[ { "id":"1120208", "category":"", "title":"COCA-COLA SI PORTA AVANTI: ACCORDO CON BERRY PER I TAPPI DI ULTIMA GENERAZIONE CHE RIMANGONO ANCORATI ALLA BOTTIGLIA", "description":"<p>I tappi in plastica devono rimanere \"ancorati\" alle loro bottiglie. È importante. Perché in questo<br /> modo è più facile che anche loro vengano differenziati nel modo corretto, <strong>evitando dispersioni</strong>&nbsp;pericolose nell'ambiente.</p> <h2>&nbsp;</h2> <h2>NUOVA DIRETTIVA EUROPEA</h2> <p>E una nuova direttiva europea renderà obbligatorio per le aziende trovare un modo di farlo a partire dal luglio 2024. Il tempo a disposizione per decidere a quale tecnologia affidarsi per realizzare i <strong>tethered caps</strong> è dunque limitato.</p> <p>Un grande marchio come <strong>Coca-Cola</strong> si è già portato avanti, puntando sul produttore di packaging in plastica <strong>Berry Global</strong>.</p> <h2><br /> IL NUOVO TAPPO PESA MENO</h2> <p>Rispetto alle versioni precedenti, la nuova chiusura tethered studiata da Berry per Coca-Cola permette di risparmiare un grammo di Pet e pesa il 10% in meno.</p> <p>Al momento sono già state applicate <strong>oltre 400 milioni di chiusure del nuovo tipo</strong> sulle linee di imbottigliamento di Coca-Cola in Germania, Spagna e Regno Unito. I tappi convenzionali sono destinati gradualmente a sparire anche nel resto del Vecchio Continente, Italia compresa.&nbsp;</p> <p>Un piccolo cambiamento che potrà avere un grande impatto per l'ambiente.</p>", "permalink":"coca-cola-si-porta-avanti-accordo-con-berry-per-i-tappi-di-ultima-generazione-che-rimangono-ancorati-alla-bottiglia", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1120190/Cocacola-plasticfinder.jpg/b2688f59-8940-42f8-8f4f-b8f51b0830a6?t=1675092863360", "date":"2023-01-30T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER"] } , { "id":"1119866", "category":"", "title":"TETRAPAK (DA COALCHRY GREEN), INTERPOLIMERI DA PREMIO, ISPRA SU GREENWASHING", "description":"<strong>La seconda vita del tetrapak grazie a </strong><strong>Coalchry Green</strong>, <strong>Interpolimeri ad ACMI AWARDS 2023</strong> e la <strong>task force per la trasparenza e la finanza sostenibile contro il greenwashing di Ispra</strong>, l'Istituto per la Protezione e la Ricerca ambientale presieduto da <strong>Maria Siclari</strong>. vediamolo insieme a <strong>PlasticFinder.</strong> <h2>&nbsp;</h2> <h2>DA COALCHRY GREEN LA SECONDA VITA DEL TETRAPAK</h2> <p><strong>Si chiama \"Leonora\" è il brevetto di Coalchry Green</strong>, l'azienda toscana parte di&nbsp;<a href=\"https://www.onlywater.es/\"><strong>Ly Company Italia</strong></a>, fondata nel 2021 da<strong>&nbsp;Alice Garau</strong>:&nbsp;<strong>permette di riciclare il tetrapak, separando carta, alluminio e polietilene</strong>. «Ogni anno si producono 250 milioni di confezioni di poliaccoppiati, ma solo una piccola parte delle materie prime che li compogono torna a nuova ita. Leonora si basa su processi biologici che permettono la sperazione totale dei materiali in meno di 30 minuti con la totale eliminazione di ogni rischio per gli operatori», racconta l'imprenditrice a Lorenza Cerbini sul supplemento&nbsp;<em>Buone notizie</em>&nbsp;del&nbsp;<em>Corriere della Sera</em>.&nbsp; La tecnologia messa a punto da Coalchry Green&nbsp;<strong>è stata sperimentata in una cartiera italiana&nbsp;</strong>che in 24 ore ha lavorato decine di tonnellate di poliaccoppiati, seperando e recuperando carta, alluminio e polietilene. «<strong>Ho cercato nel mondo invisibile, quello dei batteri</strong>&nbsp;grazie ai quali milioni di anni fa l'aria è diventata respirabile, e l'acqua e la terra sono diventati abitabili per permettere lo sviluppo della vita. Batteri che oggi possono essere un alleato per risolvere i problemi creati dagli esseri umani. Senza di loro persino il nostro corpo non funzionerebbe.&nbsp;<strong>L'obiettivo della nosta ricerca è di lasciare alle generazioni future un mondo più pulito</strong>», tira le somme Garau, premiata dalla&nbsp;<a href=\"https://www.intoscana.it/it/articolo/premio-innovazione/\">Regione Toscana</a>.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>ANCHE INTERPOLIMERI, PARTNER DI PLASTICFINDER, TRA I CANDIDATI ALL'ACMI AWARDS 2023</h2> <p>Anche&nbsp;<strong>Interpolimeri Spa</strong>, partner di PlasticFinder, è stata selezionata tra i progetti Young candidati alla terza edizione del<a href=\"https://www.acmi.it/eventi/3%C2%B0-edizione-acmi-awards-senior-younger\"><strong>l'Acmi Awards Senior &amp; Younger 2023</strong></a>, l'appuntamento annuale che premia il&nbsp;<strong>Credit Manager</strong>, socio Acmi, che si è messo in evidenza per un particolare progetto o iniziativa.&nbsp; Verranno premiati due progetti per la categoria Senior (over 35) e due progetti per la categoria Younger (under 35). I&nbsp;<strong>quattro vincitori</strong>&nbsp;verranno decretati tramite votazione online da parte dei soci Acmi, che sarà aperta dall'1 al 17 febbraio, e da parte di un comitato scientifico composto da professionisti nel settore credito, accademico, finanziario, imprenditoriale e nel campo legale.&nbsp; L'evento di premiazione si svolgerà il&nbsp;<strong>10 marzo all'hotel Meliá di Milano</strong>, insieme ai Credit Awards organizzati da CreditNews. In bocca al lupo a tutti dal team di&nbsp;<a href=\"https://www.plasticfinder.it/en/web/guest/news/content/read/fare-una-startup-e-un-po-come-cucinare-la-ricetta-di-plasticfinder\">PlasticFinder</a>.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>FINANZA E GREENWASHING, LEGAME PERICOLOSO: ISPRA CREA UNA TASK FORCE DI CONTROLLO</h2> Generare valore economico&nbsp;<strong>limitando il peso sull'ambiente</strong>. La finanza mondiale sta gradualmente prendendo questa direzione (ormai quasi obbligata), ma non tutti si adeguano con convinzione.&nbsp; Sono sempre di più infatti i casi di&nbsp;<strong>sostenibilità apparente</strong>, annunciati a parole e smentiti nei fatti. E non sempre è facile difendersi dalle odiose pratiche di<strong>&nbsp;greenwashing&nbsp;</strong>(e forse per questo motivo si diffondono con tale forza);&nbsp;sono però sempre di più anche&nbsp;gli strumenti a disposizione per cercare di arginare il fenomeno. Ora ci prova anche&nbsp;<strong id=\"yui_patched_v3_11_0_1_1674840895805_518\">Ispra</strong>, che ha istituito una propria task force per la trasparenza e la finanza sostenibile contro il greenwashing.&nbsp; L'Istituto per la Protezione e la Ricerca ambientale scende dunque in campo in modo concreto dando vita a un team, presieduto dal direttore generale&nbsp;<strong>Maria Siclari</strong>,&nbsp;che si occuperà di garantire il necessario supporto agli operatori finanziari, alle autorità vigilanti e di controllo e alle imprese. Ispra&nbsp;è il primo istituto pubblico di ricerca a livello europeo a svolgere questo ruolo. Un altro bel segnale di attenzione nei confronti di un fenomeno che anche noi di&nbsp;<strong>PlasticFinder</strong>&nbsp;cerchiamo di contrastare valorizzando&nbsp;ad esempio le tecnologie digitali e le opportunità&nbsp;messe a disposizione&nbsp;dallo sviluppo della&nbsp;blockchain per rendere tracciabile il percorso della plastica riciclata con&nbsp;il servizio&nbsp;<strong>Certified Recycled Plastic&reg;</strong>.