strong>, il brand cosmetico francese:&nbsp;<strong>in vendita dal 14 giugno 2024 il flacone di ricarica da 600 millilitri di bagno doccia</strong>, composto per il 90 per cento di plastica certificata OBP (Ocean Bound Plastic). <strong>Yves Rocher ha avviato, infatti, una collaborazione con Plastic For Change</strong>, l'associazione impegnata dal 2019 nel riciclo dei rifiuti e della plastica. Grazie a questa sinergia sono state recuperate 120 tonnellate di plastica certificata GRS (Global Recycled Standard) lungo la costa indiana ed è stata creata la nuova linea di eco-ricariche di bagno doccia da 600 millilitri. In commercio negli store, online e presso i consulenti di bellezza, le eco-ricarche sono completamente composte, appunto, per il 90 per cento da plastica recuperata dai litorali e permettono di risparmiare fino a 4 volte di materiale plastico. Non c'è solo business, ma ci sono anche azioni di sensibilizzazione:&nbsp;<strong>mercoledì 19 giugno Yves Rocher Italia dà appuntamento a Milano per un'intera giornata dedicata alla pulizia del Naviglio Grande</strong>. È il nuovo impegno del brand bretone fondatore della Cosmétique Végétale dal 1959.", "permalink":"lezione-di-replanet-magazine-esempi-da-relife-plastic-packaging-e-yves-rocher-news-della-settimana", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1271312/NEWSLETTER+%286%29.jpg/a4f6a9e3-b08e-4583-a866-0d1e6acd3d03?t=1718467704000", "date":"2024-06-16T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce"] } , { "id":"1271266", "category":"", "title":"ECORICARICHE DI BAGNO DOCCIA, YVES ROCHER LANCIA LA \"REFILL REVOLUTION\"", "description":"<p><strong>E se prendesse piede la \"Refill Revolution\", ossia la rivoluzione delle ricariche?</strong> A contribuire è <strong>Yves Rocher</strong>, il brand cosmetico francese: <strong>in vendita dal 14 giugno 2024 il flacone di ricarica da 600 millilitri di bagno doccia</strong>, composto per il 90 per cento di plastica certificata OBP (Ocean Bound Plastic).</p> <p>&nbsp;</p> <h2>PLASTICA RECUPERATA PER LE&nbsp;NUOVE ECORICARICHE DI BAGNO DOCCIA</h2> <p><strong>Yves Rocher ha avviato, infatti, una collaborazione con Plastic For Change</strong>, l'associazione impegnata dal 2019 nel riciclo dei rifiuti e della plastica. Grazie a questa sinergia sono state recuperate 120 tonnellate di plastica certificata GRS (Global Recycled Standard) lungo la costa indiana ed è stata creata la nuova linea di eco-ricariche di bagno doccia da 600 millilitri. In commercio negli store, online e presso i consulenti di bellezza, le eco-ricarche sono completamente composte, appunto, per il 90 per cento da plastica recuperata dai litorali e permettono di risparmiare fino a 4 volte di materiale plastico.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>19 GIUGNO 2024 PULIZIA DEL NAVIGLIO GRANDE A MILANO</h2> <p>Non c'è solo business, ma ci sono anche azioni di sensibilizzazione: <strong>mercoledì 19 giugno Yves Rocher Italia dà appuntamento a Milano per un'intera giornata dedicata alla pulizia del Naviglio Grande</strong>. È il nuovo impegno del brand bretone fondatore della Cosmétique Végétale dal 1959.</p> <p>&nbsp;</p> <h3><a href=\"https://www.youtube.com/watch?v=eiRtVBjOQx0\">CLICCA E GUARDA IL VIDEO DELLA \"REFILL REVOLUTION\" DI YVES ROCHER</a></h3>", "permalink":"ecoricariche-di-bagno-doccia-yves-rocher-lancia-la-refill-revolution-", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1271121/Roche+1.jpg/39e30da3-c22a-45ed-8dc8-8c4eaa4dabdd?t=1718466575330", "date":"2024-06-14T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Environment"] } , { "id":"1270279", "category":"", "title":"PARMACOTTO PUNTA SULLA BLOCKCHAIN PER DONARE LE PROPRIE ECCEDENZE ED EVITARE SPRECHI", "description":"<p>Donare è bello, farlo in modo trasparente è meglio. Molto interessante la scelta del&nbsp;<strong>Gruppo Parmacotto</strong>, attivo&nbsp;nel campo dei salumi, che punta sulla&nbsp;<strong>blockchain</strong>&nbsp;per mettere a disposizione le proprie eccedenze alimentari ed evitare&nbsp;gli sprechi.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>LA PARTNERSHIP CON REGUSTO</h2> <p>La piattaforma individuata è quella di&nbsp;<strong>Regusto</strong>, che utilizza proprio questa tecnologia per garantire trasparenza e tracciabilità nella gestione dei flussi di denaro e merci.</p> <p>«Un'opportunità preziosa per promuovere pratiche sostenibili e sensibilizzare le persone sull'importanza di ridurre lo spreco alimentare», spiega&nbsp;<strong>Gaia Gualerzi</strong>, marketing director di Parmacotto Group in un articolo di&nbsp;<em>Agrifood</em>. Attraverso la partnership con Regusto, prosegue, sarà possibile «implementare strategie innovative per recuperare e ridistribuire gli alimenti in eccedenza, coinvolgere attivamente la comunità e ispirare una&nbsp;<strong>cultura del consumo consapevole</strong>».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>LA VERSATILITÀ DELLA BLOCKCHAIN</h2> <p>Parmacotto potrà dunque donare ora le proprie eccedenze alimentari con la possibilità, si legge nell'articolo, «di monitorare e rendicontare gli impatti positivi a livello sociale, ambientale ed economico».</p> <p>Un'altra bella dimostrazione della versatilità della blockchain, che noi di&nbsp;<a href=\"https://www.certifiedrecycledplastic.com/\">Certified Recycled Plastic</a>&reg; abbiamo scelto di valorizzare per tracciare il<strong>&nbsp;percorso della plastica riciclata</strong>. Fa molto piacere constatare, giorno dopo giorno, che anche le grandi aziende stiano alzando il loro livello di attenzione su questo versante.</p> <p><a href=\"https://www.agrifood.tech/blockchain/parmacotto-aderisce-allecosistema-circolare-blockchain-di-regusto/\">LEGGI L'ARTICOLO DI AGRIFOOD</a></p>", "permalink":"parmacotto-punta-sulla-blockchain-per-donare-le-proprie-eccedenze-ed-evitare-sprechi", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1270261/eccedenze-parmacotto-crp.jpg/c9f90922-e3bf-44a1-8951-c7899820271a?t=1718173356177", "date":"2024-06-12T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce","Environment"] } , { "id":"1269996", "category":"", "title":"REPLANET MAGAZINE: DEMONIZZATE, INSISTETE COL PLASTIC FREE MA LA PLASTICA RIMANE INSOSTITUIBILE", "description":"<p>«Nonostante la continua demonizzazione, nonostante la corsa al <em>plastic free</em>, noi siamo convinti che <strong>la plastica sia invece insostituibile</strong>, oltre che onnipresente».&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>IL CAPOREDATTORE DE MADDALENA</h2> <p>Insostituibile. Usa una parola forte, ma corretta, <strong>Annalisa De Maddalena</strong>, capo redattore di <em><strong>Replanet Magazine</strong></em>, il magazine dedicato al riciclo della plastica, intervistata dall'<em>Ansa</em> nel corso della seconda edizione di Solids, la fiera dedicata&nbsp; alle tecnologie dei granuli, delle polveri e dei solidi sfusi che si è appena conclusa a Parma.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>UN ELEMENTO CON CARATTERISTICHE STRAORDINARIE</h2> <p>Perché è insostituibile?