&nbsp; Se uniamo le forze, il greenwashing sarà sempre meno insidioso per tutti.", "permalink":"tetrapak-da-coalchry-green-interpolimeri-da-premio-ispra-su-greenwashing", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1119913/Newsletter+28+gennaio+2023.png/4d5abbb6-6470-4392-8140-fb98e46ea3c0?t=1674840891000", "date":"2023-01-28T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce"] } , { "id":"1119683", "category":"", "title":"DA COALCHRY GREEN LA SECONDA VITA DEL TETRAPAK", "description":"<p><strong>Si chiama \"Leonora\" è il brevetto di Coalchry Green</strong>, l'azienda toscana parte di <a href=\"https://www.onlywater.es/\"><strong>Ly Company Italia</strong></a>, fondata nel 2021 da<strong> Alice Garau</strong>: <strong>permette di riciclare il tetrapak, separando carta, alluminio e polietilene</strong>. «Ogni anno si producono 250 milioni di confezioni di poliaccoppiati, ma solo una piccola parte delle materie prime che li compogono torna a nuova ita. Leonora si basa su processi biologici che permettono la sperazione totale dei materiali in meno di 30 minuti con la totale eliminazione di ogni rischio per gli operatori», racconta l'imprenditrice a Lorenza Cerbini sul supplemento <em>Buone notizie</em> del <em>Corriere della Sera</em>.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>BREVETTO SPERIMENTATO SUL TETRAPAK</h2> <p>La tecnologia messa a punto da Coalchry Green <strong>è stata sperimentata in una cartiera italiana </strong>che in 24 ore ha lavorato decine di tonnellate di poliaccoppiati, seperando e recuperando carta, alluminio e polietilene.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>OBIETTIVO: LASCIARE UN MONDO PIÙ PULITO</h2> <p>«<strong>Ho cercato nel mondo invisibile, quello dei batteri</strong> grazie ai quali milioni di anni fa l'aria è diventata respirabile, e l'acqua e la terra sono diventati abitabili per permettere lo sviluppo della vita. Batteri che oggi possono essere un alleato per risolvere i problemi creati dagli esseri umani. Senza di loro persino il nostro corpo non funzionerebbe. <strong>L'obiettivo della nosta ricerca è di lasciare alle generazioni future un mondo più pulito</strong>», tira le somme Garau, premiata dalla <a href=\"https://www.intoscana.it/it/articolo/premio-innovazione/\">Regione Toscana</a>.&nbsp;</p>", "permalink":"da-coalchry-green-la-seconda-vita-del-tetrapak", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1119665/Tetrapak.jpg/82287beb-4db0-4bf1-b96b-56fe20a04b84?t=1674826850457", "date":"2023-01-27T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Environment"] } , { "id":"1117990", "category":"", "title":"ANCHE INTERPOLIMERI, PARTNER DI PLASTICFINDER, TRA I CANDIDATI ALL'ACMI AWARDS 2023", "description":"<p>Anche <strong>Interpolimeri Spa</strong>, partner di PlasticFinder, è stata selezionata tra i progetti Young candidati alla terza edizione del<a href=\"https://www.acmi.it/eventi/3%C2%B0-edizione-acmi-awards-senior-younger\"><strong>l'Acmi Awards Senior &amp; Younger 2023</strong></a>, l'appuntamento annuale che premia il <strong>Credit Manager</strong>, socio Acmi, che si è messo in evidenza per un particolare progetto o iniziativa.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>ACMI AWARDS 2023, TRA I CANDIDATI ANCHE INTERPOLIMERI</h2> <p>Verranno premiati due progetti per la categoria Senior (over 35) e due progetti per la categoria Younger (under 35). I <strong>quattro vincitori</strong> verranno decretati tramite votazione online da parte dei soci Acmi, che sarà aperta dall'1 al 17 febbraio, e da parte di un comitato scientifico composto da professionisti nel settore credito, accademico, finanziario, imprenditoriale e nel campo legale.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>LA PREMIAZIONE IL 10 MARZO A MILANO</h2> <p>L'evento di premiazione si svolgerà il <strong>10 marzo all'hotel Meliá di Milano</strong>, insieme ai Credit Awards organizzati da CreditNews. In bocca al lupo a tutti dal team di <a href=\"https://www.plasticfinder.it/en/web/guest/news/content/read/fare-una-startup-e-un-po-come-cucinare-la-ricetta-di-plasticfinder\">PlasticFinder</a>.</p>", "permalink":"anche-interpolimeri-partner-di-plasticfinder-tra-i-candidati-all-acmi-awards-2023", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1117972/interpolimeri-acmi-awards-plasticfinder.jpg/57b62f28-efbf-4572-a719-f2e37869c489?t=1674647432132", "date":"2023-01-25T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Market data","Business / e-commerce","Environment","Job posting"] } , { "id":"1114856", "category":"", "title":"FINANZA E GREENWASHING, LEGAME PERICOLOSO: ISPRA CREA UNA TASK FORCE DI CONTROLLO", "description":"<p>Generare valore economico <strong>limitando il peso sull'ambiente</strong>. La finanza mondiale sta gradualmente prendendo questa direzione (ormai quasi obbligata), ma non tutti si adeguano con convinzione.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>TASK FORCE PER LA TRASPARENZA</h2> <p>Sono sempre di più infatti i casi di <strong>sostenibilità apparente</strong>, annunciati a parole e smentiti nei fatti. E non sempre è facile difendersi dalle odiose pratiche di<strong> greenwashing </strong>(e forse per questo motivo si diffondono con tale forza);&nbsp;sono però sempre di più anche&nbsp;gli strumenti a disposizione per cercare di arginare il fenomeno.</p> <p>Ora ci prova anche <strong>Ispra</strong>, che ha istituito una propria task force per la trasparenza e la finanza sostenibile contro il greenwashing.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>PRIMO ISTITUTO PUBBLICO IN EUROPA A FARLO</h2> <p>L'Istituto per la Protezione e la Ricerca ambientale scende dunque in campo in modo concreto dando vita a un team, presieduto dal direttore generale <strong>Maria Siclari</strong>,&nbsp;che si occuperà di garantire il necessario supporto agli operatori finanziari, alle autorità vigilanti e di controllo e alle imprese.</p> <p>Ispra&nbsp;è il primo istituto pubblico di ricerca a livello europeo a svolgere questo ruolo. Un altro bel segnale di attenzione nei confronti di un fenomeno che anche noi di <strong>PlasticFinder</strong> cerchiamo di contrastare valorizzando&nbsp;ad esempio le tecnologie digitali e le opportunità&nbsp;messe a disposizione&nbsp;dallo sviluppo della&nbsp;blockchain per rendere tracciabile il percorso della plastica riciclata con&nbsp;il servizio <strong>Certified Recycled Plastic&reg;</strong>.&nbsp;</p> <p>Se uniamo le forze, il greenwashing sarà sempre meno insidioso per tutti.</p> <p><a href=\"https://www.rinnovabili.it/green-economy/finanza-sostenibile/nasce-la-task-force-ispra-sulla-finanza-sostenibile-contro-il-greenwashing/\">LEGGI L'ARTICOLO DI RINNOVABILI.IT</a></p>", "permalink":"finanza-e-greenwashing-legame-pericoloso-ispra-crea-una-task-force-di-controllo", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1114838/greenwashing-plasticfinder-finanza.jpg/e7b6f713-5d76-45bf-add1-6aa1fc23e61a?t=1674386116001", "date":"2023-01-23T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce","Environment"] } , { "id":"1114817", "category":"", "title":"WORLD ECONOMIC FORUM, ENI E POLITENICO: TUTTO SU SOSTENIBILITÀ DA PLASTICFINDER", "description":"<p><strong>Il rapporto del World Economic Forum sui rischi globali</strong>, <strong>l'iniziativa di Eni</strong> e<strong> le riflessioni a sostenibilità sulla sostenibilità di Marco Giorgino</strong>, professore al Politecnico di Milano, pubblicate su<strong><em> Pianeta 202</em></strong>3: ecco il business circolare, vediamolo insieme a PlasticFinder con le notizie della settimana.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>WORLD ECONOMIC FORUM, COSTO DELLA VITA PRIMO RISCHIO GLOBALE: TEMPO DI ECONOMIA CIRCOLARE</h2> <p><strong>Il primo rischio globale dei prossimi due anni? Il costo della vita</strong>. A indicarlo è il&nbsp;<strong>Global Risks Report 2023</strong>&nbsp;del World Economic Forum, l'appuntamento annuale a Davos conclusosi oggi, venerdì 20 gennaio 2023. Da qui a due anni – scrive Carmelo Greco su&nbsp;<a href=\"https://www.digital4.biz/executive/world-economic-forum-global-risk-report-2023-quali-sono-i-rischi-globali-piu-rilevanti/\">digital4.biz</a>, commentando il&nbsp;<a href=\"http://chrome-extension/efaidnbmnnnibpcajpcglclefindmkaj/https:/www3.weforum.org/docs/WEF_Global_Risks_Report_2023.pdf\">rapporto</a>&nbsp;– il primo rischio globale sarà il costo della vita, sostituito a lungo termine dal fallimento nel mitigare gli effetti del cambiamento climatico: «<strong>Le emergenze più immediate</strong>, di cui costo della vita ed erosione della coesione sociale rappresentano due voci nella top five dei rischi impellenti,&nbsp;<strong>potrebbero rallentare le azioni intraprese a contrasto delle conseguenze del cambiamento climatico</strong>. Conseguenze che influiscono direttamente sull'innalzamento del livello del mare e sulla genesi di eventi meteorologici estremi, ma anche indirettamente sulle perdite dei raccolti, sull'accesso alle risorse alimentari di base, sulla migrazione climatica e sull'aumento dei disordini civili». Come ripetiamo noi di&nbsp;<a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/news/content/read/il-protocollo-di-certificazione-plasticfinder-diventa-un-caso-di-studio-del-politecnico-milano\"><strong>PlasticFinder</strong></a>,&nbsp;<strong>la soluzione è nel ripensamento della nostra economia in ottica circolare</strong>. L'economia lineare (con la produzione di beni e scarti che non reimmesso nel ciclo produttivo) è ormai alle strette: è tempo di sostenibilità dell'intero processo produttivo. Vale, anche per la plastica con la reimmissione sul mercato delle materie utilizzate o scartate.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>ENI SCOMMETTE SULLA SUA SOSTENIBILITÀ: SE FALLISCE, PAGHERÀ DI PIÙ GLI INVESTITORI</h2> <p>Per la prima volta&nbsp;<strong>Eni</strong>&nbsp;emette un bond legato a&nbsp;<strong>obiettivi di sostenibilità</strong>. Se li raggiunge, bene. Se non dovesse farcela, dovrà pagare di più i suoi investitori. Una sorta di \"auto-punizione\". Questa decisione&nbsp;la dice lunga sul&nbsp;<strong>cambiamento in atto</strong>&nbsp;anche nel mondo della finanza: oggi essere green, o perlomeno provarci, non è più un'opzione. Il mercato è sempre più attento a come si muovono le aziende su questo piano e pronto a penalizzare chi non si adegua. Eni torna dunque a sollecitare il piccolo risparmio, dopo oltre dieci anni, mettendo sul mercato obbligazioni che avranno la durata di cinque anni per un valore complessivo dell'emissione che dovrebbe essere di circa un miliardo di euro (ma molto dipenderà dalla domanda). Ma l'aspetto interessante riguarda appunto gli obiettivi prefissati: uno riguarda il&nbsp;<strong>Net Carbon Footprint Upstream</strong>&nbsp;e l'altro la&nbsp;<strong>capacità installata per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili</strong>. Nel caso in cui tutto procedesse bene, come da intenti, il tasso di interesse rimarrà invariato sino alla scadenza delle obbligazioni: nessun ulteriore vantaggio economico per gli investitori, dunque, e nessuna \"penalità\" per Eni. Qualora invece l'azienda mancasse anche uno solo dei due target, il tasso di interesse relativo alla cedola pagabile alla data di scadenza del bond (quindi tra cinque anni)&nbsp;<strong>verrà aumentato dello 0,50%</strong>. Dobbiamo abituarci a vedere sempre più green anche il&nbsp;mondo della finanza.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>NON SOLO PAROLE, LA SOSTENIBILITÀ È MISURABILE (E SPINGE L'ADOZIONE DEI CRITERI ESG)</h2> Non bastano soltanto le parole,&nbsp;<strong>la sostenibilità è misurabile</strong>. E questo spingerà sempre più aziende e istituzioni finanziare verso l'adozione delle&nbsp;<strong>regole Esg</strong>.&nbsp; «La sostenibilità - afferma&nbsp;<strong>Marco Giorgino</strong>, professore al&nbsp;<a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/news/content/read/il-protocollo-di-certificazione-plasticfinder-diventa-un-caso-di-studio-del-politecnico-milano\">Politecnico di Milano</a>&nbsp;su&nbsp;<a href=\"https://www.corriere.it/pianeta2030/23_gennaio_04/non-solo-buone-intenzioni-sostenibilita-si-misura-questo-fa-differenza-8835b582-8833-11ed-8dd9-3f83702fb8ed.shtml\"><em>Pianeta 2023 del Corriere della Sera</em></a>&nbsp;- sta diventando un driver di competitività. Un'azienda che vuole raccogliere capitali, per esempio per effettuare investimenti, e che vuole avere un rapporto efficiente con i mercati finanziari, ormai deve dimostrare di aver applicato, o di essere seriamente impegnata nel farlo, i&nbsp;<strong>criteri Esg</strong>, cioè quella serie di principi che attengono ad&nbsp;<strong>ambiente (Environmental), società (Social) e Governance</strong>. Ogni pilastro fa riferimento a un insieme sempre più dettagliato di criteri nell'area dell'<a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/news/content/read/media-italiani-plasticfinder-first-mover-per-protocolli-bottiglie-acqua-100-plastica-riciclata\">impegno ambientale</a>, del rispetto dei valori aziendali e personali e delle buone regole di governance, trasparente ed accurata. E sempre più&nbsp;<strong>questi aspetti non possono essere solo parol</strong>e».&nbsp; È quanto richiede il mercato «dove di fatto sta avvenendo una sorta di selezione naturale», spiega Giorgino, tra chi osserva realmente i criteri Esg e chi, invece, continua a fare orecchie da mercante. Una riflessione che conferma un&nbsp;<strong>cambio di paradigma in atto</strong>, che&nbsp;<strong>integra sempre più la sostenibilità nella vita dell'impresa</strong>. Il rapporto tra sostenibilità ambientale e sostenibilità economica è modificato, non è più soltanto questione di etica.", "permalink":"world-economic-forum-eni-e-politenico-tutto-su-sostenibilita-da-plasticfinder", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1114799/Newsletter+22+gennaio+2023.png/f63810fa-0053-43ce-9901-466115c776cb?t=1674371710421", "date":"2023-01-22T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce"] } , { "id":"1114715", "category":"", "title":"WORLD ECONOMIC FORUM, COSTO DELLA VITA PRIMO RISCHIO GLOBALE: TEMPO DI ECONOMIA CIRCOLARE", "description":"<p><strong>Il primo rischio globale dei prossimi due anni? Il costo della vita</strong>. A indicarlo è il <strong>Global Risks Report 2023</strong> del World Economic Forum, l'appuntamento annuale a Davos conclusosi oggi, venerdì 20 gennaio 2023.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>ALLARME PER COSTO DELLA VITA E MINORE ATTENZIONE ALL'AMBIENTE</h2> <p>Da qui a due anni – scrive Carmelo Greco su <a href=\"https://www.digital4.biz/executive/world-economic-forum-global-risk-report-2023-quali-sono-i-rischi-globali-piu-rilevanti/\">digital4.biz</a>, commentando il <a href=\"http://chrome-extension://efaidnbmnnnibpcajpcglclefindmkaj/https://www3.weforum.org/docs/WEF_Global_Risks_Report_2023.pdf\">rapporto</a> – il primo rischio globale sarà il costo della vita, sostituito a lungo termine dal fallimento nel mitigare gli effetti del cambiamento climatico: «<strong>Le emergenze più immediate</strong>, di cui costo della vita ed erosione della coesione sociale rappresentano due voci nella top five dei rischi impellenti, <strong>potrebbero rallentare le azioni intraprese a contrasto delle conseguenze del cambiamento climatico</strong>. Conseguenze che influiscono direttamente sull'innalzamento del livello del mare e sulla genesi di eventi meteorologici estremi, ma anche indirettamente sulle perdite dei raccolti, sull'accesso alle risorse alimentari di base, sulla migrazione climatica e sull'aumento dei disordini civili».