&nbsp; Perché, prosegue in sintesi la riflessione De Maddalena, la plastica ha, tra le altre, alcune caratteristiche straordinarie come la<strong> leggerezza</strong>, <strong>l'adattabilità</strong> in numerosi campi d'applicazione e la capacità di entrare nel <strong>percorso del riciclo</strong>, oggi più che mai fondamentale.&nbsp;</p> <p>Anche noi di PlasticFinder siamo d'accordo. E proprio perché lo&nbsp;riteniamo al momento insostituibile, lavoriamo ogni giorno per facilitare gli scambi tra aziende di questo materiale prezioso, evitando dispersioni e promuovendo sistematicamente il riciclo.</p> <p>Bisogna avere cura di tutte le cose che utilizziamo; soprattutto di quelle insostituibili.&nbsp;&nbsp;</p> <p><a href=\"https://youtu.be/uAQ5-D3eyUc?list=UUoEKG_chBo8bBvkKdfAsi3g\">GUARDA IL SERVIZIO DELL'ANSA</a></p>", "permalink":"replanet-magazine-demonizzate-insistete-col-plastic-free-ma-la-plastica-rimane-insostituibile", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1269981/plasticfinder-plastica-parma.jpg/ddd276b3-a7c3-4e54-bfcf-54a039cf39f3?t=1718029902000", "date":"2024-06-11T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce","Environment"] } , { "id":"1269822", "category":"", "title":"DA RIFIUTO A NUOVA RISORSA, LA PLASTICA TORNA A VIVERE COL RICICLO. L'ESEMPIO DI RELIFE PLASTIC PACKAGING", "description":"<p>«<strong>Il rifiuto diventa risorsa</strong>». Rifiuto, risorsa: sembra di trovarsi di fronte a un ossimoro vedendo&nbsp;queste due parole all'interno della stessa frase. E invece non esiste contraddizione, grazie al lavoro di tante aziende.</p> <p><strong>ReLife Plastic Packaging</strong>, ad esempio, è una realtà piemontese attiva nel campo della plastica e protagonista dell'economia circolare, come raccontato in un servizio <em>Rai</em> in cui si sottolinea proprio la possibilità di <strong>trasformare i rifiuti plastici</strong> in nuove risorse.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>DUE STABILIMENTI, UN UNICO OBIETTIVO</h2> <p><strong>Simona Malaspina</strong> è l'amministratore delegato di ReLife Plastic Packaging e al giornalista spiega che la sua azienda ha due siti produttivi. Così, dopo il recupero della plastica flessibile da post consumo, che viene trasformata in granulo – materia prima seconda –, si passa a Tagliolo Monferrato (sede del secondo stabilimento), «<strong>dove viene trasformata in prodotto finito</strong>. Nello specifico, un sacco per la raccolta differenziata».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>COSÌ SI RISPETTANO I CRITERI AMBIENTALI MINIMI</h2> <p>Un lavoro che permette di raggiungere, tra le altre cose, gli obiettivi dettati dai <strong>Cam, i criteri ambientali minimi,</strong> che impongono per i nuovi sacchetti l'uso di precise percentuali di materiale riciclato: almeno il 70% per quelli trasparenti e il 90% per quelli neri.&nbsp;</p> <p>Per chi come <a href=\"https://www.certifiedrecycledplastic.com/\">Certified Recycled Plastic&reg;</a> fa della tracciabilità della plastica riciclata il suo&nbsp;obiettivo principale, si tratta di un'altra bella esperienza imprenditoriale che merita di essere valorizzata.</p> <p><a href=\"https://www.rainews.it/tgr/piemonte/video/2024/06/riciclo-plastica-relife-plastic-packaging-corepla-green-deal-economia-circolare-e1470dc7-a9b4-4638-8262-a17a9c2a8150.html\">GUARDA IL SERVIZIO DELLA RAI</a></p>", "permalink":"da-rifiuto-a-nuova-risorsa-la-plastica-torna-a-vivere-col-riciclo-l-esempio-di-relife-plastic-packaging", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1269804/servizio-rai-crp.jpg/1bf3b927-ddb2-4bc8-9b5a-7fe266d12a91?t=1718003013339", "date":"2024-06-10T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce","Environment"] } , { "id":"1269415", "category":"", "title":"GIORNATA AMBIENTE, NUOVO SERVIZIO GRATUITO PLASTICFINDER, DOMANDA PLASTICA RICICLATA: NEWS DELLA SETTIMANA", "description":"<strong>Giornata dell'ambiente con i risultati di PlasticFinder</strong>, <strong>il nuovo servizio di assessment gratuito della nostra piattaforma</strong> e<strong> le conseguenze della domanda in crescita di plastica riciclata</strong>: rileggiamo le notizie della settimana <p>&nbsp;</p> <h2>GIORNATA MONDIALE DELL'AMBIENTE: CERTIFIED RECYCLED PLASTIC&reg; FESTEGGIA CON OLTRE 23.400 TONNELLATE DI PLASTICA RICICLATA TRACCIATA</h2> <p><strong>Oltre 23.400 tonnellate di plastica riciclata tracciata grazie alla blockchain</strong>: noi di&nbsp;<strong><a href=\"https://www.certifiedrecycledplastic.com/\">Certified Recycled Plastic&reg;&nbsp;</a></strong>vogliamo festeggiare la&nbsp;<strong><a href=\"https://www.worldenvironmentday.global/\">giornata mondiale dell'ambiente&nbsp;</a></strong>con un numero concreto, che evidenzia il nostro impegno quotidiano per promuovere un futuro sempre più sostenibile.&nbsp; Sono&nbsp;<strong>più di 1.600 i lotti già tracciati in Italia&nbsp;</strong>attraverso il nostro sistema tecnologico che mette al centro tracciabilità e trasparenza lungo tutta la filiera del riciclo. Grazie a un QR code che può essere facilmente inquadrato con qualsiasi smartphone, è possibile gestire e conoscere informazioni chiave per la circolarità,&nbsp;<strong>mettendo un freno alle false dichiarazioni ambientali ed evitare così il greenwashing.&nbsp; </strong>In questa giornata che invita a riflettere su come possiamo gestire in modo più consapevole le risorse che abbiamo a disposizione, vogliamo ribadire il nostro impegno per&nbsp;<strong>fornire alle aziende un sistema di tracciabilità in grado di digitalizzare la catena di custodia dei prodotti.</strong>&nbsp;Permettendo ai consumatori di fare scelte&nbsp;di acquisto informate e sostenibili. Buona giornata mondiale dell'ambiente!</p> <p>&nbsp;</p> <h2>PLASTICFINDER PRESENTA IL NUOVO SERVIZIO DI BASIC ASSESSMENT AL PLASTICS RECYCLING SHOW EUROPE DI AMSTERDAM: INCONTRIAMOCI IL 19 E 20 GIUGNO</h2> <p>Fin dall'inizio ci impegniamo ogni giorno a fare sempre di più e meglio per promuovere l'economia circolare certificata. Va in questa direzione il&nbsp;<strong>servizio di basic assessment sui requisiti necessari per rispettare le normative Ue</strong>, che abbiamo recentemente introdotto sulla nostra piattaforma,&nbsp;<strong>disponibile gratuitamente per tutte le aziende iscritte al portale</strong>. Si tratta di un servizio di&nbsp;<strong>pre-verifica dei requisiti necessari per poter rispettare il regolamento Reach e i criteri End of Waste</strong>: uno degli obiettivi principali è quello di aiutare acquirenti e venditori a comprendere se i prodotti oggetto delle transazioni online possono essere commercializzati sul mercato europeo&nbsp;nel pieno rispetto delle normative, trovando eventuali soluzioni qualora sia necessario. Per supportare al meglio le aziende, illustreremo il&nbsp;nuovo servizio di assessment in occasione di&nbsp;<strong><a href=\"https://www.prseventeurope.com/prse2024/en/page/visit\">Plastics Recycling Show Europe 2024</a></strong>, la fiera internazionale dedicata al riciclo delle materie plastiche, in programma il 19 e 20 giugno ad Amsterdam.&nbsp;<strong>Incontriamoci allo stand J4.</strong></p> <p>&nbsp;</p> <h2>CRESCE DOMANDA DI PLASTICA RICICLATA: INEVITABILE ARRIVO FORNITORI EXTRA UE</h2> <strong>Cresce la domanda di plastica riciclata di qualità</strong>, trainata dalla regolamentazione europea, dalla domanda dei consumatori e dall'interesse dei brand owner.