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>DALL'ECONOMIA LINEARE A QUELLA CIRCOLARE</h2> <p>Come ripetiamo noi di <a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/news/content/read/il-protocollo-di-certificazione-plasticfinder-diventa-un-caso-di-studio-del-politecnico-milano\"><strong>PlasticFinder</strong></a>, <strong>la soluzione è nel ripensamento della nostra economia in ottica circolare</strong>. L'economia lineare (con la produzione di beni e scarti che non reimmesso nel ciclo produttivo) è ormai alle strette: è tempo di sostenibilità dell'intero processo produttivo. Vale, anche per la plastica con la reimmissione sul mercato delle materie utilizzate o scartate.</p>", "permalink":"world-economic-forum-costo-della-vita-primo-rischio-globale-tempo-di-economia-circolare", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1114697/iStock-1389104547+%281%29.jpg/c4f7a71a-4783-4a91-a474-6c3c4515cc7f?t=1674238408797", "date":"2023-01-20T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Environment"] } , { "id":"1111093", "category":"", "title":"ENI SCOMMETTE SULLA SUA SOSTENIBILITÀ: SE FALLISCE, PAGHERÀ DI PIÙ GLI INVESTITORI", "description":"<p>Per la prima volta <strong>Eni</strong> emette un bond legato a <strong>obiettivi di sostenibilità</strong>. Se li raggiunge, bene. Se non dovesse farcela, dovrà pagare di più i suoi investitori. Una sorta di \"auto-punizione\".</p> <p>&nbsp;</p> <h2>ENI METTE SUL MERCATO UN NUOVO BOND</h2> <p>Questa decisione&nbsp;la dice lunga sul <strong>cambiamento in atto</strong> anche nel mondo della finanza: oggi essere green, o perlomeno provarci, non è più un'opzione. Il mercato è sempre più attento a come si muovono le aziende su questo piano e pronto a penalizzare chi non si adegua.</p> <p>Eni torna dunque a sollecitare il piccolo risparmio, dopo oltre dieci anni, mettendo sul mercato obbligazioni che avranno la durata di cinque anni per un valore complessivo dell'emissione che dovrebbe essere di circa un miliardo di euro (ma molto dipenderà dalla domanda).</p> <p>&nbsp;</p> <h2>DUE TARGET DI SOSTENIBILITÀ DA RAGGIUNGERE</h2> <p>Ma l'aspetto interessante riguarda appunto gli obiettivi prefissati: uno riguarda il&nbsp;<strong>Net Carbon Footprint Upstream</strong>&nbsp;e l'altro la <strong>capacità installata per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili</strong>.</p> <p>Nel caso in cui tutto procedesse bene, come da intenti, il tasso di interesse rimarrà invariato sino alla scadenza delle obbligazioni: nessun ulteriore vantaggio economico per gli investitori, dunque, e nessuna \"penalità\" per Eni. Qualora invece l'azienda mancasse anche uno solo dei due target, il tasso di interesse relativo alla cedola pagabile alla data di scadenza del bond (quindi tra cinque anni) <strong>verrà aumentato dello 0,50%</strong>.</p> <p>Dobbiamo abituarci a vedere sempre più green anche il&nbsp;mondo della finanza.</p>", "permalink":"eni-scommette-sulla-sua-sostenibilita-se-fallisce-paghera-di-piu-gli-investitori", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1111073/Corriere-della-sera-PlasticFinder.JPEG/1e7b3b62-4c48-41cb-9d4d-2bd72d3bba78?t=1673961735158", "date":"2023-01-18T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce","Environment"] } , { "id":"1110567", "category":"", "title":"NON SOLO PAROLE, LA SOSTENIBILITÀ È MISURABILE (E SPINGE L'ADOZIONE DEI CRITERI ESG)", "description":"<p>Non bastano soltanto le parole, <strong>la sostenibilità è misurabile</strong>. E questo spingerà sempre più aziende e istituzioni finanziare verso l'adozione delle <strong>regole Esg</strong>.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>LA SOSTENIBILITÀ L'ADOZIONE DEI CRITERI ESG</h2> <p>«La sostenibilità - afferma <strong>Marco Giorgino</strong>, professore al <a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/news/content/read/il-protocollo-di-certificazione-plasticfinder-diventa-un-caso-di-studio-del-politecnico-milano\">Politecnico di Milano</a> su <a href=\"https://www.corriere.it/pianeta2030/23_gennaio_04/non-solo-buone-intenzioni-sostenibilita-si-misura-questo-fa-differenza-8835b582-8833-11ed-8dd9-3f83702fb8ed.shtml\"><em>Pianeta 2023 del Corriere della Sera</em></a> - sta diventando un driver di competitività. Un'azienda che vuole raccogliere capitali, per esempio per effettuare investimenti, e che vuole avere un rapporto efficiente con i mercati finanziari, ormai deve dimostrare di aver applicato, o di essere seriamente impegnata nel farlo, i <strong>criteri Esg</strong>, cioè quella serie di principi che attengono ad <strong>ambiente (Environmental), società (Social) e Governance</strong>. Ogni pilastro fa riferimento a un insieme sempre più dettagliato di criteri nell'area dell'<a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/news/content/read/media-italiani-plasticfinder-first-mover-per-protocolli-bottiglie-acqua-100-plastica-riciclata\">impegno ambientale</a>, del rispetto dei valori aziendali e personali e delle buone regole di governance, trasparente ed accurata. E sempre più <strong>questi aspetti non possono essere solo parol</strong>e».&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>AZIENDE PIÙ GREEN, LO RICHIEDE IL MERCATO</h2> <p>È quanto richiede il mercato «dove di fatto sta avvenendo una sorta di selezione naturale», spiega Giorgino, tra chi osserva realmente i criteri Esg e chi, invece, continua a fare orecchie da mercante. Una riflessione che conferma un <strong>cambio di paradigma in atto</strong>, che <strong>integra sempre più la sostenibilità nella vita dell'impresa</strong>. Il rapporto tra sostenibilità ambientale e sostenibilità economica è modificato, non è più soltanto questione di etica.&nbsp;</p>", "permalink":"non-solo-parole-la-sostenibilita-e-misurabile-e-spinge-l-adozione-dei-criteri-esg-", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1110549/esg-sostenibilit%C3%A0-finanza-green-corriere-sera-plasticfinder.jpg/157f0473-2d97-464e-9153-7faebd847f43?t=1673876729100", "date":"2023-01-16T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Market data","Business / e-commerce","Environment","Job posting"] } , { "id":"1109872", "category":"", "title":"MODELLO GOODYEAR E KARTELL PER L'ECONOMIA CIRCOLARE", "description":"<strong>Goodyear e Kartell sostenibili: ecco il business circolare, vediamolo insieme</strong> a PlasticFinder <strong>con le notizie della settimana.</strong> <p>&nbsp;</p> <h2>GOODYEAR TRACCIA LA ROTTA PER IL 2023: PNEUMATICI SOSTENIBILI AL 100%</h2> <p>È un obiettivo sfidante ma sempre più vicino.&nbsp;<strong>Goodyear</strong>&nbsp;annuncia di voler introdurre il&nbsp;<a href=\"https://www.repubblica.it/motori/sezioni/attualita/2023/01/08/news/goodyear_prepara_il_pneumatico_sostenibile_al_100-382212669/\"><strong>primo pneumatico 100% sostenibile entro il 2030</strong></a>.&nbsp;Solo pochi giorni fa al Ces di Las Vegas, la fiera dedicata alle innovazioni tecnologiche, l'azienda ha presentato uno pneumatico dimostrativo composto per il 90% da materiali sostenibili a basso impatto ambientale.&nbsp;&nbsp; Il prototipo (che comprende 17 ingredienti in 12 diversi componenti) ha già superato i test del dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti ed è stato&nbsp;<strong>approvato per l'utilizzo stradale,</strong>&nbsp;confermando l'intenzione di portarlo sul mercato il prima possibile. Il progetto arriva solo un anno dopo l'annuncio di Goodyear di un altro&nbsp;<a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/news/content/read/nuova-vita-agli-pneumatici-fuori-uso-grazie-a-ecotyre-e-legambiente-recuperati-137-530-kg-di-pfu\">pneumatico</a>&nbsp;concept, che nel 2022 si attestava al 70% di materiali sostenibili. Ma la società di Akron, in Ohio, è già pronta per un ulteriore passo avanti nella<strong>&nbsp;<a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/news/content/read/media-italiani-plasticfinder-first-mover-per-protocolli-bottiglie-acqua-100-plastica-riciclata\">sostenibilità</a>&nbsp;dei materiali per la mobilità</strong>.&nbsp; «Continuiamo a compiere progressi - afferma&nbsp;<strong>Chris Helsel</strong>, vicepresidente senior, Operazioni globali e Chief Technology Officer - verso il nostro obiettivo di introdurre il&nbsp;<strong>primo pneumatico in materiale sostenibile al 100% nel settore entro il 2030</strong>. Il nostro team continua a mostrare la sua innovazione e il suo impegno per costruire un futuro migliore».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>MODELLO KARTELL: PLASTICA RICICLATA INTEGRATA NEL CATALOGO UFFICIALE</h2> <p>È<strong>&nbsp;l'intervista più interessante della settimana</strong>:&nbsp;<strong>Claudio Luti, presidente di Kartell</strong>, azienda leader nel settore del design, specializzata nella produzione di arredi: «Sul riciclato lavoriamo da molto tempo e ora è integrato nel nostro catalogo. Quando ancora non ne parlava nessuno, nei primi anni Novanta creammo il primo gettacarta con il riciclo della plastica», racconta l'imprenditore a Daniele Manca sul&nbsp;<a href=\"https://www.corriere.it/economia/aziende/le-storie/23_gennaio_12/kartell-parla-claudio-luti-ogni-mese-philippe-starck-vola-noi-versace-miei-inizi-a781df26-924f-11ed-bbc2-1889ec142abd.shtml\"><em>Corriere della Sera</em></a>. <strong>È la visione dell'impresa fondata da Giulio Castelli nel 1949&nbsp;</strong>per realizzare il design che sarebbe diventato la bandiera del Made in Italy, meritando tanti riconoscimenti internazionali, fra cui nove Compassi d'Oro. Come spiega il portale ufficiale, «l'intuizione fondamentale è stata quella di&nbsp;<strong>portare nell'ambiente domestico un materiale mai utilizzato prima per tali usi: la plastica</strong>. Improvvisamente gli oggetti di uso quotidiano diventano pratici, colorati, divertenti, semplificando la vita domestica. Fin dall'inizio l'obiettivo principale del marchio è stata la continua ricerca di materiali, forme e finiture». In tema di attenzione ai materiali Kartelli ha dato vita al manifesto \"<strong>Kartell loves the planet</strong>\", elaborando un&nbsp;<strong>codice di sostenibilità</strong>&nbsp;che include il raggiungimento di 11 dei 17 obiettivi di sviluppo, definiti dall'Organizzazione delle Nazioni Unite come strategia per ottenere un futuro migliore e più sostenibile per tutti. «Non si tratta semplicemente di creare un prodotto green ma di generare una strategia industriale, che coinvolge l'intero processo produttivo», nota Luti. «Siamo orgogliosi del nostro progetto Kartell Loves the Planet, che è un manifesto strategico su un concetto ampio di azienda etica e sostenibile – tira le somme il manager –. Ritengo che&nbsp;<strong>l'azienda sia qualcosa di sociale</strong>». «Un esempio del nostro impegno sulla ricerca di nuovi materiali e sui progetti di sostenibilità nel caso della&nbsp;<strong>sedia di Citterio nasce dall'amicizia con Andrea Illy</strong>&nbsp;con cui abbiamo pensato di<strong>&nbsp;lavorare sul riciclo delle capsule del caffè</strong>», prosegue sul Corriere Luti. È Re-Chair, la sedia progettata nel&nbsp;<strong>2021</strong>&nbsp;dall'architetto di Meda e realizzata in materiale riciclato, di cui PlasticFinder ha già parlato: la seduta è prodotta nel rispetto della sostenibilità, presentandosi con le linee squadrate e adatta per diversi ambienti della casa, dalla zona pranzo allo studio, fino all'outdoor è impilabile.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>PERCHÉ BUTTATE BOTTIGLIE IN GIRO? IL VIDEO DI GIOVANNI (DEL TRIO ALDO, GIOVANNI E GIACOMO) FA IL PIENO DI LIKE E DIVENTA VIRALE</h2> «<strong>Perché?</strong>». Una domanda semplice semplice, ripetuta in continuazione. Perché qualche sconsiderato getta risorse plastiche dove capita, dove si trova in quel preciso momento, senza pensare alle conseguenze? Come la domanda che pone, è semplicissimo, ma molto efficace anche il breve reel che l'attore&nbsp;<strong>Giovanni Storti&nbsp;</strong>(del trio comico&nbsp;<strong>Aldo, Giovanni e Giacomo</strong>) ha postato il 9 gennaio sul suo canale Instagram. Da sempre attento alle tematiche ambientali, Giovanni si fa riprendere nel corso di un'escursione in mezzo alla natura, mentre, armato di guanti, sacco e pinza telescopica, raccoglie una bottiglia di plastica, alcuni sacchi,un pezzo di polistirolo e una rete per avvolgere il fieno.&nbsp; In meno di 24 ore sono già&nbsp;<strong>mezzo milione le visualizzazioni&nbsp;</strong>per un video in cui non c'è nulla di comico. L'espressione di Giovanni è tra il corrucciato e l'incredulo. Il contrasto tra la bellezza della natura invernale e l'inciviltà umana stride, frame dopo frame. Come si chiede lui, e scrive anche nel copy del post, «<strong>La domanda è sempre: perché?</strong>».&nbsp; Perché c'è ancora gente che getta risorse plastiche ovunque? Qualcuno è in grado di dare una risposta logica a questo mistero?", "permalink":"modello-goodyear-e-kartell-per-l-economia-circolare", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1109854/Newsletter+16+gennaio+2023.png/a22c7010-5511-40e7-84d9-96a596fd0d55?t=1673774886771", "date":"2023-01-15T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Environment"] } , { "id":"1109806", "category":"", "title":"MODELLO KARTELL: PLASTICA RICICLATA INTEGRATA NEL CATALOGO UFFICIALE", "description":"<p>È<strong> l'intervista più interessante della settimana</strong>: <strong>Claudio Luti, presidente di Kartell</strong>, azienda leader nel settore del design, specializzata nella produzione di arredi: «Sul riciclato lavoriamo da molto tempo e ora è integrato nel nostro catalogo. Quando ancora non ne parlava nessuno, nei primi anni Novanta creammo il primo gettacarta con il riciclo della plastica», racconta l'imprenditore a Daniele Manca sul <a href=\"https://www.corriere.it/economia/aziende/le-storie/23_gennaio_12/kartell-parla-claudio-luti-ogni-mese-philippe-starck-vola-noi-versace-miei-inizi-a781df26-924f-11ed-bbc2-1889ec142abd.shtml\"><em>Corriere della Sera</em></a>.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>KARTELL, DAL 1949 DESIGN CON LA PLASTICA</h2> <p><strong>È la visione dell'impresa fondata da Giulio Castelli nel 1949 </strong>per realizzare il design che sarebbe diventato la bandiera del Made in Italy, meritando tanti riconoscimenti internazionali, fra cui nove Compassi d'Oro. Come spiega il portale ufficiale, «l'intuizione fondamentale è stata quella di <strong>portare nell'ambiente domestico un materiale mai utilizzato prima per tali usi: la plastica</strong>. Improvvisamente gli oggetti di uso quotidiano diventano pratici, colorati, divertenti, semplificando la vita domestica. Fin dall'inizio l'obiettivo principale del marchio è stata la continua ricerca di materiali, forme e finiture».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>KARTELL LOVES THE PLANET</h2> <p>In tema di attenzione ai materiali Kartelli ha dato vita al manifesto \"<strong>Kartell loves the planet</strong>\", elaborando un <strong>codice di sostenibilità</strong> che include il raggiungimento di 11 dei 17 obiettivi di sviluppo, definiti dall'Organizzazione delle Nazioni Unite come strategia per ottenere un futuro migliore e più sostenibile per tutti. «Non si tratta semplicemente di creare un prodotto green ma di generare una strategia industriale, che coinvolge l'intero processo produttivo», nota Luti. «Siamo orgogliosi del nostro progetto Kartell Loves the Planet, che è un manifesto strategico su un concetto ampio di azienda etica e sostenibile – tira le somme il manager –. Ritengo che <strong>l'azienda sia qualcosa di sociale</strong>».