&nbsp;<strong>Nei primi 5 mesi del 2024 PlasticFinder&reg;</strong>, il marketplace nato nel 2017 in Italia per fornire materie plastiche e servizi digitali per lo sviluppo della seconda vita dei materiali plastici,&nbsp;<strong>ha fatto registrare una crescita del +30% dei prodotti riciclati rispetto al 2023</strong>&nbsp;con oltre 100 nuovi utenti aziendali registrati sulla piattaforma: «La domanda crescente di plastica riciclata – spiega il presidente<strong>&nbsp;Stefano Chiaramondia&nbsp;</strong>– necessita di interlocutori qualificati che possano accompagnare le aziende e tutta la filiera in un viaggio molto complesso, ma estremamente importante per il nostro futuro. La sfida della transizione verso l'economia circolarerischia di diventare ancora più difficile se consideriamo che,&nbsp;<strong>data l'insufficiente quantità di plastica riciclata in Europa, dovremo aprire le porte anche ai prodotti riciclati extra UE</strong>». «Il mercato delle plastiche vergini, provenienti dai grandi gruppi petrolchimici, è attualmente dominato da produttori extraeuropei situati principalmente nelle Americhe e in Asia, i quali hanno progressivamente sostituito i produttori europei di polimeri – prosegue il presidente di PlasticFinder&reg; –. Questa realtà ha abituato l'industria della trasformazione delle materie plastiche ad affidarsi all'importazione di materiali. Questa tendenza potrebbe parzialmente toccare anche le plastiche riciclate. In questo caso, però, le dinamiche di mercato sarebbero completamente diverse, a causa, in particolare, delle norme vigenti in Europa, che tutelano la qualità dei materiali e la loro tracciabilità. <strong>Per fare fronte a una importante richiesta crescente, l'Europa dovrà aprire le porte ai prodotti riciclati extra UE che dovranno necessariamente rispettare i requisiti di tracciabilità e dovranno essere conformi alle normative vigent</strong>i». Le normative considerano tutti i materiali non conformi come rifiuti. Le aziende di trasformazione che acquistano prodotti non conformi si espongono a rischi significativi, anche di natura penale. Tra le principali conformità non derogabili vi sono quelle stabilite dal Regolamento REACH, obbligatorie per l'importazione nell'UE di polimeri prodotti al di fuori dell'Europa, e dalla normativa sull'End of Waste. «Il nostro marketplace possiede gli strumenti necessari per garantire la conformità delle materie plastiche riciclate, come ad esempio la certificazione sull'END of WASTE per la compravendita di plastica riciclata e sottoprodotti industriali secondo la norma UNI 10667, e la conformità Reach per PET, HDPE e LDPE, principali polimeri nel settore del riciclo». Per questa ragione il 19 e 20 giugno PlasticFinder&reg; sarà presente a Plastics Recycling Show Europe 2024 ad Amsterdam, la fiera più importante in Europa per le materie plastiche riciclate, per presentare il nuovo servizio di assessment delle materie prime riciclate.&nbsp; Questo servizio sarà disponibile gratuitamente per tutte le aziende iscritte a PlasticFinder&reg; e consentirà loro di comprendere se i prodotti che acquistano e che vendono possono davvero essere commercializzati nel mercato europeo e trovare delle efficaci soluzioni qualora sia necessario. Sul fronte regolatorio la plenaria del Parlamento Europeo ha approvato lo scorso 24 aprile la proposta di regolamento imballaggi e rifiuti di imballaggi: «La novità importante – commenta Chiaramondia – riguarda l'introduzione dei concetti di \"riciclabilità\" del packaging e di \"riciclo di alta qualità\", intesa come qualità equivalente ai materiali originali e obiettivi di contenuto minimo di plastica riciclata per il 2030 e 2040, con particolare riferimento al PET. Ai fini del contenuto minimo potranno essere considerate anche le materie prime secondarie o MPS provenienti da rifiuti post-consumo raccolti in paesi terzi: tutto questo, tuttavia, dovrà avvenire in conformità alle norme ambientali con il loro rispetto da parte di tutti operatori intra UE ed extra UE. Diversamente, si rischia di creare un'asimmetria dannosa per il mercato europeo». Un altro tema molto caldo è, infine, la plastic tax: «Non l'abbiamo mai sostenuta, non nell'obiettivo di sostenibilità che ovviamente ci è molto caro, ma nella modalità di attuazione – conclude Chiaramondia –. Gli obiettivi di sostenibilità possono e devono essere raggiunti promuovendo una maggiore consapevolezza circa l'utilizzo buono della plastica, senza sprechi e senza imballaggi sovra-dimensionati, e con il miglior riciclo possibile affinché questo materiale si trasformi davvero in una risorsa economica, finanziaria, ambientale e sociale».", "permalink":"giornata-ambiente-nuovo-servizio-gratuito-plasticfinder-domanda-plastica-riciclata-news-della-settimana", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1269788/NEWSLETTER.jpg/dcd34ccd-694f-4927-982e-e1e644c464e2?t=1717663855000", "date":"2024-06-08T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce"] } , { "id":"1269185", "category":"", "title":"CRESCE DOMANDA DI PLASTICA RICICLATA: INEVITABILE ARRIVO FORNITORI EXTRA UE", "description":"<p><strong>Cresce la domanda di plastica riciclata di qualità</strong>, trainata dalla regolamentazione europea, dalla domanda dei consumatori e dall'interesse dei brand owner. <strong>Nei primi 5 mesi del 2024 PlasticFinder&reg;</strong>, il marketplace nato nel 2017 in Italia per fornire materie plastiche e servizi digitali per lo sviluppo della seconda vita dei materiali plastici, <strong>ha fatto registrare una crescita del +30% dei prodotti riciclati rispetto al 2023</strong> con oltre 100 nuovi utenti aziendali registrati sulla piattaforma: «La domanda crescente di plastica riciclata – spiega il presidente<strong> Stefano Chiaramondia </strong>– necessita di interlocutori qualificati che possano accompagnare le aziende e tutta la filiera in un viaggio molto complesso, ma estremamente importante per il nostro futuro. La sfida della transizione verso l'economia circolarerischia di diventare ancora più difficile se consideriamo che, <strong>data l'insufficiente quantità di plastica riciclata in Europa, dovremo aprire le porte anche ai prodotti riciclati extra UE</strong>».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>SERVE GARANZIA DI CONFORMITÀ PER PLASTICA RICICLATA EXTRA UE</h2> <p>«Il mercato delle plastiche vergini, provenienti dai grandi gruppi petrolchimici, è attualmente dominato da produttori extraeuropei situati principalmente nelle Americhe e in Asia, i quali hanno progressivamente sostituito i produttori europei di polimeri – prosegue il presidente di PlasticFinder&reg; –. Questa realtà ha abituato l'industria della trasformazione delle materie plastiche ad affidarsi all'importazione di materiali. Questa tendenza potrebbe parzialmente toccare anche le plastiche riciclate. In questo caso, però, le dinamiche di mercato sarebbero completamente diverse, a causa, in particolare, delle norme vigenti in Europa, che tutelano la qualità dei materiali e la loro tracciabilità. Per fare fronte a una importante richiesta crescente, l'Europa dovrà aprire le porte ai prodotti riciclati extra UE che dovranno necessariamente rispettare i requisiti di tracciabilità e dovranno essere conformi alle normative vigenti». Le normative considerano tutti i materiali non conformi come rifiuti. Le aziende di trasformazione che acquistano prodotti non conformi si espongono a rischi significativi, anche di natura penale. Tra le principali conformità non derogabili vi sono quelle stabilite dal Regolamento REACH, obbligatorie per l'importazione nell'UE di polimeri prodotti al di fuori dell'Europa, e dalla normativa sull'End of Waste. «Il nostro marketplace possiede gli strumenti necessari per garantire la conformità delle materie plastiche riciclate, come ad esempio la certificazione sull'END of WASTE per la compravendita di plastica riciclata e sottoprodotti industriali secondo la norma UNI 10667, e la conformità Reach per PET, HDPE e LDPE, principali polimeri nel settore del riciclo».