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>RE-CHAIR FIRMATA DA CITTERIO CON LE CAPSULE ILLY</h2> <p>«Un esempio del nostro impegno sulla ricerca di nuovi materiali e sui progetti di sostenibilità nel caso della <strong>sedia di Citterio nasce dall'amicizia con Andrea Illy</strong> con cui abbiamo pensato di<strong> lavorare sul riciclo delle capsule del caffè</strong>», prosegue sul Corriere Luti. È Re-Chair, la sedia progettata nel <strong>2021</strong> dall'architetto di Meda e realizzata in materiale riciclato, di cui PlasticFinder ha già parlato: la seduta è prodotta nel rispetto della sostenibilità, presentandosi con le linee squadrate e adatta per diversi ambienti della casa, dalla zona pranzo allo studio, fino all'outdoor è impilabile.&nbsp;</p>", "permalink":"modello-kartell-plastica-riciclata-integrata-nel-catalogo-ufficiale", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1109788/iStock-1169585494+%281%29.jpg/085ed626-09e0-49e9-a375-53170b5d2ed4?t=1673719974583", "date":"2023-01-13T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Environment"] } , { "id":"1108326", "category":"", "title":"GOODYEAR TRACCIA LA ROTTA PER IL 2023: PNEUMATICI SOSTENIBILI AL 100%", "description":"<p>È un obiettivo sfidante ma sempre più vicino. <strong>Goodyear</strong> annuncia di voler introdurre il <a href=\"https://www.repubblica.it/motori/sezioni/attualita/2023/01/08/news/goodyear_prepara_il_pneumatico_sostenibile_al_100-382212669/\"><strong>primo pneumatico 100% sostenibile entro il 2030</strong></a>.&nbsp;Solo pochi giorni fa al Ces di Las Vegas, la fiera dedicata alle innovazioni tecnologiche, l'azienda ha presentato uno pneumatico dimostrativo composto per il 90% da materiali sostenibili a basso impatto ambientale.&nbsp;&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>GOODYEAR, PNEUMATICI SOSTENIBILI AL 100% NEL 2023&nbsp;</h2> <p>Il prototipo (che comprende 17 ingredienti in 12 diversi componenti) ha già superato i test del dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti ed è stato <strong>approvato per l'utilizzo stradale,</strong> confermando l'intenzione di portarlo sul mercato il prima possibile. Il progetto arriva solo un anno dopo l'annuncio di Goodyear di un altro <a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/news/content/read/nuova-vita-agli-pneumatici-fuori-uso-grazie-a-ecotyre-e-legambiente-recuperati-137-530-kg-di-pfu\">pneumatico</a> concept, che nel 2022 si attestava al 70% di materiali sostenibili.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>PNEUMATICI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE</h2> <p>Ma la società di Akron, in Ohio, è già pronta per un ulteriore passo avanti nella<strong> <a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/news/content/read/media-italiani-plasticfinder-first-mover-per-protocolli-bottiglie-acqua-100-plastica-riciclata\">sostenibilità</a> dei materiali per la mobilità</strong>.&nbsp; «Continuiamo a compiere progressi - afferma <strong>Chris Helsel</strong>, vicepresidente senior, Operazioni globali e Chief Technology Officer - verso il nostro obiettivo di introdurre il <strong>primo pneumatico in materiale sostenibile al 100% nel settore entro il 2030</strong>. Il nostro team continua a mostrare la sua innovazione e il suo impegno per costruire un futuro migliore».<br /> </p>", "permalink":"goodyear-traccia-la-rotta-per-il-2023-pneumatici-sostenibili-al-100-", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1108308/goodyear-pneumatici-sostenibili-plasticfinder.jpg/86b0469c-f460-4de5-be54-d1340d15a657?t=1673446336262", "date":"2023-01-11T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Market data","Business / e-commerce","Environment","Job posting"] } , { "id":"1106621", "category":"", "title":"PERCHÉ BUTTATE BOTTIGLIE IN GIRO? IL VIDEO DI GIOVANNI (DEL TRIO ALDO, GIOVANNI E GIACOMO) FA IL PIENO DI LIKE E DIVENTA VIRALE", "description":"<p>«<strong>Perché?</strong>».</p> <p>Una domanda semplice semplice, ripetuta in continuazione. Perché qualche sconsiderato getta risorse plastiche dove capita, dove si trova in quel preciso momento, senza pensare alle conseguenze?</p> <p>&nbsp;</p> <h2>IL REEL POSTATO SU INSTAGRAM</h2> <p>Come la domanda che pone, è semplicissimo, ma molto efficace anche il breve reel che l'attore <strong>Giovanni Storti </strong>(del trio comico <strong>Aldo, Giovanni e Giacomo</strong>) ha postato il 9 gennaio sul suo canale Instagram. Da sempre attento alle tematiche ambientali, Giovanni si fa riprendere nel corso di un'escursione in mezzo alla natura, mentre, armato di guanti, sacco e pinza telescopica, raccoglie una bottiglia di plastica, alcuni sacchi,un pezzo di polistirolo e una rete per avvolgere il fieno.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>MEZZO MILIONE DI VISUALIZZAZIONI IN 24 ORE</h2> <p>In meno di 24 ore sono già <strong>mezzo milione le visualizzazioni </strong>per un video in cui non c'è nulla di comico. L'espressione di Giovanni è tra il corrucciato e l'incredulo. Il contrasto tra la bellezza della natura invernale e l'inciviltà umana stride, frame dopo frame. Come si chiede lui, e scrive anche nel copy del post, «<strong>La domanda è sempre: perché?</strong>».&nbsp;</p> <p>Perché c'è ancora gente che getta risorse plastiche ovunque? Qualcuno è in grado di dare una risposta logica a questo mistero?&nbsp;</p>", "permalink":"perche-buttate-bottiglie-in-giro-il-video-di-giovanni-del-trio-aldo-giovanni-e-giacomo-fa-il-pieno-di-like-e-diventa-virale", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1106597/Giovanni-PlasticFinder-riciclo.JPEG/889b472f-1ecc-4b88-bf2d-3510968ff29c?t=1673340295751", "date":"2023-01-10T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Environment"] } , { "id":"1104445", "category":"", "title":"BYE BYE PLASTIC TAX, BUON 2023", "description":"<strong>Byebye plastic tax al 2024</strong>, <strong>scarpette per bovini</strong> fatte in un materiale composito grazie a<strong> Idea Plast e Ecopneus</strong>, <strong>Ecobefana all'Epifania</strong>. Scopriamo insieme a PlasticFinder le notizie della <strong>prima settimana del 2023</strong>. <p>&nbsp;</p> <h2>PLASTIC TAX, NUOVA SOSPENSIONE: SE NE RIPARLA (FORSE) NEL 2024</h2> <p>Per la&nbsp;<strong>Plastic tax</strong>&nbsp;se ne riparla (forse) nel 2024: il ddl di Bilancio 2023 approvato il 29 dicembre dal Senato rimanda infatti ancora di un anno l'entrata in vigore della legge, spostandone l'avvio a&nbsp;<strong>gennaio 2024</strong>.&nbsp; Si tratta dell'ennesima sospensione di una misura,&nbsp;<strong>del valore di 600 milioni di euro</strong>, che avrebbe dovuto diventare effettiva a luglio 2020 (come definito dalla Legge di Bilancio 2020), l'anno di maggiore sofferenza a causa della pandemia. Poi, un primo slittamento per luglio 2021, seguito da quello per il 2022. E ora&nbsp;l'ultima decisione&nbsp;che potrebbe preludere a&nbsp;<strong>un'eliminazione tout court</strong>&nbsp;di questo provvedimento nei prossimi mesi. Nessun cambiamento, dunque, per quanto riguarda le imposte sui prodotti in plastica monouso: tutto, al momento, rimane com'è. Una scelta accolta con favore dal comparto dell'industria plastica, da sempre perplesso sull'opportunità di dar vita a una nuova tassa che&nbsp;<strong>prevede esborsi certi&nbsp;</strong>ma la cui reale efficacia a livello ambientale è ancora tutta da valutare.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>SCARPETTE IN GOMMA RICICLATA PER AIUTARE LE MUCCHE: L'ITALIA FA DA APRIPISTA CON ECOPNEUS E IDEA PLAST</h2> <p>Ricavare dagli scarti di produzione di calzature degli&nbsp;<strong>speciali zoccoli per le mucche</strong>&nbsp;risolve un doppio problema. Da un lato, prevenire e trattare una serie di disturbi e patologie bovine, dalla zoppia bovina a infezioni di vario tipo. Dall'altro, riutilizzare gli scarti plastici, come quelli utilizzati per la produzione di scarpe antinfortunistiche, più complessi da riciclare. Da questo nascono le&nbsp;<a href=\"https://circulareconomynetwork.it/2022/11/30/cowshoes-pfu/\"><strong>Cow Shoes</strong></a>, scarpette per bovini fatte in un materiale composito realizzato con materie prime seconde provenienti dal riciclo della plastica e degli pneumatici fuori uso. Un&nbsp;<a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/news/content/read/il-protocollo-di-certificazione-plasticfinder-diventa-un-caso-di-studio-del-politecnico-milano\">progetto tutto italiano di economia circolare</a>&nbsp;nato dalla collaborazione di&nbsp;<strong>Idea Plast</strong>, azienda con sede a Lainate, in provincia di Milano, ed&nbsp;<strong>Ecopneus</strong>, consorzio per il riciclo degli pneumatici fuori uso.&nbsp; «Trasformare qualcosa che abbiamo scartato in un qualcosa di nuovo e riutilizzabile -&nbsp; commenta&nbsp;<strong>Alessandro Trentini</strong>, fondatore e direttore tecnico di Idea Plast - rappresenta un forte messaggio sociale, perché ci fa capire come una&nbsp;<strong>corretta gestione dell'intera filiera</strong>&nbsp;dalla produzione al recupero fino al riutilizzo, possa&nbsp;<strong>trasformare la plastica da rifiuto in risorsa</strong>». «La ricerca è fondamentale nel settore del riciclo - spiega&nbsp;<strong>Giorgio Pisano</strong>, responsabile sviluppo mercati Ecopneus-: l'urgenza di una&nbsp;<strong>sempre maggiore sostenibilità dei prodotti</strong>&nbsp;può essere affrontata soltanto investendo impegno e risorse, trovando nuove modalità di utilizzo dei materiali riciclati». Complimenti da tutto il team di&nbsp;<a href=\"https://www.plasticfinder.it/en/web/guest/news/content/read/fare-una-startup-e-un-po-come-cucinare-la-ricetta-di-plasticfinder\">PlasticFinder</a>.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>È ARRIVATA L'ECOBEFANA IN TOSCANA, LA PLASTICA NON VA MAI BUTTATA</h2> <strong>C'è la Befana e c'è l'Ecobefana</strong>: è quella&nbsp;<strong>arrivata sulle spiagge toscane della Versilia in Toscana&nbsp;</strong>per sensibilizzare grandi e piccoli sulla pulizia delle spiagge. Come racconta il portale&nbsp;<a href=\"https://www.orizzontenergia.it/2023/01/06/befana-dal-mare-ripulisce-spiagge-plastica/\"><em><strong>Orizzontenergia</strong></em></a>, l'EcoBefana si è messa al lavoro con i bambini e gli adulti per ripulire il bagnasciuga. Dopo lo sbarco dal mare, l'EcoBefana è volata, insieme agli iscritti della&nbsp;<strong>società sportiva calcio A.S.D. Pietrasanta</strong>, nel centro storico della città. Qui, accompagnata dalle note della Filarmonica di Capezzano Monte e sotto la sorveglianza dell'Edilizia Acrobatica, si è calata dal&nbsp;<strong>campanile</strong>.", "permalink":"bye-bye-plastic-tax-buon-2023", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1104427/Plastica+News+PlasticFinder+-+7+gennaio+2023.jpg/f441f05b-50a8-4623-892d-7cad1d5aea83?t=1673029793914", "date":"2023-01-07T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce"] } , { "id":"1104415", "category":"", "title":"È ARRIVATA L'ECOBEFANA IN TOSCANA, LA PLASTICA NON VA MAI BUTTATA", "description":"<p><strong>C'è la Befana e c'è l'Ecobefana</strong>: è quella <strong>arrivata sulle spiagge toscane della Versilia in Toscana </strong>per sensibilizzare grandi e piccoli sulla pulizia delle spiagge. Come racconta il portale <a href=\"https://www.orizzontenergia.it/2023/01/06/befana-dal-mare-ripulisce-spiagge-plastica/\"><strong><em>Orizzontenergia</em></strong></a>, l'EcoBefana si è messa al lavoro con i bambini e gli adulti per ripulire il bagnasciuga.</p> <p>&nbsp;</p> <h2>IL MESSAGGIO DELL'ECOBEFANA A PIETRASANTA IN TOSCANA</h2> <p>Dopo lo sbarco dal mare, l'EcoBefana è volata, insieme agli iscritti della <strong>società sportiva calcio A.S.D. Pietrasanta</strong>, nel centro storico della città. Qui, accompagnata dalle note della Filarmonica di Capezzano Monte e sotto la sorveglianza dell'Edilizia Acrobatica, si è calata dal <strong>campanile</strong>.&nbsp;</p>", "permalink":"e-arrivata-l-ecobefana-in-toscana-la-plastica-non-va-mai-buttata", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1104397/Ecobefana+Epifania+2023.jpg/7fc56218-fe60-45e8-8375-26814004bc9b?t=1673027915317", "date":"2023-01-06T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Environment"] } , { "id":"1104209", "category":"", "title":"SCARPETTE IN GOMMA RICICLATA PER AIUTARE LE MUCCHE: L'ITALIA FA DA APRIPISTA CON ECOPNEUS E IDEA PLAST", "description":"<p>Ricavare dagli scarti di produzione di calzature degli <strong>speciali zoccoli per le mucche</strong> risolve un doppio problema. Da un lato, prevenire e trattare una serie di disturbi e patologie bovine, dalla zoppia bovina a infezioni di vario tipo. Dall'altro, riutilizzare gli scarti plastici, come quelli utilizzati per la produzione di scarpe antinfortunistiche, più complessi da riciclare. Da questo nascono le <a href=\"https://circulareconomynetwork.it/2022/11/30/cowshoes-pfu/\"><strong>Cow Shoes</strong></a>, scarpette per bovini fatte in un materiale composito realizzato con materie prime seconde provenienti dal riciclo della plastica e degli pneumatici fuori uso. Un <a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/news/content/read/il-protocollo-di-certificazione-plasticfinder-diventa-un-caso-di-studio-del-politecnico-milano\">progetto tutto italiano di economia circolare</a> nato dalla collaborazione di <strong>Idea Plast</strong>, azienda con sede a Lainate, in provincia di Milano, ed <strong>Ecopneus</strong>, consorzio per il riciclo degli pneumatici fuori uso.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>SCARPETTE IN GOMMA RICICLATA PER AIUTARE LE MUCCHE</h2> <p>«Trasformare qualcosa che abbiamo scartato in un qualcosa di nuovo e riutilizzabile -&nbsp; commenta <strong>Alessandro Trentini</strong>, fondatore e direttore tecnico di Idea Plast - rappresenta un forte messaggio sociale, perché ci fa capire come una <strong>corretta gestione dell'intera filiera</strong> dalla produzione al recupero fino al riutilizzo, possa <strong>trasformare la plastica da rifiuto in risorsa</strong>».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>L'ITALIA FA DA APRIPISTA CON ECOPNEUS E IDEA PLAST</h2> <p>«La ricerca è fondamentale nel settore del riciclo - spiega <strong>Giorgio Pisano</strong>, responsabile sviluppo mercati Ecopneus-: l'urgenza di una <strong>sempre maggiore sostenibilità dei prodotti</strong> può essere affrontata soltanto investendo impegno e risorse, trovando nuove modalità di utilizzo dei materiali riciclati». Complimenti da tutto il team di <a href=\"https://www.plasticfinder.it/en/web/guest/news/content/read/fare-una-startup-e-un-po-come-cucinare-la-ricetta-di-plasticfinder\">PlasticFinder</a>.