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>DA PLASTICFINDER&nbsp;NUOVO SERVIZIO ASSESSMENT DI PLASTICA RICICLATA</h2> <p>Per questa ragione il 19 e 20 giugno PlasticFinder&reg; sarà presente a Plastics Recycling Show Europe 2024 ad Amsterdam, la fiera più importante in Europa per le materie plastiche riciclate, per presentare il nuovo servizio di assessment delle materie prime riciclate.&nbsp;<br /> Questo servizio sarà disponibile gratuitamente per tutte le aziende iscritte a PlasticFinder&reg; e consentirà loro di comprendere se i prodotti che acquistano e che vendono possono davvero essere commercializzati nel mercato europeo e trovare delle efficaci soluzioni qualora sia necessario.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>REGOLAMENTO IMBALLAGGI, MATERIE PRIME SECONDARIE DA RIFIUTI PAESI TERZI</h2> <p>Sul fronte regolatorio la plenaria del Parlamento Europeo ha approvato lo scorso 24 aprile la proposta di regolamento imballaggi e rifiuti di imballaggi: «La novità importante – commenta Chiaramondia – riguarda l'introduzione dei concetti di \"riciclabilità\" del packaging e di \"riciclo di alta qualità\", intesa come qualità equivalente ai materiali originali e obiettivi di contenuto minimo di plastica riciclata per il 2030 e 2040, con particolare riferimento al PET. Ai fini del contenuto minimo potranno essere considerate anche le materie prime secondarie o MPS provenienti da rifiuti post-consumo raccolti in paesi terzi: tutto questo, tuttavia, dovrà avvenire in conformità alle norme ambientali con il loro rispetto da parte di tutti operatori intra UE ed extra UE. Diversamente, si rischia di creare un'asimmetria dannosa per il mercato europeo».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>NO PLASTIC TAX: OCCORRE PIÙ CONSAPEVOLEZZA SU BUON USO DELLA PLASTICA</h2> <p>Un altro tema molto caldo è, infine, la plastic tax: «Non l'abbiamo mai sostenuta, non nell'obiettivo di sostenibilità che ovviamente ci è molto caro, ma nella modalità di attuazione – conclude Chiaramondia –. Gli obiettivi di sostenibilità possono e devono essere raggiunti promuovendo una maggiore consapevolezza circa l'utilizzo buono della plastica, senza sprechi e senza imballaggi sovra-dimensionati, e con il miglior riciclo possibile affinché questo materiale si trasformi davvero in una risorsa economica, finanziaria, ambientale e sociale».</p>", "permalink":"cresce-domanda-di-plastica-riciclata-inevitabile-arrivo-fornitori-extra-ue", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1269196/iStock-177470402+%281%29.jpg/6b326ccd-f228-4845-92f5-320cac43becd?t=1717526281000", "date":"2024-06-07T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce"] } , { "id":"1269227", "category":"", "title":"GIORNATA MONDIALE DELL'AMBIENTE: CERTIFIED RECYCLED PLASTIC® FESTEGGIA CON OLTRE 23.400 TONNELLATE DI PLASTICA RICICLATA TRACCIATA", "description":"<p><strong>Oltre 23.400 tonnellate di plastica riciclata tracciata grazie alla blockchain</strong>: noi di <strong><a href=\"https://www.certifiedrecycledplastic.com/\">Certified Recycled Plastic&reg; </a></strong>vogliamo festeggiare la <strong><a href=\"https://www.worldenvironmentday.global/\">giornata mondiale dell'ambiente </a></strong>con un numero concreto, che evidenzia il nostro impegno quotidiano per promuovere un futuro sempre più sostenibile.&nbsp;</p> <h2><br /> 5 GIUGNO, GIORNATA MONDIALE DELL'AMBIENTE</h2> <p>Sono <strong>più di 1.600 i lotti già tracciati in Italia </strong>attraverso il nostro sistema tecnologico che mette al centro tracciabilità e trasparenza lungo tutta la filiera del riciclo. Grazie a un QR code che può essere facilmente inquadrato con qualsiasi smartphone, è possibile gestire e conoscere informazioni chiave per la circolarità, <strong>mettendo un freno alle false dichiarazioni ambientali ed evitare così il greenwashing.&nbsp;</strong></p> <h2>&nbsp;</h2> <h2>OLTRE 23.400 TONNELLATE DI PLASTICA RICICLATA TRACCIATA</h2> <p>In questa giornata che invita a riflettere su come possiamo gestire in modo più consapevole le risorse che abbiamo a disposizione, vogliamo ribadire il nostro impegno per <strong>fornire alle aziende un sistema di tracciabilità in grado di digitalizzare la catena di custodia dei prodotti.</strong> Permettendo ai consumatori di fare scelte&nbsp;di acquisto informate e sostenibili. Buona giornata mondiale dell'ambiente!</p>", "permalink":"giornata-mondiale-dell-ambiente-certified-recycled-plastic-festeggia-con-oltre-23-400-tonnellate-di-plastica-riciclata-tracciata", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1269209/giornata-mondiale-ambiente-certified-recycled-plastic.jpg/96848057-2fd6-48d2-8a75-38da87bed95a?t=1717591003751", "date":"2024-06-05T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Market data","Business / e-commerce","Environment","Job posting"] } , { "id":"1268985", "category":"", "title":"PLASTICFINDER PRESENTA IL NUOVO SERVIZIO DI BASIC ASSESSMENT AL PLASTICS RECYCLING SHOW EUROPE DI AMSTERDAM: INCONTRIAMOCI IL 19 E 20 GIUGNO", "description":"<p>Fin dall'inizio ci impegniamo ogni giorno a fare sempre di più e meglio per promuovere l'economia circolare certificata. Va in questa direzione il <strong>servizio di basic assessment sui requisiti necessari per rispettare le normative Ue</strong>, che abbiamo recentemente introdotto sulla nostra piattaforma, <strong>disponibile gratuitamente per tutte le aziende iscritte al portale</strong>.</p> <p>&nbsp;</p> <h2><strong>PLASTICFINDER PRESENTA IL NUOVO SERVIZIO DI BASIC ASSESSMENT</strong></h2> <p>Si tratta di un servizio di <strong>pre-verifica dei requisiti necessari per poter rispettare il regolamento Reach e i criteri End of Waste</strong>: uno degli obiettivi principali è quello di aiutare acquirenti e venditori a comprendere se i prodotti oggetto delle transazioni online possono essere commercializzati sul mercato europeo&nbsp;nel pieno rispetto delle normative, trovando eventuali soluzioni qualora sia necessario.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>INCONTRIAMOCI AL PLASTICS RECYCLING SHOW EUROPE&nbsp;</h2> <p>Per supportare al meglio le aziende, illustreremo il&nbsp;nuovo servizio di assessment in occasione di <strong><a href=\"https://www.prseventeurope.com/prse2024/en/page/visit\">Plastics Recycling Show Europe 2024</a></strong>, la fiera internazionale dedicata al riciclo delle materie plastiche, in programma il 19 e 20 giugno ad Amsterdam. <strong>Incontriamoci allo stand J4.