&nbsp;</p>", "permalink":"scarpette-in-gomma-riciclata-per-aiutare-le-mucche-l-italia-fa-da-apripista-con-ecopneus-e-idea-plast", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1104193/scarpette-zoccoli-mucche-plastica-riciclata-idea-plast-ecopneus-plasticfinder-economia-circolare.jpg/73444c82-56c8-4855-9ab7-dccfa9090d47?t=1672820943389", "date":"2023-01-04T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Market data","Business / e-commerce","Environment","Job posting"] } , { "id":"1102535", "category":"", "title":"PLASTIC TAX, NUOVA SOSPENSIONE: SE NE RIPARLA (FORSE) NEL 2024", "description":"<p>Per la <strong>Plastic tax</strong> se ne riparla (forse) nel 2024: il ddl di Bilancio 2023 approvato il 29 dicembre dal Senato rimanda infatti ancora di un anno l'entrata in vigore della legge, spostandone l'avvio a <strong>gennaio 2024</strong>.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>MISURA DA 600 MILIONI DI EURO</h2> <p>Si tratta dell'ennesima sospensione di una misura, <strong>del valore di 600 milioni di euro</strong>, che avrebbe dovuto diventare effettiva a luglio 2020 (come definito dalla Legge di Bilancio 2020), l'anno di maggiore sofferenza a causa della pandemia. Poi, un primo slittamento per luglio 2021, seguito da quello per il 2022.</p> <p>Fino all'ultima decisione degli scorsi giorni, che potrebbe preludere a <strong>un'eliminazione tout court</strong> di questo provvedimento nei prossimi mesi.</p> <h2><br /> TASSA DAVVERO UTILE PER L'AMBIENTE?</h2> <p>Per ora, dunque, nessun cambiamento per quanto riguarda le imposte sui prodotti in plastica monouso. Tutto rimane com'è.</p> <p>Una scelta accolta con favore dal comparto dell'industria plastica, da sempre perplesso sull'opportunità di dar vita a una nuova tassa che <strong>prevede esborsi certi </strong>ma la cui reale efficacia a livello ambientale è ancora tutta da valutare.</p>", "permalink":"plastic-tax-nuova-sospensione-se-ne-riparla-forse-nel-2024", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1102517/Plasticfinder-plastictax-2024.jpg/eec42f5e-40c6-4794-8e4e-59a509818846?t=1672673198609", "date":"2023-01-02T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce","Environment"] } , { "id":"1102301", "category":"", "title":"HAPPY & SUSTAINABLE NEW YEAR", "description":"<h2><strong>\"For last year's words belong to last year's language<br /> And next year's words await another voice.<br /> And to make an end is to make a beginning\".</strong></h2> <h2><strong>T. S. Eliot</strong></h2>", "permalink":"happy-sustainable-new-year", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1102283/PlasticFinder+HAPPY+%26+SUSTAINABLE+NEW+YEAR.png/6e7602ea-a378-4361-bde3-a3264f21f943?t=1672425344223", "date":"2022-12-30T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Environment"] } , { "id":"1102109", "category":"", "title":"PLASTICA RICICLATA A SERVIZIO DEL PADEL CON VERSALIS, ITALGREEN E FORNAROLI POLYMERS", "description":"<p>Il padel è uno degli sport del momento, praticato da un numero sempre maggiore di giocatori. Fa piacere sapere che a Piacenza è stato posato un <strong>campo da padel in erba sintetica realizzato con <a href=\"https://www.plasticfinder.it/web/guest/news/content/read/il-protocollo-di-certificazione-plasticfinder-diventa-un-caso-di-studio-del-politecnico-milano\">plastica riciclata</a></strong>. È formato per il 30% da materiali di recupero ottenuti utilizzando la <strong><a href=\"https://versalis.eni.com/it-IT/news/focus-on/2022/revive-primo-campo-padel-erba-sintetica-piacenza.html\">Versalis Revive&reg; PE</a></strong>, una miscela di polimeri e additivi prodotta a partire da rifiuti di imballaggi post consumo e certificata secondo lo schema Plastica Seconda Vita.</p> <h2>A PIACENZA PLASTICA RICICLATA A SERVIZIO DEL PADEL&nbsp;</h2> <p>Si tratta, infatti, di compound che contengono elevate percentuali di polietilene da materia prima riciclata sviluppati con tecnologie all'avanguardia. Il progetto nasce dalla collaborazione tra <strong>Versalis (società del gruppo Eni)</strong>, che ha fornito la materia prima, <strong>Italgreen</strong>, azienda attiva nella produzione di erba sintetica, e <strong>Fornaroli Polymers</strong>, distributore di polimeri termoplastici. Il tappeto realizzato è più sostenibile rispetto ai tappeti tradizionali e oltre a contenere materiale post consumo, è a sua volta riciclabile a fine vita al 100%.</p> <h2>ECONOMIA CIRCOLARE CON VERSALIS, ITALGREEN E FORNAROLI POLYMERS</h2> <p>«Lavorare insieme a più aziende - spiega <strong>Franco Meropiali</strong>, responsabile Polietilene e Intermedi di Versalis - porta a raggiungere <strong>ottimi risultati in termini di sostenibilità</strong>. Un ulteriore step nel rendere il nostro prodotto Versalis Revive&reg; PE sempre più performante tecnicamente, con l'obiettivo di poter aumentare il contenuto di materiale riciclato nelle diverse applicazioni, oltre che a ridurre gli impatti del suo fine vita. Questa iniziativa conferma il costante impegno di Versalis nell'ambito dell'economia circolare, che rappresenta uno dei nostri principali obiettivi strategici». L'unione fa la forza. Bella iniziativa.</p>", "permalink":"plastica-riciclata-a-servizio-del-padel-con-versalis-italgreen-e-fornaroli-polymers", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1102060/padel-plasticfinder-versalis-eni-piacenza-plastica-riciclata.jpg/bd1860c7-2191-472c-907c-16b995fe4c68?t=1672238592492", "date":"2022-12-28T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Market data","Business / e-commerce","Environment","Job posting"] } , { "id":"1101593", "category":"", "title":"IL PRESIDENTE DI FERRARELLE: NO AL RIUSO, SÌ AL RICICLO", "description":"<p>Se la Commissione Ue dovesse approvare&nbsp;il <strong>regolamento che ridà slancio a riuso </strong>e sistemi di deposito con cauzione per bottiglie di plastica e lattine in alluminio «gran parte dell'industria italiana del settore, e più in generale di quella europea, dovrebbe rivedere le strategie orientate al riciclo adottate da 15 anni. Con costi molto alti».</p> <p>&nbsp;</p> <h2>«IL RIUSO NON FA BENE ALL'AMBIENTE»</h2> <p>A parlare è <strong>Carlo Pontecorvo</strong>, presidente di <strong>Ferrarelle Spa</strong>, in un'intervista rilasciata al <em>Sole 24 Ore </em>e ripresa dall'<em>Ansa</em>. «Molte imprese, quelle di minori dimensioni, non ce la faranno – continua Pontecorvo –. <strong>Il riuso non fa bene all'ambiente</strong>. La bottiglia deve essere più spessa, quindi con maggiore quantità di plastica prodotta e dispersa. La sanificazione, poi, richiede alte temperature, quindi con maggiore consumo di energia».&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h2>SE PASSANO REGOLE UE, INVESTIMENTI VANIFICATI</h2> <p>Secondo il presidente di Ferrarelle, dunque, se passasse il Regolamento Ue sul riuso, <strong>gran parte degli investimenti</strong> effettuati finora nella sua azienda in impianti e per il riciclo degli imballaggi <strong>sarebbero vanificati</strong> e bisognerebbe affrontare nuovi importanti investimenti con un impatto ben peggiore per l'ambiente.&nbsp;</p> <p>Quando si discute di riciclo, è giusto ascoltare tutti i pareri di chi lavora nei settori interessati. Ognuno può ovviamente pensarla in modo diverso, anche&nbsp;radicalmente diverso, ma ogni contributo, quando motivato, può essere importante per alimentare il dibattito e <strong>trovare le soluzioni migliori per l'ambiente</strong> e gli operatori di mercato.<br /> &nbsp;</p> <p><a href=\"https://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/rifiuti_e_riciclo/2022/12/03/ferrarellese-passano-regole-riuso-settore-va-in-crisi_85d72e92-b706-4acc-9430-7786040566a7.html\">LEGGI L'ARTICOLO DELL'ANSA</a></p>", "permalink":"il-presidente-di-ferrarelle-no-al-riuso-si-al-riciclo", "imageUrl":"https://www.plasticfinder.it//documents/10181/1101575/plastica-plasticfinder-ferrarelle.jpg/262a737a-b02e-46b3-84ff-53faab50012c?t=1672157897648", "date":"2022-12-27T00:00:00.000Z", "categories":["NEWSLETTER","Business / e-commerce","Environment"] } ]