</strong></p>", "permalink":"plasticfinder-presenta-il-nuovo-servizio-di-basic-assessment-al-plastics-recycling-show-europe-di-amsterdam-incontriamoci-il-19-e-20-giugno", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1268967/Plastics-Recycling-Show-Europe-2024-RecyclingInside.jpg/77a4d903-aa19-4584-81b2-e36b1130d419?t=1717493481821", "date":"2024-06-04T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Market data","Business / e-commerce","Environment","Job posting"] } , { "id":"1268899", "category":"", "title":"UN INNO AL RICICLO DEL PET: È L'OPERA DEL MAESTRO PISTOLETTO ALLO STABILIMENTO DELLA DENTIS RECYCLING ITALY", "description":"<p><strong>Arte e riciclo</strong> che si uniscono per sensibilizzare su temi importanti come economia circolare, rispetto per l'ambiente e sostenibilità. È l'idea che arriva dallo <a href=\"https://www.adnkronos.com/028e-1b0775217e12-daf89f401466-1000/index.html?refresh_ce\">stabilimento della <strong>Dentis Recycling Italy</strong> a Sant'Albano Stura</a>, in provincia di Cuneo, dove nei giorni scorsi è stata inaugurata <strong>l'opera \"Terzo Paradiso Recycling\" dell'artista Michelangelo Pistoletto</strong>: un'installazione <strong>realizzata con le bottiglie in PET,</strong> provenienti da raccolta differenziata, per rappresentare l'unione e l'armonizzazione tra uomo e natura.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>ARTE E RICICLO CON DENTIS RECYCLING ITALY</h2> <p>«L'opera - afferma <strong>Michelangelo Pistoletto</strong> - vuole essere <strong>un inno al riciclo, alla rigenerazione, all'equilibrio, all'armonia</strong>». Mettendo al centro un tema fondamentale: dare nuova vita alle risorse plastiche, con creatività. Il PET, infatti, è un materiale virtuoso, che può essere riciclato e reimpiegato più e più volte. «Un'opera straordinaria - sottolinea <strong>Corrado Dentis</strong>, amministratore delegato Dentis Recycling Italy - per la capacità di rappresentare quello che in pratica facciamo quotidianamente: <strong>dare nuova vita alla materia. Riciclando le bottiglie in PET della raccolta differenziata</strong>, restituiamo a questo materiale una seconda, una terza, una quarta vita.&nbsp; E quest'opera è a disposizione di tutto il territorio».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>UN INNO AL RICICLO DEL PET</h2> <p>Le belle iniziative che piacciono a noi di <a href=\"https://www.certifiedrecycledplastic.com/\"><strong>Certified Recycled Plastic&reg;</strong></a> e che consegnano un messaggio chiaro: l'importanza di riciclare e dare nuova vita alle risorse plastiche. Avanti così!&nbsp;</p>", "permalink":"un-inno-al-riciclo-del-pet-e-l-opera-del-maestro-pistoletto-allo-stabilimento-della-dentis-recycling-italy", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1268881/certified-recycled-plastic-dentis-riciclo-pet-arte-pistoletto.jpg/85212642-0d51-49dd-a71a-e488ae006e32?t=1717416867378", "date":"2024-06-03T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Market data","Business / e-commerce","Environment","Job posting"] } , { "id":"1268523", "category":"", "title":"RDS SU PLASTICFINDER, ECOBARCHE, ELEZIONI UE: NEWS DELLA SETTIMANA", "description":"<strong>La circolarità di PlasticFinder conquista RDS</strong>, <strong>le EcoBarche dal Camerun </strong>e<strong> le elezioni per il Parlamento</strong> europeo: rileggiamo le notizie della settimana. <p>&nbsp;</p> <h2>PLASTICFINDER SU RDS: L'ECONOMIA CIRCOLARE HA BISOGNO DI SCELTE CONSAPEVOLI QUANDO SI COMPRA E SI VENDE PLASTICA</h2> <p>Grazie,&nbsp;<strong>Rds</strong>! Fa sempre piacere vedere che i media rivolgono attenzione nei confronti del proprio lavoro. Soprattutto quando viene portato avanti con&nbsp;<strong>grande passione ed entusiasmo</strong>, come nel caso del nostro progetto. Nel rubrica&nbsp;<strong>Green&nbsp;</strong>di una delle maggiori radio nazionali il nostro presidente&nbsp;<strong>Stefano Chiaramondia</strong>&nbsp;ha avuto la bella possibilità di ricordare che&nbsp;<strong>PlasticFinder</strong>&nbsp;è una piattaforma digitale certificata per la compravendita di materie plastiche riciclate conformi alle normative. Le aziende hanno quindi l'opportunità di contribuire alla transizione dell'industria&nbsp;<strong>verso l'economia circolare</strong>&nbsp;utilizzando&nbsp; PlasticFinder, che garantisce inoltre la tracciabilità e la conformità dei materiali offerti. Al centro di ogni considerazione, non bisogna mai dimenticarselo,&nbsp;c'è il consumatore finale e ci sono le sue scelte, sempre più consapevoli, che portano a&nbsp;<strong>privilegiare questo tipo di prodotti</strong>&nbsp;(riciclati o che contengono riciclato)&nbsp;rispetto ai prodotti tradizionali. Continueremo a lavorare con il massimo impegno per dare il nostro contributo nel campo della sostenibilità e dell'economia circolare.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>ECOBARCHE CON BOTTIGLIE DI PLASTICA, DAL CAMERUN L'IDEA CIRCOLARE DELL'INGEGNERE ISMAEL</h2> <p><strong>L'idea è di Ismael Essome Ebone, ingegnere del Camerun</strong>: realizzare&nbsp;<strong>EcoBoat (EcoBarche) raccogliendo bottiglie di plastica usate</strong>. Nel 2016 ha fondato l'<strong>associazione non profit Madiba &amp; Nature</strong>&nbsp;e, da allora, ha costruito una serie di imbarcazioni, ciascuna delle quali è composta da&nbsp;<strong>mille bottiglie di plastica</strong>. Cresciuto in un&nbsp;<strong>villaggio di pescatori</strong>&nbsp;in Camerun – spiega il portale Oneyoungworld –, Ismael ha notato che la pesca stava diventando meno redditizia a causa dell'inquinamento. Di conseguenza, i giovani erano costretti a trasferirsi in città per trovare un lavoro alternativo. Ismael ha affrontato il problema, progettando&nbsp;<strong>un'imbarcazione che promuova l'economia circolare e riduca l'inquinamento attraverso l'utilizzo di bottiglie di plastica riciclate</strong>. <strong>L'idea delle EcoBarche è nata durante un temporale</strong>: Ismael si stava riparando, quando ha notato alcune bottiglie di plastiche galleggiare nell'acqua. Dopo il lampo, appunto, la realizzazione delle EcoBoat:&nbsp;<strong>queste imbarcazioni sono economiche e facili da riparare</strong>, costando meno della metà del prezzo delle tradizionali barche di legno. I pescatori possono anche utilizzarle per accedere a zone di pesca difficilmente raggiungibili, non accessibili con le canoe di legno.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>SALVINI PARLA DI TAPPI E BOTTIGLIE IN PLASTICA (E SCATENA IL FINIMONDO)</h2> La&nbsp;<strong>plastica</strong>&nbsp;è entrata nella campagna elettorale per le&nbsp;<strong>elezioni europee</strong>&nbsp;di giugno. E il motivo onestamente fa un po' sorridere (e in effetti è montato in fretta un piccolo vespaio di polemiche accompagnato da frecciatine ironiche). A innescare il tutto è stato un post del ministro&nbsp;<strong>Matteo Salvini</strong>, in cui si legge: «<strong>Eco-norme surreali volute da Bruxelles?</strong>&nbsp;No, grazie». Il riferimento, come chiarito dalla grafica che accompagna il testo, è al tappo delle bottiglie di plastica, che entro breve, per legge, dovrà rimanere attaccato fermamente durante il consumo in modo da non rischiare di disperderlo dopo l'utilizzo. E Salvini mette l'accento&nbsp;sul fatto che questa imposizione renderebbe difficile bere comodamente dalla bottiglia, perché il tappo, appunto,&nbsp;<strong>ostacolerebbe non poco l'operazione</strong>.&nbsp; Posto anche che esista la possibilità che qualcuno possa incontrare qualche difficoltà in più nell'affrontare la sua personale sfida alla sete per colpa di un tappo che si mette in mezzo, è però innegabile che questa piccola regola&nbsp;<strong>permetterà di limitare di un bel po' lo spreco di plastica</strong>. E questo è davvero un bene. Per tutti.&nbsp; Rimanendo in tema di plastica e di riciclo, sarebbe bello che qualche politico (di qualsiasi schieramento) sottolineasse piuttosto l'esigenza di&nbsp;<strong>tracciare in modo accurato e trasparente il percorso della plastica riciclata</strong>&nbsp;per mettere fine alle imprese dei furbetti del greenwashing. Su questo, difficilmente qualcuno troverebbe da ironizzare...", "permalink":"rds-su-plasticfinder-ecobarche-elezioni-ue-news-della-settimana", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1268505/NEWSLETTER+%289%29.jpg/b8fd4463-dba9-4861-a953-a6dfb4bd4014", "date":"2024-06-01T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce"] } , { "id":"1267958", "category":"", "title":"ECOBARCHE CON BOTTIGLIE DI PLASTICA, DAL CAMERUN L'IDEA CIRCOLARE DELL'INGEGNERE ISMAEL", "description":"<p><strong>L'idea è di Ismael Essome Ebone, ingegnere del Camerun</strong>: realizzare <strong>EcoBoat (EcoBarche) raccogliendo bottiglie di plastica usate</strong>. Nel 2016 ha fondato l'<strong>associazione non profit Madiba &amp; Nature</strong> e, da allora, ha costruito una serie di imbarcazioni, ciascuna delle quali è composta da <strong>mille bottiglie di plastica</strong>.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>IDEA NATA PER SALVAGUARDARE LA PESCA IN CAMERUN</h2> <p>Cresciuto in un <strong>villaggio di pescatori</strong> in Camerun – spiega il portale Oneyoungworld –, Ismael ha notato che la pesca stava diventando meno redditizia a causa dell'inquinamento. Di conseguenza, i giovani erano costretti a trasferirsi in città per trovare un lavoro alternativo. Ismael ha affrontato il problema, progettando <strong>un'imbarcazione che promuova l'economia circolare e riduca l'inquinamento attraverso l'utilizzo di bottiglie di plastica riciclate</strong>.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>IMBARCAZIONI ECONOMICHE E FACILI DA RIPARARE</h2> <p><strong>L'idea delle EcoBarche è nata durante un temporale</strong>: Ismael si stava riparando, quando ha notato alcune bottiglie di plastiche galleggiare nell'acqua. Dopo il lampo, appunto, la realizzazione delle EcoBoat: <strong>queste imbarcazioni sono economiche e facili da riparare</strong>, costando meno della metà del prezzo delle tradizionali barche di legno. I pescatori possono anche utilizzarle per accedere a zone di pesca difficilmente raggiungibili, non accessibili con le canoe di legno.</p>", "permalink":"ecobarche-con-bottiglie-di-plastica-dal-camerun-l-idea-circolare-dell-ingegnere-ismael", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1267940/Ecoboat+Essome.jpg/cb09bd34-33e8-4b26-8551-30150c475e12?t=1716837916857", "date":"2024-05-31T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Environment"] } , { "id":"1268210", "category":"", "title":"SALVINI PARLA DI TAPPI E BOTTIGLIE IN PLASTICA (E SCATENA IL FINIMONDO)", "description":"<p>La <strong>plastica</strong> è entrata nella campagna elettorale per le <strong>elezioni europee</strong> di giugno. E il motivo onestamente fa un po' sorridere (e in effetti è montato in fretta un piccolo vespaio di polemiche accompagnato da frecciatine ironiche).</p> <h2><br /> IL POST \"SOTTO ACCUSA\"</h2> <p>A innescare il tutto è stato un post del ministro&nbsp;<strong>Matteo Salvini</strong>, in cui si legge: «<strong>Eco-norme surreali volute da Bruxelles?</strong> No, grazie». Il riferimento, come chiarito dalla grafica che accompagna il testo, è al tappo delle bottiglie di plastica, che entro breve, per legge, dovrà rimanere attaccato fermamente durante il consumo in modo da non rischiare di disperderlo dopo l'utilizzo.</p> <p>E Salvini mette l'accento&nbsp;sul fatto che questa imposizione renderebbe difficile bere comodamente dalla bottiglia, perché il tappo, appunto, <strong>ostacolerebbe non poco l'operazione</strong>.&nbsp;</p> <h2>&nbsp;<br /> OK I TAPPI, MA SE PARLASSIMO DI TRACCIABILITÀ?</h2> <p>Posto anche che esista la possibilità che qualcuno possa incontrare qualche difficoltà in più nell'affrontare la sua personale sfida alla sete per colpa di un tappo che si mette in mezzo, è però innegabile che questa piccola regola <strong>permetterà di limitare di un bel po' lo spreco di plastica</strong>. E questo è davvero un bene. Per tutti.&nbsp;</p> <p><br /> Rimanendo in tema di plastica e di riciclo, sarebbe bello che qualche politico (di qualsiasi schieramento) sottolineasse piuttosto l'esigenza di <strong>tracciare in modo accurato e trasparente il percorso della plastica riciclata</strong> per mettere fine alle imprese dei furbetti del greenwashing. Su questo, difficilmente qualcuno troverebbe da ironizzare...</p> <p><a href=\"https://www.open.online/2024/05/27/cosa-centrano-matteo-salvini-lega-tappi-plastica-bottiglie-meme-danese-fc/\">LEGGI L'ARTICOLO DI OPEN</a></p>", "permalink":"salvini-parla-di-tappi-e-bottiglie-in-plastica-e-scatena-il-finimondo-", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1268192/salvini-plastica.JPEG/d32dbbf5-5285-45cf-8209-53aedeeed569?t=1716927286000", "date":"2024-05-29T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Environment"] } , { "id":"1268098", "category":"", "title":"PLASTICFINDER SU RDS: L'ECONOMIA CIRCOLARE HA BISOGNO DI SCELTE CONSAPEVOLI QUANDO SI COMPRA E SI VENDE PLASTICA", "description":"<p>Grazie, <strong>Rds</strong>!</p> <p>Fa sempre piacere vedere che i media rivolgono attenzione nei confronti del proprio lavoro. Soprattutto quando viene portato avanti con <strong>grande passione ed entusiasmo</strong>, come nel caso del nostro progetto.</p> <p>Nel rubrica <strong>Green </strong>di una delle maggiori radio nazionali il nostro presidente <strong>Stefano Chiaramondia</strong> ha avuto la bella possibilità di ricordare che <strong>PlasticFinder</strong> è una piattaforma digitale certificata per la compravendita di materie plastiche riciclate conformi alle normative.</p> <h2>&nbsp;<br /> VERSO L'ECONOMIA CIRCOLARE</h2> <p>Le aziende hanno quindi l'opportunità di contribuire alla transizione dell'industria <strong>verso l'economia circolare</strong> utilizzando&nbsp; PlasticFinder, che garantisce inoltre la tracciabilità e la conformità dei materiali offerti.</p> <p>Al centro di ogni considerazione, non bisogna mai dimenticarselo,&nbsp;c'è il consumatore finale e ci sono le sue scelte, sempre più consapevoli, che portano a <strong>privilegiare questo tipo di prodotti</strong>&nbsp;(riciclati o che contengono riciclato)&nbsp;rispetto ai prodotti tradizionali.</p> <p><br /> Continueremo a lavorare con il massimo impegno per dare il nostro contributo nel campo della sostenibilità e dell'economia circolare.</p> <p><a href=\"https://www.rds.it/podcast/rds-green/rds-green-24-05-2024-1457\">SEGUI QUESTO LINK E CLICCA SULL'EPISODIO DEL 24 GIUGNO!</a></p> <p>&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p>", "permalink":"plasticfinder-su-rds-l-economia-circolare-ha-bisogno-di-scelte-consapevoli-quando-si-compra-e-si-vende-plastica", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1268080/RDS.JPEG/8b1b010c-ad14-49e4-b694-72dd4676ae3e?t=1716888280171", "date":"2024-05-28T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce","Environment"] } , { "id":"1267787", "category":"", "title":"INVESTIMENTI BLOCKCHAIN IN ITALIA? HANNO RAGGIUNTO I 38 MILIONI DI EURO IN UN ANNO (MA L'ATTENZIONE MEDIATICA CONTINUA A ESSERE SCARSA)", "description":"<p>In Italia gli investimenti nel campo della <strong>blockchain</strong> nel corso dell'ultimo anno sono stati pari in totale a <strong>38 milioni di euro</strong>. Il dato emerge dalla ricerca dell'<strong>Osservatorio Blockchain &amp;amp; Web3</strong> della School of Management del Politecnico di Milano.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>INVESTIMENTI ANCHE NELL'AGRIFOOD E NEL FASHION</h2> <p>Interessante notare inoltre che \"soltanto\" una quota pari al 39% degli investimenti riguarda il settore finanziario e assicurativo (ancora predominante), perché stanno assumendo quote di rilevanza sempre maggiore progetti nel campo della <strong>PA</strong> (14%), dell'<strong>agrifood</strong> (10%) e del <strong>fashion</strong> (7%).&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>«SCARSA ATTENZIONE MEDIATICA SULLA BLOCKCHAIN»</h2> <p>Ampliando lo sguardo sulla situazione a livello intenazionale, <strong>Valeria Portale</strong>, direttore proprio dell'Osservatorio Blockchain &amp;amp; Web3, in un articolo di<em> Affari &amp; Finanza</em>, sottolinea che «il 2023 è stato un anno caratterizzato da una <strong>scarsa attenzione mediatica sul mondo della Blockchain</strong>, ma il settore non è affatto rimasto fermo».</p> <p>Per poi aggiungere che si è «assistito ad una fase di purificazione e maturazione del comparto: si sono ridotte pratiche speculative discutibili, è stata promossa <strong>un'evoluzione più consapevole della tecnologia</strong>, è stata data maggiore attenzione agli aspetti etici e allo sviluppo sostenibile».&nbsp;</p> <p>E proprio su quest'ultimo aspetti, lo sviluppo sostenibile, si basa il valore di fondo che ha portato alla nascita di <a href=\"https://www.certifiedrecycledplastic.com/\">Certified Recycled Plastic&reg;</a>, la tecnologia che capitalizza proprio la blockchain <strong>per tracciare in modo sicuro, trasparente e sempre verificabile</strong>, il percorso della <strong>plastica riciclata</strong>.</p> <p>Sarà sempre più difficile in futuro per i media continuare ad avere così poca attenzione nei confronti della blockchain.</p> <p><a href=\"https://finanza.repubblica.it/News/2024/05/22/blockchain_mercato_italiano_vale_38_milioni_euro_crescono_progetti_nel_mondo_+19percento_-39/\">LEGGI L'ARTICOLO DI AFFARI &amp; FINANZA</a></p>", "permalink":"investimenti-blockchain-in-italia-hanno-raggiunto-i-38-milioni-di-euro-in-un-anno-ma-l-attenzione-mediatica-continua-a-essere-scarsa-", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1267783/catena-custodia-certified-recycled-plastic.jpg/71dfdc85-c1a6-4576-8b85-55d59b7b9f8a?t=1717486731448", "date":"2024-05-27T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce","Environment"] } , { "id":"1267741", "category":"", "title":"POLITECNICO SU PACKAGING, ECOPLASTEAM E PMI: NOTIZIE SOSTENIBILI DI PLASTICFINDER", "description":"<strong>Packaging di plastica più sostenibile</strong>,&nbsp;<strong>l'innovazione tutta italiana di Ecoplasteam</strong>,&nbsp;<strong>Italia medaglia d'oro in Europa per l'economia circolare</strong>: rileggiamo le notizie della settimana selezionate da PlasticFinder. <p>&nbsp;</p> <h2><strong>POLITECNICO MILANO: ALTERNATIVE AL PACKAGING DI PLASTICA NON SEMPRE PIÙ SOSTENIBILI</strong></h2> <p>I materiali alternativi alla plastica per gli imballaggi non sono sempre più sostenibili: lo dice uno scientifico studio dal titolo \"How does plastic compare with alternative materials in the packaging sector? A systematic review of LCA studies\" del gruppo di ricerca AWARE (Assessment on WAste and REsources) del Politecnico di Milano, pubblicato sulla rivista \"Waste Management &amp; Research: The Journal for a Sustainable Circular Economy\". Prendiamo il caso del vetro, spiegano Giovanni Dolci, Stefano Puricelli e Mario Grosso: malgrado possa sembrare più sostenibile, questo materiale presenta grandi sfide legate al peso, che influisce sulle prestazioni non solo nella fase sua produttiva ma anche nelle operazioni di trasporto. Per non parlare del fatto che il suo riutilizzo deve essere fatto in determinate condizioni per renderlo più vantaggioso rispetto alla plastica convenzionale. Sappiamo bene come gli imballaggi in plastica abbiano un ruolo cruciale in diversi settori, soprattutto nell'industria alimentare, dove rappresentano più della metà delle vendite totali. La ricerca del Politecnico di Milano – spiega il portale \"Le scienze\" – ha analizzato 53 studi peer-reviewed sull'analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment, LCA) pubblicati nel periodo 2019-2023, mettendo sotto la lente d'ingrandimento gli impatti ambientali degli imballaggi e concentrandosi sul confronto tra plastica e materiali alternativi. «La plastica si conferma un materiale dalle ottime prestazioni ambientali, se usato correttamente; questo grazie alla sua leggerezza, che ne consente un utilizzo minimo per ciascun imballaggio, e all'ottimizzazione dei processi produttivi rispetto a materiali più giovani, come ad esempio le bioplastiche – commenta Dolci, docente di gestione e trattamento dei rifiuti al Politecnico –. Tuttavia, non bisogna dimenticare le criticità principali, che sono la produzione a partire da risorse fossili e soprattutto l'elevata propensione all'abbandono nell'ambiente, dove richiede tempi lunghissimi per la degradazione».</p> <p>&nbsp;</p> <h2><strong>PLASTICA GREEN DAGLI SCARTI DEL TETRAPACK: ECOALLENE INNOVAZIONE ITALIANA DI ECOPLASTEAM</strong></h2> <p>È un'innovazione tutta italiana che mette&nbsp;<strong>al centro riciclo ed&nbsp;<a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/notizie/content/read/economia-circolare-italia-medaglia-d-oro-in-europa-pmi-protagoniste-della-transizione-green\">economia circolare</a></strong>: da una confezione in tetrapak si ricava un nuovo materiale con cui realizzare vasi, dispenser, mensole, penne, pennarello e tanto altro. Una trasformazione che vede la firma di&nbsp;<strong>Ecoplasteam</strong>, pmi innovativa di Spinetta Marengo, in provincia di Alessandria, che ha dato vita a un&nbsp;<strong>nuovo polimero, l'EcoAllene, riciclabile e destinato a una diversa serie di applicazioni.&nbsp;</strong>L'EcoAllene, appunto, nasce dallo scarto del tetrapak, composto per la maggior parte da cellulosa, alluminio e&nbsp;<a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/notizie/content/read/arriva-la-plastica-che-si-biodegrada-da-sola-grazie-a-batteri-la-scoperta-dalla-california\">materiale plastico</a>. Questo flusso di materia viene rigenerato tramite un processo che permette di rendere omogenee le particelle di alluminio all'interno della resina plastica: il risultato sono migliaia di&nbsp;<strong>granuli composti da un materiale 100% riciclato e riciclabile</strong>. «Nel 2023 - spiega&nbsp;<strong>Stefano Richaud</strong>, fondatore e ceo dell'azienda, in un articolo del<a href=\"https://torino.corriere.it/notizie/economia/24_maggio_20/spinetta-marengo-la-fabbrica-che-trasforma-gli-scarti-di-tetrapak-in-materiali-green-acd6c51f-620b-4d05-9913-7dd78f148xlk.shtml?refresh_ce\">&nbsp;Corriere della Sera</a>&nbsp;-&nbsp;<strong>abbiamo raccolto 1.800 tonnellate di scarto di plastica e alluminio, che in seguito sono state trasformate in 1.600 tonnellate di EcoAllene</strong>. In pochi anni la mentalità è completamente cambiata. Quando siamo entrati nel mercato c'era interesse per il nostro prodotto solo perché si pensava al consumatore attento al green. Ora invece le aziende cercano di migrare i propri business verso attività meno impattanti. C'è una spinta diversa».&nbsp; Nuova vita, dunque, al packaging post consumo grazie una tecnologia che unisce&nbsp;<strong>sostenibilità e innovazione</strong>, implementando processi per l'end of waste dei poliaccoppiati. Un bell'esempio tutto italiano di economia circolare, che piace a noi di PlasticFinder. Avanti così.</p> <p>&nbsp;</p> <h2><strong>ECONOMIA CIRCOLARE, ITALIA MEDAGLIA D'ORO IN EUROPA: PMI PROTAGONISTE DELLA TRANSIZIONE GREEN</strong></h2> L'<strong>Italia</strong>&nbsp;si conferma sul&nbsp;<strong>podio europeo dell'economia circolare</strong>. Il&nbsp;<strong><a href=\"https://circulareconomynetwork.it/rapporto-sulleconomia-circolare-in-italia-2024/\">sesto rapporto del Circular Economy Network ed Enea</a></strong>, che compara le performance di circolarità delle cinque maggiori economie dell'Unione europea, fotografa un Paese decisamente virtuoso: l'Italia guida la classifica con 45 punti, seguita da Germania, con 38, Francia, con 30, Polonia e Spagna con 26. Inoltre, quasi un quinto della produzione italiana deriva da processi di riciclo, posizionando lo Stivale al secondo posto in Europa per il tasso di utilizzo circolare di materia, subito dopo la Francia. Il nostro sistema produttivo, dunque, dimostra una forte&nbsp;<a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/notizie/content/read/trasparenza-e-tracciabilita-con-la-blockchain-uno-dei-punti-irruninciabili-per-l-economia-circolare\">spinta verso la circolarità</a>, coinvolgendo in questo processo virtuoso anche le piccole e medie imprese:&nbsp;<strong>il 65% delle pmi, infatti, adotta pratiche di economia circolar</strong>e (come l'uso di materiali riciclati, la riduzione degli imballaggi e l'utilizzo di materie prime seconde), una percentuale più che raddoppiata rispetto al 2021. «<a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/notizie/content/read/green-planner-magazine-l-italia-traccia-la-strada-dell-economia-circolare-con-il-brevetto-di-the-next-company\">Puntare sulla circolarità&nbsp;</a>- commenta&nbsp;<strong>Edo Ronchi</strong>, presidente del Circular Economy Network - deve essere la via maestra per accelerare la transizione ecologica e aumentare la competitività delle nostre imprese.&nbsp;<strong>L'Italia può e deve fare di più per promuovere e migliorare la circolarità della nostra economia</strong>, con misure sia a monte dell'uso dei prodotti, per contrastare sprechi, consumismo e aumentare efficienza e risparmio di risorse nelle produzioni, sia a fine uso, potenziando e migliorando la qualità de riciclo e dell'utilizzo delle materie prime seconde».", "permalink":"politecnico-su-packaging-ecoplasteam-e-pmi-notizie-sostenibili-di-plasticfinder", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1267698/NEWSLETTER+%288%29.jpg-KOD3TH/307bee4a-4535-49e7-93fb-00c181fff93b?t=1716731024483", "date":"2024-05-26T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce"] } , { "id":"1265972", "category":"", "title":"POLITECNICO MILANO: ALTERNATIVE ALPACKAGING DI PLASTICA NON SEMPRE PIÙ SOSTENIBILI", "description":"<p><strong>I materiali alternativi alla plastica per gli imballaggi non sono sempre più sostenibili</strong>: lo dice uno <strong>studio scientifico</strong>&nbsp;dal titolo \"How does plastic compare with alternative materials in the packaging sector? A systematic review of LCA studies\" del gruppo di ricerca AWARE (Assessment on WAste and REsources) del <strong>Politecnico di Milano</strong>, pubblicato sulla rivista <strong>\"Waste Management &amp; Research: The Journal for a Sustainable Circular Economy\"</strong>. Prendiamo il caso del <strong>vetro</strong>, spiegano <strong>Giovanni Dolci, Stefano Puricelli e Mario Grosso</strong>: malgrado possa sembrare più sostenibile, questo materiale presenta grandi sfide legate al peso, che influisce sulle prestazioni non solo nella fase sua produttiva ma anche nelle operazioni di trasporto. Per non parlare del fatto che il suo riutilizzo deve essere fatto in determinate condizioni per renderlo più vantaggioso rispetto alla plastica convenzionale.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>PLASTICA FONDAMENTALE NEL PACKAGING ALIMENTARE</h2> <p>Sappiamo bene come <strong>gli imballaggi in plastica abbiano un ruolo cruciale in diversi settori</strong>, soprattutto nell'industria alimentare, dove rappresentano più della metà delle vendite totali. La ricerca del Politecnico di Milano – spiega il portale \"Le scienze\" – <strong>ha analizzato 53 studi peer-reviewed sull'analisi del ciclo di vita</strong> (Life Cycle Assessment, LCA) pubblicati nel periodo 2019-2023, mettendo sotto la lente d'ingrandimento gli impatti ambientali degli imballaggi e concentrandosi sul confronto tra plastica e materiali alternativi.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>LEGGEREZZA E OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI PRODUTTIVI A FAVORE DELLA PLASTICA</h2> <p>«<strong>La plastica si conferma un materiale dalle ottime prestazioni ambientali, se usato correttamente; questo grazie alla sua leggerezza, che ne consente un utilizzo minimo per ciascun imballaggio</strong>, e all'ottimizzazione dei processi produttivi rispetto a materiali più giovani, come ad esempio le bioplastiche – commenta Dolci, docente di gestione e trattamento dei rifiuti al Politecnico –. Tuttavia, non bisogna dimenticare le criticità principali, che sono la produzione a partire da risorse fossili e soprattutto l'elevata propensione all'abbandono nell'ambiente, dove richiede tempi lunghissimi per la degradazione».&nbsp;</p> <p><em>(Immagine dal sito \"Le scienze\")</em></p>", "permalink":"politecnico-milano-alternative-alpackaging-di-plastica-non-sempre-piu-sostenibili", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1265954/Packaging+plastica.jpg/a927ef79-e7da-438f-ab0a-32b39ae19589?t=1716137945239", "date":"2024-05-24T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER"] } ]